Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il Natale che viene


Allegria di naufragi E subito riprende / Il viaggio / Come / Dopo il naufragio / Un superstite / Lupo di mare. 

Lo scriveva Giuseppe Ungaretti giusto un secolo fa, in piena guerra mondiale. Eppure nei versi vige un senso di speranza, quella che mai dovrebbe abbandonarci, anche in tempi come questi, con i racconti di naufragi del Mare nostrum ed altri più terreni. Ci viene in soccorso la meravigliosa Natività di Caravaggio, con i Santi Lorenzo e Francesco d'Assisi, dipinto in Sicilia dal grande pittore. E che venne trafugato nel 1969 dall'Oratorio di San Lorenzo a Palermo, e mai più recuperato. Il Bambino non ha una culla, è deposto e venerato a terra, nella sua povertà, la stessa che l’inquieto pittore mette a nudo. Naufraghi e poveri ci attorniano in queste feste dove la Luce comunque avrà luce. E ancora, la tradizione induce alle sue manifestazioni più arcaiche; e dalle narici devono risalire i profumi di sempre: il mandarino e l’arancio; il fumo della legna che scoppietta nel camino; le luminarie che fiocamente addobbano le case e le piazze. La carta strappata dei regali, il presepe più nostro nell’angolo meno remoto della stanza. A Natale tutto dovrebbe restare invariato anche se questa Festa va oltre, oltre il senso comune ed assuefatto, oltre il freddo di quando si va in chiesa nella Notte santa. Le candeline e il Jingle Bells, le campane della Natività ed il Bianco Natale, tepore inseguito e neve che “turbina densa in fiocchi di bambagia” scriveva Gozzano. I reiterati scambi di auguri, con l’odore addosso di olio fritto delle pettole e i mostacciouli meridionali ancora nell’alito. “ Il canto di Natale” di Dickens resterà sempre da monito per le generazioni. E intanto la voce di John Lennon augura al mondo la rinascita: 

“ E così questo è Natale / Per i deboli e i forti / Per i ricchi e i poveri / La strada è lunga / E così buon Natale / Per i neri e per i bianchi / Per i gialli e per i rossi / Speriamo che finisca la guerra .../ Senza paure ”. 

Dalla voce di Lennon, il fonema delle speranze non cessa mai di perdurare, anche se talvolta sono fragili illusioni, pressanti specie in questi tempi fin troppo violenti. Ma il rito si aggrappa ai gesti e alle sequenze consuete, che in questi giorni si riappropriano di noi come per incanto. Sarà la Natività a scatenare in noi ogni ardore? A ridare brividi e coscienza nuova? Il pensiero va a chi è solo, o si sente solo, comunque. La Festa sia anche loro. 

Mi circonda una strana / consueta / malinconia che, pur vitale, / odora di festa e poi di luce / tenue.../ Auguri reiterati si fanno eco e poi / passano / secondo l’oblio comune / Ma i pomi illuminati sugli alberi / mi fanno soggiacere all’unità della Festa ... è quella / che in fondo cerco / che cerchiamo, per capire, / oppure non capire ... / A noi tutti, ugualmente

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog