Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Tolo Tolo di Checco Zalone


Festeggia il produttore dell’ultimo film interpretato e diretto (per la prima volta) da Checco Zalone “ Tolo Tolo ”. Così Pietro Valsecchi che aveva prodotto anche i film precedenti del comico pugliese: "Checco Zalone ha riunito gli italiani dentro le sale cinematografiche. Un risultato incredibile che mi rende ancora più felice perché premia l' opera prima di Checco come regista. Una scommessa vinta non solo per gli incassi, ma anche per la riuscita del film, che ha saputo divertire ed emozionare grandi e piccoli al di là di ogni divisione ideologica. Il nuovo decennio inizia bene per il cinema italiano grazie a questa iniezione di fiducia e di incassi che ricadono su tutto il sistema cinematografico". Che altro aggiungere? Va benissimo così: incassi stratosferici garantiti con sale piene come si vedono ormai solo ai film di Zalone e pochi altri. E’ bello soprattutto vedere adolescenti entrare al cinema (il film lo abbiamo visto nell’accogliente Cinema Lovaglio di Venosa, la città di Orazio e di Gesualdo). Il film è divertente, va detto, scritto insieme a Paolo Virzì che di cinema ne mastica; le battute alla Zalone non mancano con i paradossi riflessivi che lo rendono unico, alludendo a personaggi ben noti della scena come Celentano, fra voce e movenze. Si avverte un protratto Sordi e si propone anche il mix fra cartoon e realtà. Tuttavia, lui rimane una delle icone del nostro tempo: il suo film resta un efficace e consueto cabaret traslato come i precedenti sul grande schermo. La tematica delle migrazioni con tutto il dolore che porta dietro è letta con leggerezza non incidendo più di tanto sui traumi: un po’ come accadde al Benigni de “ La vita è bella ”. Zalone piace per il suo saper osare, sa cantare ed imitare, sa fare autoironia. In “ Tolo Tolo ” la cosa piacevole è anche il “recupero” di Nicola di Bari (con un piccolo ruolo) e la sua vecchia “Vagabondo” datata anni ‘70, mentre Nichi Vendola? Sarcasmo anche sull’ultimo retaggio di una Sinistra da referenza. I numeri di Zalone dicono che se la gente entra in sala il Cinema può dirsi vivo. Certo, si è un po’ tutti tentati e coinvolti dalla massiccia pubblicità. Per chi ama il Cinema rimane quasi un obbligo doverlo vedere, anche e soprattutto come fenomenologia rispetto al nostro tempo, nel giudizio che si può trarre in merito al rapporto fra qualità dell’opera e incassi. E su questo aspetto la misura appare davvero esagerata. Il Cinema come arte sarà per un'altra volta; dopo poche ore “ Tolo Tolo ” lo si è già quasi dimenticato.

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Appuntamenti in Primo Piano: Premiazione concorso letterario nazionale a Venosa (PZ)

Domenica 23 agosto a partire dalle ore 17 nel rispetto delle normative covid (con ingressi regolamentati e solo su invito) a Venosa, nella magnifica cornice storica del castello ducale 'Pirro del Balzo', si svolgerà la cerimonia di premiazione del concorso letterario nazionale 'Engel Von Bergeiche', a cura dell'omonima Associazione artistico-letteraria. Una 9° edizione dal tema “Una goccia, per alleviar le pene di Mater Terra!”, con il patrocinio dell'amministrazione comunale e dedicata al poeta e scrittore Angelo Calderone, originario della ridente comunità del Vulture di Ruvo del Monte e autore apprezzato in Italia e all'estero con numerose coppe e targhe vinte in concorsi prestigiosi. Un modo significativo e di alto valore sociale per ricordare il conterraneo prematuramente scomparso nel 2011 che ha sempre con onore e piacevoli ricordi rispettato il valore e l'attaccamento per le sue origini in terra lucana. Il tema quest’anno ha come leitmotiv l’at…

Schermi Riflessi: Intervento del Vescovo Diocesi di Melfi mons. Ciro Fanelli sull’importanza del Cinema

“Eccellenza, Le saremmo grati se potesse scrivere pochi righi sulla importanza del Cinema nella conoscenza di tematiche importanti come quelle trattate nella Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati” Un caro saluto. Armando Lostaglio” E’ quanto abbiamo chiesto a mons. CIRO FANELLI, Vescovo della Diocesi di Melfi Rapolla Venosa, intervenuto con un suo elevato dialogo alla proiezione del film dei Fratelli Dardenne “L’età giovane”, uno dei 4 film della Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati, promossa da ARCI, CineClub V. DE SICA – Cinit e Parrocchia SS. Sacramento, nell’ambito della Estate Rionerese sostenuta dal Comune con la ProLoco. Ecco il suo intervento: Il Cinema: uno strumento per una chiarificazione dell’esistenza La persona cresce nella sua umanità nella misura in cui si approccia alla realtà con la sua intelligenza (la ragione) e con la sua sensibilità (il cuore): ragione ed emozioni sono le grandi luci con le quali e…