Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi. Assistenti civici: una bella opportunità



Un fragile lascito di questa quarantena stretta è lo sguardo più attento alle attività del prossimo. Non l'abituale pettegolezzo guardone, ma un legame di corresponsabilità nel destino comune. Non è stato tutto rose e fiori, ma comunque un'esperienza da utilizzare in chiave futura. C'è stato il risvolto negativo delle ronde da balcone, di chi si è fatto giustiziere contro il passante di turno, intasando i centralini delle forze dell'ordine con segnalazioni il più delle volte esagerate o inappropriate. Negativo perché smosso unicamente dal rancore di chi, confinato in casa, doveva sfogarsi sull'untore di turno. Sciolti gli arresti domiciliari, questi inflessibili guardiani sono stati i primi a riversarsi nelle piazze, ad incontrare amici vicini e lontani in barba al distanziamento e al divieto di assembramento. Ma c'è stato anche il risvolto bellissimo dei volontari della protezione civile e delle associazioni, che hanno messo in gioco la propria salute per aiutare i più deboli. Ci hanno portato le mascherine a casa, fatto la spesa, consegnato farmaci, accompagnato i malati a curarsi, gestito gli accessi alle aree pubbliche a seguito delle prime aperture. A loro dobbiamo tanto e quanto ci mancano ora, visto che molti sono tornati al lavoro e i bisogni sono medesimi. Per questo l'idea dell'assistente civico non deve essere buttata a causa dell'ennesimo errore comunicativo. Non certo ronde né squadre ed è singolare che le accuse in tal senso provengano proprio da ambienti politici che a tale distorto concetto di civismo sono più vicini. Si tratta di coinvolgere per poche ore a settimana, insufficienti a giustificare un rapporto di servizio civile, men che meno di lavoro occasionale, coloro che hanno tempo e voglia di dedicarsi al prossimo. Soprattutto giovani. Quei ragazzi e ragazze che oggi associamo solo all'irresponsabilità della movida, ma che, al contrario, in queste settimane quando coinvolti in progetti solidali motivanti hanno dato prova di grande solidarietà, spesso sostituendo i volontari più anziani che per sicurezza sono rimasti a casa. Ben venga dunque l'iniziativa degli assistenti civici, se figlia di queste premesse e soprattutto affidata alla rete delle amministrazioni locali, della protezione civile, del terzo settore. Diamo ai nostri giovani una ragione per rimettersi in gioco, o almeno proviamoci. Abbiamo tutto da guadagnare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e