Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: La sindrome del grillo parlante



In Italia gli esperti, parafrasando il noto detto, sono come il pesce, dopo tre giorni puzzano. In questa crisi pandemica di giorni ne sono durati quasi un centinaio, per cui possono ritenersi fortunati. Virologi ed epidemiologi se ne facciano pertanto una ragione, sta passando il loro tempo e con esso le ospitate in televisione, le prime pagine sui giornali, i flash di educati e distanziati fotografi; così, dalla ribalta dei salotti, torneranno presto alla noia dei laboratori di analisi. Da tutte le parti si chiede alla politica di fare un passo in avanti, ascoltare sì la scienza, ma prendere decisioni autonome da essa, che tutelino innanzitutto gli interessi economici delle miriadi di categorie comprensibilmente in ansia per il loro futuro. Si fa largo la pratica espressione “meglio morire di Covid che morire di fame”, rafforzata da assunti del tipo “il virus si è indebolito”, “la popolazione ha in larga parte fatto gli anticorpi”, “col caldo l’epidemia si arresta”, messe in circolo chissà come e senza alcuna paternità scientifica. Ma quando i nuovi eroi sono degnissimi parrucchieri, estetisti, balneari, ambulanti e ristoratori, è giusto che medici e infermieri facciano un passo indietro e sarà bene che di foto che li vedono stremati sul luogo di lavoro ne circolino sempre meno, per non rischiare di essere pure additati come fannulloni. Così va il mondo ed è inutile stupirsi che neppure dieci giorni fa stavamo tappati nelle mura domestiche a far da vedetta contro gli untori che violavano la quarantena, mentre ora la mascherina già ci fa uggia, tanto poi “non serve a nulla”. E’ tutto comprensibile, ma la facilità con cui la guida illuminata sta divenendo fastidioso grillo parlante è stupefacente, così che non c’è da meravigliarsi se, in situazioni di normalità, i nostri decisori pubblici credano più alle sirenette che agli scienziati: quelle d’altronde, dai tempi di Andersen non sono mai andate fuori moda.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018