Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture. Il postino suona sempre due volte?


In questo periodo di quarantena forzata con il “tutti dentro” per il Covid19, chi bussa alla porta per la consegna della posta, può accadere che suoni una sola volta. E’ un lavoro al quanto declinato al femminile, e si presentano con mascherina, guanti e la consueta gentilezza, svolgendo un ruolo non meno importante di altri. Ed è proprio una donna che incontriamo per le strade di Rionero in Vulture (Pz), dedita come i colleghi alla consegna di plichi, lettere, raccomandate; e di pacchi, essendo cresciuto notevolmente il volume di consegna per via dei negozi chiusi. Si chiama Donatina Remollino, ben c onsapevole del ruolo sociale che Poste Italiane ricopre, e che fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria del lockdown , non si è mai fermata. Insieme ad altre attività, quali il servizio sanitario, le forze dell’ordine, gli alimentari e poco altro, Poste Italiane continua a garantire quelle prestazioni che permettono al tessuto sociale di proseguire in quel minimo di normalità necessaria. E dunque, la divisione PCL (Posta Comunicazione e Logistica) continua a erogare il proprio servizio di recapito della corrispondenza. Avviciniamo la portalettere Remollino: “c ome state vivendo questo particolare momento nel quale ha dovuto rimodulare repentinamente le modalità di consegna nel rispetto delle precauzioni di sicurezza prescritte nei decreti governativi? “ Siamo stati sempre presenti in questo periodo di pandemia. Quotidianamente l’Azienda ci fornisce guanti in lattice, mascherine e gel igienizzante tascabile. In ufficio troviamo un dispenser per sanificare il palmare e la stampante. Pertanto, nessuno di noi fa un uso promiscuo degli strumenti di lavoro, compresa la sanificazione dei mezzi in dotazione a ciascuno di noi. Per consentire la continuità del servizio ai cittadini sono state cambiate le modalità di consegna. Nel rispetto delle norme di distanziamento sociale, evitiamo qualsiasi contatto con gli utenti; si citofona al cliente per informarlo della consegna di un invio di posta a firma specificandone la tipologia: raccomandate, assicurate oppure un pacco, e si effettuerà la consegna immettendolo in cassetta, previo consenso del destinatario, spiegando le ragioni di tale modalità di consegna. Il portalettere, in qualità di incaricato, certifica la notifica mettendo la propria firma e il codice DL 18/20 Art.108 sull’invio e sulla ricevuta di ritorno.”

Per quegli invii particolari come si comporta?

“Per quanto riguarda atti giudiziari e multe a partire dal 30 aprile scorso si procede con il deposito diretto degli invii presso lo sportello degli uffici postali anche in presenza del destinatario o di un’altra persona abilitata mettendo l’avviso di​ giacenza nella cassetta che potrà essere ritirato con le modalità e nei tempi preposti. Invece le notifiche per Enti o istituzioni saranno effettuati con procedura di consegna.”

Cosa cambia nel rapporto umano rispetto a prima della pandemia?

“Sicuramente ci manca molto il rapporto umano con le persone, il confronto quotidiano, basti pensare che prima dell’emergenza ci sentivamo parte della loro famiglia, persone di fiducia, ci ringraziavano offrendoci a volte anche un bicchiere d’acqua. Oggi tutto questo viene a mancare. E sento il dovere di ringraziare i vertici aziendali che in questo periodo così difficile non ci hanno mai fatto mancare il proprio supporto.”

Nel ringraziarla per le battute scambiate, è il caso di ricordarci che il postino è da sempre al fianco e per i cittadini, continua a garantire il proprio servizio consentendo il funzionamento della vita sociale del Paese. E in questo momento nel quale ciascuno di noi, con la propria operosità, può offrire il proprio contributo e prendersi cura dell’Italia.

(Armando Lostaglio - Donato Masiello)

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e