Passa ai contenuti principali

L'opinione di Marco Lombardi: Convivere con il demone


Uno psichiatra, per spiegare in parole povere cosa fosse l’anoressia, utilizzò il concetto di identità. Le vittime di questo male, quando si riconoscono tali, non dicono mai “io soffro di anoressia”, come una qualunque altra patologia, bensì “io sono anoressico”. Il rifiuto del cibo è il riflesso di un male più profondo, un demone che non si riuscirà mai a sconfiggere, ma col quale è possibile convivere, limitandone i danni. Prendere coscienza è il primo passo per gestire responsabilmente l'inconscio, ma il substrato emotivo, dove origina il tutto, né la psicoanalisi, né i farmaci, riusciranno a scalfirlo. Ci vuole tanto amore da parte di chi si ha vicino, sapendo che questa è condizione necessaria per sopravvivere al demone, ma purtroppo non sufficiente, se quella molla non scatta, se una passione ancor più forte dell’impulso di annullarsi, di punirsi per il non sentirsi perfetti, non trova infine il sopravvento. Si cammina in equilibrio su un filo sottile, gli sbilanciamenti sono continui e non cadere nel baratro, spesso, è una pura combinazione di eventi. Non ci sono colpevoli, non ci sono colpe. Riconoscersi completi nella nostra fragilità e passeggiare nella bellezza della vita pur sapendo di avere a fianco uno scomodo e invulnerabile compagno.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai    Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE

La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Intervista al musicista rionerese EDOARDO CARDONE

Edoardo Cardone, musicista 29enne di Rionero in Vulture, ha un vasto excursus artistico-musicale: A 12 anni inizia a studiare chitarra classica con il maestro Dino Rigillo; successivamente abbandona gli studi classici e si dedica allo studio della chitarra elettrica da autodidatta; nel 2010 studia armonia, ear-training e solfeggio con la maestra Lisa Preziuso; nel 2012 inizia il percorso di studi presso il Modern Music Insitute dove studia chitarra moderna ad indirizzo Rock/Fusion con il maestro Mirco Di Mitrio ed il presidente Alex Stornello approfondendo lo studio della chitarra elettrica, armonia avanzata a 360° e contemporaneamente studia HD recording con Andrea Pellegrini e Davide Rossi; nel 2018 si diploma al Modern Music Institute con il massimo dei voti; diventa insegnante abilitato MMI INTERNATIONAL e i suoi corsi di chitarra si svolgono presso la scuola di musica Rockin’Rio a Rionero in Vulture che è l’unico centro abilitato MMI in Basilicata e  la formazione è aperta a tutt