Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: BENIAMINO PLACIDO - 10 ANNI DALLA SUA SCOMPARSA


Sono 10 anni che lo scrittore e saggista rionerese Beniamino Placido ci ha lasciato, era il 6 gennaio del 2010, in Inghilterra. E a commemorarlo a Roma c’erano gli amici di sempre, intellettuali come Massimo Cacciari e il Cardinale Gianfranco Ravasi. Un grande uomo di cultura che scriveva di letteratura e di cinema, per cui il CineClub “ V. De Sica ” ha proposto all’Amministrazione Comunale di intitolare una strada dalle parti del Ponte di Ferro, che lo aveva visto crescere e che talvolta riportava nei suoi articoli, in Nautilus del quotidiano Repubblica sul quale pubblicava articoli memorabili. Diverse sono le sue pubblicazioni nei decenni scorsi come “ Eppur si muove ” scritto a quattro mani con Indro Montanelli (Rizzoli 1995), “ La televisione col cagnolino ” riprendendo Cechov , (Il Mulino 1993), “ La riscoperta dell’America ” (Laterza 1994) che è una discussione a più voci fra Placido, Umberto Eco e Gian Paolo Ceserani . Saggi di assoluta valenza come anche “ Le due schiavitù per un’analisi dell’immaginazione americana ” (Einaudi 1975) e “ Tre divertimenti . Variazioni sul tema dei Promessi sposi , di Pinocchio e di Orazio ” (Il Mulino 1990), hanno fatto dello scrittore lucano un punto di riferimento imprescindibile nelle analisi e nelle comparazioni delle società occidentali, in particolare con quella americana. Placido era nato a Rionero in Vulture (Basilicata) nel 1929 ; tutt’ora, in alcuni ambienti letterari, continua ad aleggiare la sua pungente ed ilare critica al sistema, ai mezzi di comunicazione, all’arte. La Rai ha dedicato un programma ai 90 anni del critico, la stessa Rai cui aveva collaborato in anni di intenso confronto dialettico. Memorabili resteranno Serata Marx , Serata Garibaldi , Serata Manzoni , come i cammei in film di Moretti ( Io sono un autarchico ) e Pietrangeli ( Porci con le ali ). Prima di collaborare con il quotidiano romano, è stato funzionario della Camera dei deputati , e quindi giornalista e conduttore televisivo . Indimenticabile rimane quel suo Quindicitrentacinque dei primi anni ’80, pura lezioni di critica cinematografica spiegata come meglio non si potrebbe. In occasione del suo settantasettesimo compleanno, i suoi amici – fra cui Tullio Kezic, Massimo Cacciari, Tullio Pericoli, Giovannino Russo – gli avevano fatto un regalo davvero originale: hanno pubblicato un libro scritto a più mani, dal titolo “ Caro Beniamino. Scritti per una festa di compleanno ” nel quale si riportano aneddoti, curiosità e testimonianze che lo hanno reso celebre negli ambienti culturali non soltanto romani. Placido lanciava provocazioni come su Garibaldi, asserendo che se avessero avuto la meglio i Borboni, oggi brigante sarebbe stato definito Garibaldi , mentre eroe nazionale Carmine Crocco , il brigante originario proprio della sua cittadina, Rionero in Vulture . I ricordi di Mimino , come lo chiamavano parenti ed amici rioneresi, sono davvero tanti. Bruno Vorrasi (gestore storico del cinema della sua città) ricorda che a scuola era il più brillante. Al liceo potentino si distingueva pure perché impartiva lezioni di greco e latino agli studenti più giovani, ma non era di quelli che oggi si definirebbero secchioni, tutt’altro. Amava molto leggere i classici, la letteratura francese e russa ( conferma il cugino Federico ), e da adulto parlava e traduceva correntemente dall’inglese, dal francese e dal tedesco. Ma la lingua madre cercava di custodirla gelosamente, parlandola abitualmente nella sua casa romana e fra i parenti. Rimarrà infatti proverbiale la sua cadenza lucana nelle brillanti dissertazioni televisive, ove appariva come un nostrano Woody Allen . Beniamino Placido è di quei personaggi di cui si avverte la mancanza in questo “ tempo sbandato ”, assenza come quella di Pasolini, Eco e di pochi altri, per una rilettura dell’epoca e magari l’indicazione della rotta. Questo scriveva Placido in occasione del trapasso del suo amico e collega lucano Orazio Gavioli : “Mi pare di capirla meglio, adesso quella frase. Il mondo diventa un deserto grigio, e si sente male un po’ dappertutto (un po’ dappertutto) quando scompare un amico così prezioso.”

Commenti

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…