Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi. Assistenti civici: una bella opportunità



Un fragile lascito di questa quarantena stretta è lo sguardo più attento alle attività del prossimo. Non l'abituale pettegolezzo guardone, ma un legame di corresponsabilità nel destino comune. Non è stato tutto rose e fiori, ma comunque un'esperienza da utilizzare in chiave futura. C'è stato il risvolto negativo delle ronde da balcone, di chi si è fatto giustiziere contro il passante di turno, intasando i centralini delle forze dell'ordine con segnalazioni il più delle volte esagerate o inappropriate. Negativo perché smosso unicamente dal rancore di chi, confinato in casa, doveva sfogarsi sull'untore di turno. Sciolti gli arresti domiciliari, questi inflessibili guardiani sono stati i primi a riversarsi nelle piazze, ad incontrare amici vicini e lontani in barba al distanziamento e al divieto di assembramento. Ma c'è stato anche il risvolto bellissimo dei volontari della protezione civile e delle associazioni, che hanno messo in gioco la propria salute per aiutare i più deboli. Ci hanno portato le mascherine a casa, fatto la spesa, consegnato farmaci, accompagnato i malati a curarsi, gestito gli accessi alle aree pubbliche a seguito delle prime aperture. A loro dobbiamo tanto e quanto ci mancano ora, visto che molti sono tornati al lavoro e i bisogni sono medesimi. Per questo l'idea dell'assistente civico non deve essere buttata a causa dell'ennesimo errore comunicativo. Non certo ronde né squadre ed è singolare che le accuse in tal senso provengano proprio da ambienti politici che a tale distorto concetto di civismo sono più vicini. Si tratta di coinvolgere per poche ore a settimana, insufficienti a giustificare un rapporto di servizio civile, men che meno di lavoro occasionale, coloro che hanno tempo e voglia di dedicarsi al prossimo. Soprattutto giovani. Quei ragazzi e ragazze che oggi associamo solo all'irresponsabilità della movida, ma che, al contrario, in queste settimane quando coinvolti in progetti solidali motivanti hanno dato prova di grande solidarietà, spesso sostituendo i volontari più anziani che per sicurezza sono rimasti a casa. Ben venga dunque l'iniziativa degli assistenti civici, se figlia di queste premesse e soprattutto affidata alla rete delle amministrazioni locali, della protezione civile, del terzo settore. Diamo ai nostri giovani una ragione per rimettersi in gioco, o almeno proviamoci. Abbiamo tutto da guadagnare.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int