Passa ai contenuti principali

Appuntamentiin Primo Piano: Ischia Film Festival, Luglio: “Trasformiamo in positivo il momento difficile vissuto”


Il regista è stato protagonista della terza serata con il film “Il ladro di cardellini” Ospite il 1 luglio l’attrice Susy Laude

Dall’Ischia Film Festival, fin dai primi giorni, è arrivato un messaggio molto importante per il rilancio del cinema e c’è anche chi, come Sergio Rubini, ha sottolineato come la categoria degli attori, del cinema e di tutto ciò che ruota attorno ad esso sia un po’ bistrattata, l’ultima a ripartire dopo il Covid19. E’ d’accordo? “La nostra categoria è l’ultima a ripartire dopo il Covid soprattutto per le misure di sicurezza da adottare sul set. Non solo gli attori, ma tutta la filiera cinematografica ha subito una grande battuta d’arresto”.


Le parole del regista Carlo Luglio, ospite all’Ischia Film Festival con il suo film “Il ladro di cardellini”, sono sulla scia del pensiero di altri artisti come Sergio Rubini e Lillo Petrolo che lo hanno anticipato nei giorni scorsi nella prima rassegna cinematografica post Covid. “Un momento difficile vissuto da tutti in tutto il mondo può essere trasformato in qualcosa di positivo. Noi saremmo dovuti uscire con una distribuzione indipendente in primavera, magari saremmo andati in 2 o 3 sale in tutta Italia e dopo una settimana scomparire. Invece ora abbiamo avuto l’idea di farli proiettare nei drive-in e le arene cinematografiche in tutta Italia. Dopo l’anteprima qui all’Ischia Film Festival, di cui andiamo molto orgogliosi soprattutto per la splendida cornice del Castello Aragonese e vedere il film proiettato a persone reali e non solo online, il film sarà distribuito anche sulle piattaforme. Una uscita capillare: dai drive-in come quello di Pozzuoli il 9 luglio, alle piattaforme online dal 15 luglio. Questa metodologia di distribuzione ci permette di andare ‘porta a porta’ a presentare il film con gli attori e tutti quanti hanno preso parte al film. Una nuova esperienza, originale e unica”. Nel cast Nando Paone, Ernesto Mahieux, Gigi De Luca, Viviana Cangiano, Lino Musella, Tonino Taiuti, Giovanni Ludeno, Yuliya Mayarchuk, Antonella Attili, Pino Mauro, Vincenzo Nemolato, Alan De Luca. Luglio pensa già al prossimo futuro. “Sto lavorando ad una sceneggiatura che è alla prima stesura, dal titolo “Assediati” che spero di realizzare in autunno o in primavera. Racconta di un mondo vero, prendendo spunto da un episodio di cronaca a Casal Bruciato lo scorso anno, dove una famiglia di 14 rom è stata cacciata via e assediata, appunto, da un gruppo di CasaPound, ma che ha istigato la violenza e le discriminazioni di altri poveri italiani, autoctoni, che in un certo qual modo hanno discriminato questa famiglia di rom. I genitori con la bambini più piccolo si sono recati dal Papa e noi ci siamo posti il problema di quel che è successo prima che arrivassero all’assegnazione della casa popolare e anche dopo. Noi conosciamo solo ciò che racconta la cronaca che, come sappiamo, si ferma al momento. Invece cinematograficamente era interessante scoprire il prima e il poi, romanzandolo con una vena di impegno civile molto forte e una vena surreale, rendendo anche un po’ magico e surreale questa assurdità della guerra tra poveri”. La rassegna cinematografica diretta da Michelangelo Messina, da sempre incentrata sul legame tra cinema e territorio, si svolgerà in versione ibrida fino al 4 luglio. Ospite domani, 1 luglio, l’attrice Susy Laude con il film “Gli uomini d'oro” di Vincenzo Alfieri. Sul portale www.ischiafilmfestivalonline.it ogni giorno saranno visibili le opere in concorso. Nella sala cinematografica sarà possibile assistere alla proiezione di “La casa de los conejos” di Valeria Selinger (Sezione Lungometraggi), “The absence” di Fatemeh Zolfaghari, “Icemeltland Park” di Liliana Colombo e “The Hunter” di Jero Yun (Sezione Cortometraggi), “A simple life” di Myrto Papadogeorgou e Robert Harding Pittman e “Sycamore” di Mehmet Tığlı (Sezione Location Negata), “Butterflies in Berlin” - Diary of a soul split in two di Monica Manganelli(Sezione Animazione), “L'immigrato” di Sophia Capasso (Sezione Scenari Campani), “Gli ultimi a vederli vivere” di Sara Summa e “Vapor” di Emre Birismen (Sezione Fuori concorso). L'Ischia Film Festival è realizzato sotto l'Alto Patrocinio del Parlamento Europeo, con l'assegnazione della Medaglia del Presidente della Repubblica, con il contributo della Regione Campania (Direzione delle politiche culturali e del turismo) e della Direzione Generale Cinema del MiBACT.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai  Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: “Oltre la felicità” di Michele Libutti

Può capitare che uno scrittore senta il bisogno di ri-raccontarsi con maggiore veemenza, ovvero di fare ulteriore chiarezza rispetto a quanto ha già pubblicato. Oltre la Felicità di Michele Libutti Accade allo scrittore lucano Michele Libutti che ha alle spalle diciannove pubblicazioni, un quarantennio da medico, una laurea in lettere classiche e premi letterari di livello nazionale. Con il suo ultimo lavoro dal titolo impegnativo “Oltre la felicità” (Nuova Prhomos Edizioni) lo scrittore si misura con la probabilità di carpire il segreto che sta dietro a tale ambizione umana e necessaria che chiamiamo felicità, in fondo ad un viale ipotetico o reale che sia. Operazione non sempre riuscita a scrittori e intellettuali anche del grande schermo come Woody Allen, ipocondriaco che sente sempre il bisogno di ambire a quel livello superiore che chiamiamo felicità. Michele Libutti sente, dicevamo, un bisogno ulteriore, di fare chiarezza nella maniera di interpretare questo suo testo, che ap…

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)