Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: È VIRTUALE LA 34a EDIZIONE DELLA MILANO-TARANTO


La maratona per moto d’epoca non si ferma: l’evento quest’anno si sposta su Facebook ed è aperto a tutti Le località toccate quest’anno dalla Milano-Taranto sono ben 202, il numero di iscritti illimitato. Invariati restano l’entusiasmo e la passione, l’amore per le bellezze d’Italia e per i motori, la voglia di viaggiare e di divertirsi. L’edizione 2020 della storica maratona si sposta su Facebook, ma senza perdere il legame col territorio e il gusto di scoprire, o di far scoprire, posti nuovi.


Allo stesso tempo partecipare è possibile davvero per tutti e semplice come mai prima d’ora. Dalla mezzanotte del 4 luglio fino a domenica 12 luglio 2020, chi vorrà partecipare alla Milano-Taranto dovrà raggiungere una o più delle località previste - ovviamente rispettando le norme di restrizione in vigore nella propria Regione - e far avere all’organizzazione una foto, un video o un selfie. Fondamentale è indicare dove la foto è stata scattata e chi indosserà una delle t-shirt delle precedenti edizioni avrà più chance di essere inserito nella clip finale che verrà realizzata per celebrare l’evento. Le località interessate si trovano all’interno di un percorso che parte come sempre da Milano e che arriva a Taranto toccando quasi tutti i luoghi che hanno ospitato la manifestazione negli scorsi 33 anni: un “serpentone” che lega simbolicamente Nord e Sud, Est e Ovest e ovviamente il Centro Italia. È impossibile tuttavia anche solo provare a percorrere l’intero itinerario perché è lungo più di 7.000 chilometri. Le foto o i video con i quali si intende partecipare andranno pubblicati nella tab "discussione" dell’evento social raggiungibile a questo link
https://www.facebook.com/events/1124535561254810/

Un’iniziativa che simboleggia la voglia di ripartire insieme e che è pensata anche con l’obiettivo di promuovere la conoscenza delle città e dei territori d’Italia e di valorizzarne le bellezze. Lo staff della Mita è al lavoro quindi anche quest’anno per far sì che il coinvolgimento sia più importante che mai e che quindi questa 34a Milano-Taranto possa passare alla storia - insieme a tutti i suoi partecipanti - come l’edizione virtuale della rievocazione della storica maratona motociclistica. Per quest’anno mancheranno gli abbracci e la convivialità, ma c’è da scommettere che la creatività e lo spirito di iniziativa dei “Tarantini” permetteranno di recuperare, seppure solo virtualmente, ciò che al momento non può essere fatto di persona. Nel frattempo si pensa già al 2021, a quando si potrà finalmente tornare a viaggiare insieme come la grande famiglia della Mita è abituata a fare da ben 34 anni. L’entusiasmo e la passione che hanno scaldato i cuori e i motori così a lungo non si fermano di certo e anzi l’affetto e la voglia di tornare in sella e di ricomporre l’allegra e rumorosa carovana della Milano-Taranto si sono fatti sentire quest’anno più intensi che mai. Per consultare l’elenco delle località ammesse, per pubblicare foto e video, per seguire l’evento e per novità e aggiornamenti è possibile seguire la fanpage “Milano Taranto”

https://www.facebook.com/MilanoTaranto/

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018