Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: Covid e imprese della balneazione: tre considerazioni


E' più che comprensibile la preoccupazione degli operatori balneari. I protocolli di sicurezza che dovranno rispettare sono severi, specialmente riguardo il distanziamento tra nuclei di clienti. Tuttavia simile prudenza deve essere contestualizzata con almeno tre considerazioni. Le prima, di carattere generale, é che poco più di venti giorni fa eravamo in quarantena stretta. Sembra un secolo, ma non lo è. I bassi contagi di oggi sono il frutto degli sforzi di allora e, mai come in questo caso, del doman non c'è certezza. La seconda, legata alla fruizione del servizio offerto. La vita di ombrellone non è come una cena al ristorante o l'acconciatura dal parrucchiere. Il tempo trascorso è assai maggiore, i nuclei per postazione possono essere numerosi e non sono tenuti a restare seduti, figurarsi in presenza di bambini. Valutando il corridoio tra una fila e l'altra, quei dieci metri quadrati che sembrano così immensi non sono che il minimo vitale per dare all'utenza una qualche libertà di movimento. La terza, riguarda la capacità di tenuta del settore. Le imprese balneari italiane sono per lo più realtà a conduzione familiare che per decenni si sono tramandate di padre in figlio la gestione di arenili per i quali hanno pagato canoni risibili all'erario, godendo di un regime fiscale di favore per le attività commerciali annesse. Per non parlare della montagna di tasse non pagate e del fatto di impiegare spesso manodopera stagionale a basso costo, consistente il più delle volte in studenti e secondolavoristi, non di rado impiegati a nero. Insomma, questi operatori, che non sono la totalità ma di certo una fetta consistente, hanno le spalle larghe per reggere un anno di magra. La pazienza che si chiede loro oggi è la sola garanzia per mantenere un piedi un sistema sostenibile con la quasi certezza, salvo disgraziate ricadute sanitarie, di salvare almeno in parte la stagione. Piuttosto che minare i protocolli, chiedano in cambio all'Unione Europea, per il tramite del governo, l'ennesima posticipazione delle temute gare pubbliche per l'assegnazione degli arenili. La causa di forza maggiore li vedrebbe probabili vincitori.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog