Passa ai contenuti principali

Speciale Coronavirus: Aggiornamento contagi Coronavirus, 27 Marzo


 27 mar 2020
TG7 Basilicata 27 Marzo 2020.
Ci sono stati 5.959 nuovi contagi. Ieri erano stati 6.153. Le persone contagiate dall’inizio dell’epidemia sono 86.498, compresi i morti e i guariti.
Attualmente risultano positive 66.414 persone, 4.401 in più rispetto al 26 marzo.
Ci sono stati 969 decessi, 307 in più rispetto a ieri. In totale sono morte 9.134 persone.
I dati regione per regione
Dai dati della Protezione civile emerge che i contagiati sono:
23.895 in Lombardia
9.361 in Emilia-Romagna
6.648 in Veneto
6.347 in Piemonte
2.850 nelle Marche
3.170 in Toscana
2.060 in Liguria
2.013 nel Lazio
1.292 in Campania
1.027 in Friuli Venezia Giulia
1.164 in Trentino
833 in provincia di Bolzano
1.236 in Puglia
1.158 in Sicilia
925 in Abruzzo
824 in Umbria
413 in Valle d'Aosta
496 in Sardegna
469 in Calabria
86 in Molise
147 in Basilicata
Quanto alle vittime, se ne registrano :
5.402 in Lombardia
1.267 in Emilia-Romagna
313 in Veneto
569 in Piemonte
336 nelle Marche
177 in Toscana
331 in Liguria
98 in Campania
118 nel Lazio
76 in Friuli Venezia Giulia
69 in Puglia
60 in provincia di Bolzano
39 in Sicilia
68 in Abruzzo
21 in Umbria
37 in Valle d'Aosta
102 in Trentino
18 in Calabria
21 in Sardegna
9 in Molise
3 in Basilicata 

#stateacasa #tuttoandràbene #italia

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018