Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi. Città luna park e biglietterie vuote



Risiedo a pochi chilometri da Firenze, che, tra studio prima e lavoro poi, è la mia sede di vita da trent'anni. La culla del rinascimento è ormai un luna park che, svuotato di residenti, ma anche di studenti con la delocalizzazione dell'università nei maxi poli in periferia, vive di turismo mordi e fuggi, che va benissimo se non diviene la sola vocazione urbana. Tranne pochi quartieri storici, come Santo Spirito e San Frediano, il tessuto sociale è praticamente inesistente. Non ci sono parrocchie ma solo chiese da visitare. Non c'è il piccolo commercio, ma solo grandi griffe, bar, gelaterie, ristoranti e tanti minimarket che cambiano gestione ogni pochi mesi. Comprare casa è impossibile, gli affitti sono alle stelle e legati alla domanda turistica. Se godersi mostre e musei è impossibile sempre, anche farsi una semplice passeggiata in centro è un'impresa dieci mesi l'anno. Il turismo di massa smuove tanto denaro ma, la domanda è ovvia: cui prodest? In quali tasche finisce la ricchezza così generata? Di fatto, solo in minor parte va ad imprenditori del luogo, mentre il grosso del malloppo viene spartito tra i pochi grandi gruppi che, nella fuga dei residenti delle ultime tre decadi, hanno rastrellato il patrimonio immobiliare e commerciale. L'emergenza epidemica svela però il lato debolissimo di questi parchi a tema, incapaci di mantenersi con risorse autoctone, perché manca sia la domanda che l'offerta di beni essenziali, essendo tutto impostato sul superfluo. I sindaci se ne sono accorti, perchè l'azzeramento delle entrate da tassa di soggiorno ha svuotato le casse dei loro enti. Dario Nardella, primo cittadino di Firenze, ha dichiarato che senza ingenti trasferimenti da Roma sarà default. Per carità, dichiarazioni come quelle del sindaco di Venezia Brugnaro, offensive verso il turismo mordi e fuggi, sono solo lo specchio, anzi la spocchia, di una politica cafona. Lo dice chi, come il sottoscritto, ha dei bellissimi ricordi, risalenti agli anni ottanta, di una città lagunare visitata nell'arco di sette, otto ore, dopo circa tre o quattro trascorse stipato nel piccolo abitacolo dell'utilitaria di famiglia. Ma sarebbe bello che questa crisi legittimasse un passo avanti verso la sostenibilità delle città d'arte. Ne godrebbe anche il turista, che oggi non visita più una città con una propria anima, ma si limita a consumarne il logo.


Marco Lombardi

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Appuntamenti in Primo Piano: Premiazione concorso letterario nazionale a Venosa (PZ)

Domenica 23 agosto a partire dalle ore 17 nel rispetto delle normative covid (con ingressi regolamentati e solo su invito) a Venosa, nella magnifica cornice storica del castello ducale 'Pirro del Balzo', si svolgerà la cerimonia di premiazione del concorso letterario nazionale 'Engel Von Bergeiche', a cura dell'omonima Associazione artistico-letteraria. Una 9° edizione dal tema “Una goccia, per alleviar le pene di Mater Terra!”, con il patrocinio dell'amministrazione comunale e dedicata al poeta e scrittore Angelo Calderone, originario della ridente comunità del Vulture di Ruvo del Monte e autore apprezzato in Italia e all'estero con numerose coppe e targhe vinte in concorsi prestigiosi. Un modo significativo e di alto valore sociale per ricordare il conterraneo prematuramente scomparso nel 2011 che ha sempre con onore e piacevoli ricordi rispettato il valore e l'attaccamento per le sue origini in terra lucana. Il tema quest’anno ha come leitmotiv l’at…

Schermi Riflessi: Intervento del Vescovo Diocesi di Melfi mons. Ciro Fanelli sull’importanza del Cinema

“Eccellenza, Le saremmo grati se potesse scrivere pochi righi sulla importanza del Cinema nella conoscenza di tematiche importanti come quelle trattate nella Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati” Un caro saluto. Armando Lostaglio” E’ quanto abbiamo chiesto a mons. CIRO FANELLI, Vescovo della Diocesi di Melfi Rapolla Venosa, intervenuto con un suo elevato dialogo alla proiezione del film dei Fratelli Dardenne “L’età giovane”, uno dei 4 film della Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati, promossa da ARCI, CineClub V. DE SICA – Cinit e Parrocchia SS. Sacramento, nell’ambito della Estate Rionerese sostenuta dal Comune con la ProLoco. Ecco il suo intervento: Il Cinema: uno strumento per una chiarificazione dell’esistenza La persona cresce nella sua umanità nella misura in cui si approccia alla realtà con la sua intelligenza (la ragione) e con la sua sensibilità (il cuore): ragione ed emozioni sono le grandi luci con le quali e…