Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: Severi contro gli assembramenti, lasciateci il diritto di goderci in solitudine il nostro pezzetto di cielo


Non bastasse l’angoscia da contagio, ci si mette pure l’ansia da autocertificazione. Sono tre giorni che ci si arrovella nel dubbio se si possa fare o no l’abituale camminata quotidiana. Pur non essendo jogging, non tutti hanno i muscoli e le cartilagini per poter correre, è d'altronde attività motoria, perciò lecita nei limiti delle distanze (art. 1, lett. d, del DPCM 8 marzo 2020) e rientrante peraltro nei motivi di salute, soprattutto in una società in lotta contro chili di troppo, ipertensione e colesterolo. Peccato che su questa benedetta attività motoria è in corso una vera e propria crociata, dove ogni sindaco, ogni vigile urbano dà la sua interpretazione, ogni giorno più minacciosa, a normativa invariata. Capisco vietare gli assembramenti, il contatto sociale, ma si vada allora a smuovere i pensionati dalle panchine, i bimbetti e accompagnatori dalle giostre e i giovani dai campetti di periferia. Creare del terrorismo fermando il passante per strada, che viaggia solo, costringendolo a giustificare il fatto che non possa vivere murato in casa anche in tempi di coronavirus, mi sembra del tutto ingiusto, anzi, cattivo. Dovremo munirci di lasciapassare come il fracchia di turno, benissimo, ma visto che l’emergenza durerà a lungo, non impediteci di abbandonare, in un perfetto moto solitario, le quattro mura domestiche, almeno ogni tanto. Il rischio è altrimenti di ottenere l'effetto contrario, vale a dire moltiplicare le uscite quotidiane, con relativi rischi di contatti, per le singole necessità, costruendoci i nostri itinerari motori per raggiungere ora il panettiere, ora il giornalaio, ora il farmacista. Regole, certo, ma sempre nel buon senso. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai    Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE

La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Intervista al musicista rionerese EDOARDO CARDONE

Edoardo Cardone, musicista 29enne di Rionero in Vulture, ha un vasto excursus artistico-musicale: A 12 anni inizia a studiare chitarra classica con il maestro Dino Rigillo; successivamente abbandona gli studi classici e si dedica allo studio della chitarra elettrica da autodidatta; nel 2010 studia armonia, ear-training e solfeggio con la maestra Lisa Preziuso; nel 2012 inizia il percorso di studi presso il Modern Music Insitute dove studia chitarra moderna ad indirizzo Rock/Fusion con il maestro Mirco Di Mitrio ed il presidente Alex Stornello approfondendo lo studio della chitarra elettrica, armonia avanzata a 360° e contemporaneamente studia HD recording con Andrea Pellegrini e Davide Rossi; nel 2018 si diploma al Modern Music Institute con il massimo dei voti; diventa insegnante abilitato MMI INTERNATIONAL e i suoi corsi di chitarra si svolgono presso la scuola di musica Rockin’Rio a Rionero in Vulture che è l’unico centro abilitato MMI in Basilicata e  la formazione è aperta a tutt