Passa ai contenuti principali

Editoriale: Intervento Giuseppe Conte su fase 2


26 Aprile 2020.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha spiegato durante la conferenza stampa le nuove misure contenute del Dpcm del 26 aprile. Si tratta del primo passo della Fase 2 per la riapertura dopo il lockdown per l’emergenza coronavirus in Italia. Diventa obbligatoria la mascherina nei luoghi chiusi, come negozi, uffici, fabbriche, mezzi pubblici. Il prezzo di vendita delle mascherine chirurgiche è stato bloccato in accordo con Regioni e Comuni, per evitare speculazioni. Spostamenti: dal 4 maggio è possibile visitare i familiari Gli spostamenti all’interno della propria regione rimangono vietati e motivati solo da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute. Tuttavia viene introdotta dal decreto la possibilità di fare visita ai congiunti, cioè genitori e figli. Lo si potrà fare a patto di rispettare “il divieto di assembramento e il distanziamento”, che rimangono invariati, e che “vengano utilizzate le mascherine”, come si legge nel testo del Dpcm del 26 aprile. Rimangono il divieto di spostarsi in altre regioni, fatta eccezione per motivi lavorativi, urgenze e ritorno nel proprio domicilio, e l’obbligo di avere con sé l’autocertificazione, che dal 4 maggio avrà la dicitura “incontro con i congiunti”. Si potrà fare sport e riaprono i parchi pubblici dal 4 maggio Dal 4 maggio si potrà uscire di casa anche per fare attività fisica, mantenendo la distanza di 2 metri in caso di attività sportiva e 1 metro in caso di attività motoria, e raggiungere parchi, ville e giardini. Le aree gioco per i bambini, dove non c’è possibilità di limitare gli ingressi, rimarranno chiuse. Sì ai funerali dal 4 maggio, ma solo con 15 familiari Ancora non potranno essere celebrate le messe, ma arriva il permesso per i funerali, a patto che siano presenti al massimo 15 familiari. La funzione, preferibilmente, dovrebbe essere celebrata all’aperto. Cibo e bevande da asporto in bar e ristoranti Sarà possibile inoltre acquistare cibo e bevande in bar e ristoranti, ma solo da asporto: dovranno essere consumati in casa o in ufficio, e non davanti al locale, dove si entrerà seguendo una fila e mantenendo le distanze. Dal 18 maggio apertura di negozi e musei Rimangono ancora chiusi cinema e teatri, e permane il divieto di organizzare manifestazioni ed eventi. Dovrebbero invece riaprire a partire dal 18 maggio i musei, sempre nel rispetto delle distanze e contingentando gli ingressi. In quella data sarà possibile anche acquistare prodotti in negozi di abbigliamento, calzature, gioiellerie e altre attività commerciali al dettaglio. Per evitare assembramenti dovuti allo shopping, i negozi potrebbero riaprire con orari diversi in base alla loro tipologia e ammettendo solo un numero limitato di clienti, dotati di dispositivi di protezione individuale. Allenamenti di squadra dal 18 maggio Potranno tornare in campo gli atleti che praticano sport di squadra, ma solo per gli allenamenti, rigorosamente a porte chiuse. A giugno riapertura di ristoranti, bar e parrucchieri Ristoranti, bar e gelaterie dovrebbero riaprire al pubblico a partire dal 1 giugno, con tavoli distanziati almeno 2 metri uno dall’altro e personale di servizio con guanti e mascherine. Sempre da giugno, secondo quanto annunciato dal premier, dovrebbero ripartire anche le attività di estetisti e parrucchieri. Essendo attività più a rischio, ci si dovrebbe accedere solo per appuntamento, e tanto il cliente quanto il professionista dovranno dotarsi di guanti e mascherine. Maturità dal vivo a metà giugno Il 17 giugno invece si dovrebbe fare in presenza l’esame di Stato, come già annunciato dalla ministra Lucia Azzolina.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Iran, somiglianza delle festività e dei costumi italiani

Il regista e scrittore Mohammad Ghane Fard, componente della Associazione produttori documentali dell’Iran, ci ha scritto il messaggio che segue, per augurare Buona Pasqua in segno di fratellanza fra popoli di cultura diversa.    La somiglianza delle festività e dei costumi italiani con le ricorrenze religiose e antiche degli iraniani è molto interessante. Oggi era l'ultimo giorno delle vacanze di Capodanno in Iran, noto come Giornata della Natura. La gente va in montagna, pianura e foresta e prega Dio. Si chiede di liberare dai mali e du soddisfare i loro desideri. Il cibo che mangiano in questo giorno è la zuppa di verdure. Pochi giorni fa, 5 giorni fa, era il compleanno di Mahdi, che gli Sciiti credono sia il compleanno del Salvatore per il suo ritorno con Cristo... Questi giorni fortunati sono di buon auspicio per la salvezza dell'umanità.