Passa ai contenuti principali

Emozioni di Gianni Donaudi: figli del sole


Che sarà Piombino?
Che sarà Piombino?
È Piazza Bovio, la Piazzarella dove alloggiarono i potenti Appiani, dopo aver avuto in dote la Signoria, uomini deboli e perfidi.
È il cangiante colore del mare che scorgiamo da Punta Rocchetta o da Viale Amendola, il gioco delle maree, il vento inclemente.
È la torre dell’orologio che segna le ore del Palazzo Comunale.
È la palma più antica dei giardini Pro Patria, che ci rinfresca inconsapevole nelle giornate d’estate.
È una lunga strada di portici e case annerite trasfigurata nel tramonto.
È il porto dove salpano traghetti direzione Elba e navi commerciali verso l’infinito.
È il marciapiede di Via Gaeta dove mia madre pianse non vedendomi tornare.
È una porta con un numero civico dietro la quale passai l’infanzia, che nella memoria è rapida come un fugace istante.
È il cavaliere che getta dall’alto del Rivellino armi difensive nella battaglia.
È quel cavaliere perduto sotto la pioggia.
È un angolo di Piazza Dante dove un amico mi disse che il peccato più grande che possa commettere un uomo è generare un figlio e condannarlo a questa orribile vita.
È quel figlio che non vuol saperne di crescere secondo le regole del padre.
È il romanziere che scrive su quaderni accurati un romanzo fatto di parole confuse.
È la mano di mia figlia che accarezza il volto di un’amica, che diventa il volto di un angelo.
È una spada guerriera che conserva la memoria del passato.
È un’insegna cadente, una serranda abbassata, un segno catturato dal tempo.
È il giorno in cui lasciammo una donna, forse troppo tardi.
È il giorno in cui una donna ci lasciò, forse troppo presto.
È quello sprazzo di mare tra Rocchetta e Porticciolo di Marina dove intuisco il vecchio liceo e la biblioteca.
È la sala della biblioteca dove andavo con mio padre a sentir conferenze, al tempo in cui i bambini si dovevano annoiare.
È la stanza accanto, dove cominciava il liceo classico.
È l’ultimo caffè con mio padre, sorbito in un bar di Salivoli, davanti al mare.
È il volto divino che non ho mai voluto vedere nelle poche chiese perdute.
È una casa di mare dove ho scritto inutili racconti e povere poesie, la stessa casa dove ho tradotto Cabrera Infante.
È Zelli che guarda dal balcone e vede l’Africa, finalmente.
È Maribruna che non rincorre il suicidio ma incontra l’amore.
È un vecchio compagno di scuola morto fanciullo che mi spiega quanto sia inutile temere il destino.
Sto andando oltre. Piombino non è soltanto il ricordo di me stesso, delle mie sconfitte. Piombino è la mulattiera di mare, è il vicolo nascosto tra i palazzi, è la palude verso Riotorto, è il mare per i turisti, è il brano in vernacolo irriverente che cantiamo ubriachi, è il suono della chitarra al Porticciolo di Marina, è la libreria dimenticata, forse definitivamente chiusa, è il nemico con cui fare i conti perché non sopporta i miei racconti, è il quartiere dove suona una musica perduta, ignorata e amata, scivolata via inconsapevole tra altiforni spenti e burrasche notturne.

11 novembre 2019

Fonte d’ispirazione: Buenos Aires di Jorge Luis Borges (da Elegia dell’ombra)

Commenti

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…