Passa ai contenuti principali

Segnalazioni in primo Piano: Esce ‘Quel che Avvicina al Bene’: da Fuori Luogo un nuovo singolo per il cantautore LUCIANO NARDOZZA


La “ disillusione ” ha un valore positivo: quando crollano sogni e aspettative capiamo che abbiamo spostato eccessivamente il nostro centro di forza verso l ’’ esterno. E possiamo dunque ri-centrarci ... . A sei mesi dall ’ uscita del suo secondo lavoro discografico da cantautore solista - Fuori Luogo - Luciano Nardozza torna in radio a cantare delle diverse sfumature dell ’ esperienza umana su questa terra, con la profonda leggerezza che lo contraddistingue. E lo fa con il vivace brano dal titolo “ Quel Che Avvicina al Bene ” , secondo estratto dall ’ album, in radio dal 20 novembre dopo il fortunato singolo di lancio “ Beata Ingenuit à” . “ Quel che Avvicina al Bene è la riscoperta dell'amore senza troppi ‘ orpelli ’ , quello che resta, nonostante ogni strappo e ogni scossa. L'amore che ci fa ripartire da noi per godercela un po ’ , senza prendere tutto sempre sul serio . L'amore che senza sforzo si irradia da noi verso gli altri e ci libera dalle maschere che indossiamo solo per ottenerlo da fuori ” racconta Luciano Nardozza, che del brano - cos ì come dell ’ intero album è autore di testi, musica e arrangiamenti, nonch é produttore. A sottolineare l ’ impeto verso una maggiore “ leggerezza" nelle relazioni (una leggerezza pregna e al contempo scevra da orpelli e aspettative, che il brano esprime) è anche il linguaggio del videoclip che accompagna il singolo , per la regia di Leopoldo Caggiano : il protagonista si muove alacremente in un mondo affollato e colorato ma fuori fuoco; i contorni sono sfumati e distorti, proprio a rimarcare che il centro restiamo noi. Seguendo il filo conduttore della ricerca interiore, l ’ album Fuori Luogo - da cui il singolo “ Quel che Avvicina al Bene ” è estratto - si snoda con un coinvolgente sound pop-rock attraverso dieci brani inediti, a comporre un disco fuori dal tempo, come la musica, come le emozioni, come lo spirito . Distribuito da Pirames International, Fuori Luogo e il singolo “ Quel che avvicina al bene ” sono disponibili sulle principali piattaforme streaming e store digitali.


Cantautore, chitarrista , attivo sulla scena musicale italiana dal 2017 col suo primo album in italiano "Di Passaggio ” , indagine sulle emozioni che caratterizzano le varie fasi di una storia d'amore. Finalista a Capitalent 2017 (tra oltre 4000 proposte), vincitore del Festival Villeggendo 2017, sul podio al Varigotti Festival ’ 18, finalista al Premio De Andr é 2019 , targa Riccardo Mannerini 2019 per il miglior testo , ama tantissimo suonare live (l'album è stato portato in giro per l'Italia in oltre 30 citt à diverse ). A maggio è uscito il suo secondo album che lo vede collaborare con artisti quali Gianluca Misiti (tastierista per Daniele Silvestri, Max Gazz è ) e Piero Monterisi (batterista per PFM, Tiromancino, Daniele Silvestri ) e il cui primo singolo “ Beata Ingenuit à” è entrato alla posizione n.33 della Classifica Italiana Indipendenti.


Segui Luciano Nardozza su : YOUTUBE - SPOTIFY - ITUNES FACEBOOK @lucianonardozzamusic INSTAGRAM lucianonardozza www.lucianonardozza.it

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,