Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: Il Foglio Letterario al Pisa Book Festival


Il Foglio Letterario festeggia i VENT'ANNI di attività editoriale partecipando al 17° PISA BOOK FESTIVAL, rinnovando una tradizione che vede la Casa Editrice Piombinese sempre presente (con buon successo) alla kermesse editoriale pisana. Sabato 9 novembre ore 11 presso il Bookclub presenteremo alle scuole di Pisa Il nonno è un pirata - Il guardiano del tempo di Nino Genovese .

La presentazione - per impossibilità a essere presente da parte dell'autore - sarà curata da Federico Guerri e Gordiano Lupi, con la partecipazione di Laura Lupi, autrice de Il cane volante e l'omino stellare. Federico Guerri presenterà il suo nuovo libro, reduce da un grande successo a LUCCA COMICS: L'inverno di Bucinella, raccolta di racconti surreali ambientati in un immaginario paese della Toscana.

Presenti i suoi vecchi libri: 24 - Una commedia romantica sulla fine del mondo (presentato al PREMIO STREGA 2016), Questa sono io e Teatri di guerra. Il Foglio Letterario esporrà tutte le novità della collana CINEMA, i libri su CUBA, i testi su PIOMBINO, VAL DI CORNIA ed ELBA, i libri su PISA (racconti e antologie legate al territorio), i saggi alternativi su MUSICA ROCK e BLACK METAL, la NARRATIVA generazionale e i libri scritti dai suoi UNDER 30. Tra le novità di rilievo la collana I GIALLI DI ERNESTO GASTALDI con il primo titolo: A come assassino.

Inutile presentare il più grande sceneggiatore del cinema di genere italiano, troppo noto al pubblico, che ha già pubblicato con noi COME SCRIVERE UN GIALLO e COME ENTRARE NEL CINEMA E RESTARCI SINO ALLA FINE. Titoli di cinema in rilievo: Tutto Avati di Gordiano Lupi e Michele Bergantin, La grande abbuffata di Gordiano Lupi e Patrice Avella e Cannibal Ballad – Il cinema selvaggio di Ruggero Deodato di Gordiano Lupi e Davide Magnisi. Troverete anche i primi due libri di Sacha Naspini: L'ingrato e I sassi, perché - pure se non ve lo dice nessno - Sacha è stato scoperto e lanciato proprio da noi (e non da Giulio Mozzi, che ha un ufficio lustampa migliore di Gordiano Lupi). Prezzo speciale! Molti autori della casa editrice presenti allo Stand.

Tra questi Vincenzo Trama (direttore della rivista Il Foglio Letterario, per l'occasione stampata come free press), Patrizio Avella, Federico Guerri e molti altri! tutti i libri in catalogo saranno venduti con lo scontone dalla nostra Dargys Ciberio. Unici editori in Italia a fare sconti promozionali alle Fiere del Libro proporremo tutto a DIECI EURO! Prezzo popolare anticrisi. 


 VENITE A TROVARCI ALLO STAND G20 - PALAZZO DEI CONGRESSI - PISA!

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018