Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: È VIRTUALE LA 34a EDIZIONE DELLA MILANO-TARANTO


La maratona per moto d’epoca non si ferma: l’evento quest’anno si sposta su Facebook ed è aperto a tutti Le località toccate quest’anno dalla Milano-Taranto sono ben 202, il numero di iscritti illimitato. Invariati restano l’entusiasmo e la passione, l’amore per le bellezze d’Italia e per i motori, la voglia di viaggiare e di divertirsi. L’edizione 2020 della storica maratona si sposta su Facebook, ma senza perdere il legame col territorio e il gusto di scoprire, o di far scoprire, posti nuovi.


Allo stesso tempo partecipare è possibile davvero per tutti e semplice come mai prima d’ora. Dalla mezzanotte del 4 luglio fino a domenica 12 luglio 2020, chi vorrà partecipare alla Milano-Taranto dovrà raggiungere una o più delle località previste - ovviamente rispettando le norme di restrizione in vigore nella propria Regione - e far avere all’organizzazione una foto, un video o un selfie. Fondamentale è indicare dove la foto è stata scattata e chi indosserà una delle t-shirt delle precedenti edizioni avrà più chance di essere inserito nella clip finale che verrà realizzata per celebrare l’evento. Le località interessate si trovano all’interno di un percorso che parte come sempre da Milano e che arriva a Taranto toccando quasi tutti i luoghi che hanno ospitato la manifestazione negli scorsi 33 anni: un “serpentone” che lega simbolicamente Nord e Sud, Est e Ovest e ovviamente il Centro Italia. È impossibile tuttavia anche solo provare a percorrere l’intero itinerario perché è lungo più di 7.000 chilometri. Le foto o i video con i quali si intende partecipare andranno pubblicati nella tab "discussione" dell’evento social raggiungibile a questo link
https://www.facebook.com/events/1124535561254810/

Un’iniziativa che simboleggia la voglia di ripartire insieme e che è pensata anche con l’obiettivo di promuovere la conoscenza delle città e dei territori d’Italia e di valorizzarne le bellezze. Lo staff della Mita è al lavoro quindi anche quest’anno per far sì che il coinvolgimento sia più importante che mai e che quindi questa 34a Milano-Taranto possa passare alla storia - insieme a tutti i suoi partecipanti - come l’edizione virtuale della rievocazione della storica maratona motociclistica. Per quest’anno mancheranno gli abbracci e la convivialità, ma c’è da scommettere che la creatività e lo spirito di iniziativa dei “Tarantini” permetteranno di recuperare, seppure solo virtualmente, ciò che al momento non può essere fatto di persona. Nel frattempo si pensa già al 2021, a quando si potrà finalmente tornare a viaggiare insieme come la grande famiglia della Mita è abituata a fare da ben 34 anni. L’entusiasmo e la passione che hanno scaldato i cuori e i motori così a lungo non si fermano di certo e anzi l’affetto e la voglia di tornare in sella e di ricomporre l’allegra e rumorosa carovana della Milano-Taranto si sono fatti sentire quest’anno più intensi che mai. Per consultare l’elenco delle località ammesse, per pubblicare foto e video, per seguire l’evento e per novità e aggiornamenti è possibile seguire la fanpage “Milano Taranto”

https://www.facebook.com/MilanoTaranto/

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,