Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: A Firenze, presentazione del volume su “Antiche vie in Basilicata. Percorsi, ipotesi, osservazioni, note e curiosità”


“Antiche vie in Basilicata. Percorsi, ipotesi, osservazioni, note e curiosità” è il titolo del volume, pubblicato dall’IGM, l’Istituto Geografico Militare di Firenze, che sarà presentato giovedì 6 febbraio a Firenze, alle ore 11, nella Sala “Schmiedt” dello stesso Istituto. Dopo le pregevoli presentazioni del volume a Potenza e a Matera rispettivamente il 22 e il 23 novembre scorsi, proprio il Generale D. Pietro Tornabene, Comandante dell’IGM, ha ritenuto di organizzare un altro evento a Firenze presso l’autorevole e storica sede dell’Istituto. Un riconoscimento autorevole di quanto raccolto nel volume, specie a proposito della transumanza, di recente dichiarata patrimonio dell’Unesco. Il volume, curato da Stefano Del Lungo e realizzato con il contributo scientifico di Emma Giuliano, Canio Sabia, Annarita Sannazzaro, Domenico Saracino e Francesco Tarlano, illustra la nascita delle prime vie legate alla transumanza. In questo contesto si sviluppa un’interessante ipotesi d’individuazione della Via Herculia, arteria stradale fondamentale costruita dai Romani nel III secolo d.C. per collegare il Sannio alla Lucania, e della quale sono ancora visibili ampie tracce in parte del territorio lucano. L’attenzione degli autori è stata rivolta al passato della Basilicata, volendo per la prima volta riunire contributi editi e inediti su un tema interdisciplinare quale quello della viabilità storica. La focalizzazione in altri progetti sulla Via Herculia (è partito nel 2012 un progetto della Provincia di Potenza, dell’ALSIA – l’Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura - e del CNR), sulla via Ab Regio ad Capuam o Annia-Popilia (dal 2014, progetto CNR e Lions International), e da ultimo sulla via Appia (curato dal MiBACT, Ministero per i Beni e le attività culturali e per il turismo), hanno suggerito di riprendere la questione della viabilità principale in età romana affiancandola a quella dei tratturi, già affrontata dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Basilicata. La rete dei percorsi che ne emerge è fitta e appare in tutta la sua importanza nel garantire collegamenti solo in apparenza minori e secondari fra città e insediamenti sparsi. Un pregevole corredo illustrativo, fornito dagli autori, dalla Soprintendenza e dalla Regione, e l’ampia cartografia, tratta direttamente dall’Archivio storico dell’Istituto Geografico Militare, intendono agevolare la consultazione del volume, guidando il curioso e il ricercatore nel prendere contatto diretto con i percorsi inseriti. “ Antiche vie in Basilicata” sarà presentato dal generale Pietro Tornabene, insieme all’archeologo e ricercatore del CNR Stefano Del Lungo, curatore del volume. Tra i relatori, interverrà il dirigente dell’ALSIA Rocco Sileo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai    Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE

La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Intervista al musicista rionerese EDOARDO CARDONE

Edoardo Cardone, musicista 29enne di Rionero in Vulture, ha un vasto excursus artistico-musicale: A 12 anni inizia a studiare chitarra classica con il maestro Dino Rigillo; successivamente abbandona gli studi classici e si dedica allo studio della chitarra elettrica da autodidatta; nel 2010 studia armonia, ear-training e solfeggio con la maestra Lisa Preziuso; nel 2012 inizia il percorso di studi presso il Modern Music Insitute dove studia chitarra moderna ad indirizzo Rock/Fusion con il maestro Mirco Di Mitrio ed il presidente Alex Stornello approfondendo lo studio della chitarra elettrica, armonia avanzata a 360° e contemporaneamente studia HD recording con Andrea Pellegrini e Davide Rossi; nel 2018 si diploma al Modern Music Institute con il massimo dei voti; diventa insegnante abilitato MMI INTERNATIONAL e i suoi corsi di chitarra si svolgono presso la scuola di musica Rockin’Rio a Rionero in Vulture che è l’unico centro abilitato MMI in Basilicata e  la formazione è aperta a tutt