Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi. Piccoli e grandi abusi nella "fase 2"



Nella così detta "fase 2" molti nodi sull'organizzazione del lavoro in Italia vengono al pettine, molti stereotipi si rovesciano. Dopo una battaglia secolare contro l'impiegato fannullone, da incollare con il mastice alla sedia, ci si rende conto che le pause caffè, gli aperitivi, le lunghe interruzioni per il pranzo, smuovevano un giro di denaro che ora manca. Potendo, concederemmo oggi allo statale di turno il diritto alla consumazione esterna senza limiti. Così, se da un lato di rivorrebbe il lavoro in ufficio con annessa libera uscita illimitata, dall'altro si confonde lo smart working con gli arresti domiciliari, vista l'offerta sul mercato di strumenti e apparecchiature che permettano un controllo da remoto che neppure al quarantuno bis, scordando che il termine agile riassume una modalità informale della prestazione professionale dove contano gli obiettivi e non le ore passate davanti al monitor. Guai se il lavoratore si trova troppo a suo agio e ci sono imprenditori che, confondendo la cassa integrazione con le ferie, senza considerare che il taglio del venti per cento di uno stipendio di sussistenza significa rinunciare a beni essenziali, per non concedere la pacchia ai sottoposti, comunica le ore di cassa integrazione il giorno prima o le concede a giorni alterni. Errore madornale per l'intero sistema economico, perché, non essendoci niente di male a sfruttare la cassa integrazione per una gita fuori porta, con una seria programmazione della medesima si potrebbe smuovere un flusso turistico interno di cui questo paese, orfano degli ospiti extracomunitari con i soldi, ha un enorme bisogno.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai  Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)