Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: PEZZI Spettacolo vincitore del Roma Fringe Festival 2019


Teatro Vascello 
Martedì 12 novembre h 21 

 PEZZI 
Si vive per imparare a restare morti tanto tempo Spettacolo vincitore del Roma Fringe Festival 2019 

Regia e drammaturgia Laura Nardinocchi 
Con Ilaria Fantozzi, Ilaria Giorgi, Claudia Guidi Sound Designer Francesco Gentile Scene Ludovica Muraca 
Foto Simone Galli 
Produzione Florian Metateatro, Theatron Produzioni, Rueda Teatro ​ 

Associazione di Promozione Sociale Rueda Teatro via Isonzo 33 – 65015 - Montesilvano (PE) tel. 329 9573320 - Mail teatrorueda@gmail.com 


PROGETTO Un lavoro di scrittura scenica. Un lavoro lungo. Un lavoro che ha assorbito il nostro tempo e le nostre energie per circa nove mesi. Un processo attento e preciso. Un processo in cui si sono condivisi quadri, immagini, pensieri, poesie, esperienze, spaccati di vita. Un processo che, passo dopo passo, ha dato vita ad uno spettacolo. Uno spettacolo che parla di morte, di ricordi, di paure. Che parla di legami, di dolore, di vissuti. Che parla alle madri, ai padri e ai figli. Che parla di famiglia. Che parla ad ognuno e di ognuno di noi. 

NOTE DI REGIA Una casa. Una famiglia. Una madre e due figlie. È l’otto dicembre. L’albero di Natale va preparato. Come fanno tutti. Come si fa sempre. Come tutti gli anni. Rami, palline, luci, festoni. L’albero è ingombrante. È difficile capirsi, trovarsi, incontrarsi. È difficile parlare, stare nel silenzio è insopportabile. È difficile evitare di ricordare. “La memoria ha il movimento della marea. Puoi solo subirla e semmai scansarti, se proprio non vuoi bagnarti i piedi” 

Teatro Vascello promozione@teatrovascello.it promozioneteatrovascello@gmail.com 
06 5881021 – 06 5898031 
Teatro Vascello Via Giacinto Carini 78 Cap 00152 Monteverde Roma 
www.teatrovascello.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazioni in Primo Pino: Un romanzo di fantascienza italiana nato tra Lombardia e Basilicata

Un ragazzo del Sud mette a frutto le sue qualità informatiche per creare un mondo migliore dopo la morte di suo fratello, l’ennesima morte bianca. Un libro di fantascienza italiana, nato tra Lombardia e Basilicata. Il quadro è Milano ed il suo hinterland, ma anche Gallarate che gravita come la Luna intorno al suo aeroporto internazionale di Malpensa, con i suoi mille voli giornalieri. Tutto parte al Sud, in terra lucana. Rocco “rappresenta” un po’ tutti i ragazzi buoni d’Italia: volenterosi, intelligenti e umili. Dopo la morte del fratello, a causa di un incidente sul lavoro, l’ennesima morte bianca , decide, ormai trent’enne, di riscriversi all’Università e dedicarsi allo studio dell’Intelligenza Artificiale . Finalmente potrà usare le sue innate qualità. Il progetto per lui è chiaro sin dall’inizio, ma quello che gli succederà andrà oltre quanto preventivato, portandolo ai bordi dell’Universo e prendendo contatto con una specie aliena, i SyborgX. Rocco non compi

Reportage. In questo momento nel mondo: Norvegia, Fiji, Scozia, Thailandia

Le migliori vignette sulla vittoria di Donald Trump alle elezioni Usa