Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: La sindrome del grillo parlante



In Italia gli esperti, parafrasando il noto detto, sono come il pesce, dopo tre giorni puzzano. In questa crisi pandemica di giorni ne sono durati quasi un centinaio, per cui possono ritenersi fortunati. Virologi ed epidemiologi se ne facciano pertanto una ragione, sta passando il loro tempo e con esso le ospitate in televisione, le prime pagine sui giornali, i flash di educati e distanziati fotografi; così, dalla ribalta dei salotti, torneranno presto alla noia dei laboratori di analisi. Da tutte le parti si chiede alla politica di fare un passo in avanti, ascoltare sì la scienza, ma prendere decisioni autonome da essa, che tutelino innanzitutto gli interessi economici delle miriadi di categorie comprensibilmente in ansia per il loro futuro. Si fa largo la pratica espressione “meglio morire di Covid che morire di fame”, rafforzata da assunti del tipo “il virus si è indebolito”, “la popolazione ha in larga parte fatto gli anticorpi”, “col caldo l’epidemia si arresta”, messe in circolo chissà come e senza alcuna paternità scientifica. Ma quando i nuovi eroi sono degnissimi parrucchieri, estetisti, balneari, ambulanti e ristoratori, è giusto che medici e infermieri facciano un passo indietro e sarà bene che di foto che li vedono stremati sul luogo di lavoro ne circolino sempre meno, per non rischiare di essere pure additati come fannulloni. Così va il mondo ed è inutile stupirsi che neppure dieci giorni fa stavamo tappati nelle mura domestiche a far da vedetta contro gli untori che violavano la quarantena, mentre ora la mascherina già ci fa uggia, tanto poi “non serve a nulla”. E’ tutto comprensibile, ma la facilità con cui la guida illuminata sta divenendo fastidioso grillo parlante è stupefacente, così che non c’è da meravigliarsi se, in situazioni di normalità, i nostri decisori pubblici credano più alle sirenette che agli scienziati: quelle d’altronde, dai tempi di Andersen non sono mai andate fuori moda.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Iran, somiglianza delle festività e dei costumi italiani

Il regista e scrittore Mohammad Ghane Fard, componente della Associazione produttori documentali dell’Iran, ci ha scritto il messaggio che segue, per augurare Buona Pasqua in segno di fratellanza fra popoli di cultura diversa.    La somiglianza delle festività e dei costumi italiani con le ricorrenze religiose e antiche degli iraniani è molto interessante. Oggi era l'ultimo giorno delle vacanze di Capodanno in Iran, noto come Giornata della Natura. La gente va in montagna, pianura e foresta e prega Dio. Si chiede di liberare dai mali e du soddisfare i loro desideri. Il cibo che mangiano in questo giorno è la zuppa di verdure. Pochi giorni fa, 5 giorni fa, era il compleanno di Mahdi, che gli Sciiti credono sia il compleanno del Salvatore per il suo ritorno con Cristo... Questi giorni fortunati sono di buon auspicio per la salvezza dell'umanità.