Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: Severi contro gli assembramenti, lasciateci il diritto di goderci in solitudine il nostro pezzetto di cielo


Non bastasse l’angoscia da contagio, ci si mette pure l’ansia da autocertificazione. Sono tre giorni che ci si arrovella nel dubbio se si possa fare o no l’abituale camminata quotidiana. Pur non essendo jogging, non tutti hanno i muscoli e le cartilagini per poter correre, è d'altronde attività motoria, perciò lecita nei limiti delle distanze (art. 1, lett. d, del DPCM 8 marzo 2020) e rientrante peraltro nei motivi di salute, soprattutto in una società in lotta contro chili di troppo, ipertensione e colesterolo. Peccato che su questa benedetta attività motoria è in corso una vera e propria crociata, dove ogni sindaco, ogni vigile urbano dà la sua interpretazione, ogni giorno più minacciosa, a normativa invariata. Capisco vietare gli assembramenti, il contatto sociale, ma si vada allora a smuovere i pensionati dalle panchine, i bimbetti e accompagnatori dalle giostre e i giovani dai campetti di periferia. Creare del terrorismo fermando il passante per strada, che viaggia solo, costringendolo a giustificare il fatto che non possa vivere murato in casa anche in tempi di coronavirus, mi sembra del tutto ingiusto, anzi, cattivo. Dovremo munirci di lasciapassare come il fracchia di turno, benissimo, ma visto che l’emergenza durerà a lungo, non impediteci di abbandonare, in un perfetto moto solitario, le quattro mura domestiche, almeno ogni tanto. Il rischio è altrimenti di ottenere l'effetto contrario, vale a dire moltiplicare le uscite quotidiane, con relativi rischi di contatti, per le singole necessità, costruendoci i nostri itinerari motori per raggiungere ora il panettiere, ora il giornalaio, ora il farmacista. Regole, certo, ma sempre nel buon senso. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Appuntamenti in Primo Piano: Premiazione concorso letterario nazionale a Venosa (PZ)

Domenica 23 agosto a partire dalle ore 17 nel rispetto delle normative covid (con ingressi regolamentati e solo su invito) a Venosa, nella magnifica cornice storica del castello ducale 'Pirro del Balzo', si svolgerà la cerimonia di premiazione del concorso letterario nazionale 'Engel Von Bergeiche', a cura dell'omonima Associazione artistico-letteraria. Una 9° edizione dal tema “Una goccia, per alleviar le pene di Mater Terra!”, con il patrocinio dell'amministrazione comunale e dedicata al poeta e scrittore Angelo Calderone, originario della ridente comunità del Vulture di Ruvo del Monte e autore apprezzato in Italia e all'estero con numerose coppe e targhe vinte in concorsi prestigiosi. Un modo significativo e di alto valore sociale per ricordare il conterraneo prematuramente scomparso nel 2011 che ha sempre con onore e piacevoli ricordi rispettato il valore e l'attaccamento per le sue origini in terra lucana. Il tema quest’anno ha come leitmotiv l’at…

Schermi Riflessi: Intervento del Vescovo Diocesi di Melfi mons. Ciro Fanelli sull’importanza del Cinema

“Eccellenza, Le saremmo grati se potesse scrivere pochi righi sulla importanza del Cinema nella conoscenza di tematiche importanti come quelle trattate nella Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati” Un caro saluto. Armando Lostaglio” E’ quanto abbiamo chiesto a mons. CIRO FANELLI, Vescovo della Diocesi di Melfi Rapolla Venosa, intervenuto con un suo elevato dialogo alla proiezione del film dei Fratelli Dardenne “L’età giovane”, uno dei 4 film della Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati, promossa da ARCI, CineClub V. DE SICA – Cinit e Parrocchia SS. Sacramento, nell’ambito della Estate Rionerese sostenuta dal Comune con la ProLoco. Ecco il suo intervento: Il Cinema: uno strumento per una chiarificazione dell’esistenza La persona cresce nella sua umanità nella misura in cui si approccia alla realtà con la sua intelligenza (la ragione) e con la sua sensibilità (il cuore): ragione ed emozioni sono le grandi luci con le quali e…