Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il cinema d’arte e la montagna


Un antico detto cinese recita: “Viaggiare è costruire. La migliore costruzione è quella che ci fa capire dove finisce la natura e comincia l’arte”.

Certo, entrare in un museo o in un cinema è come viaggiare, con la mente che elabora immagini. Il cinema d’arte, nei suoi viaggi memorabili, ha spesso incontrato la montagna, si è imbattuta nelle sue asperità e nelle sue bellezze, ne ha esaltato le difficoltà dell’uomo di superarla. Ma ne ha anche fatto momento di confronto, di esaltazione del sacrificio e, beneficamente, apologia della natura, sublimazione dello sguardo. Sono molte le pellicole (non solo documentari) che hanno fatto scalare virtualmente la montagna, odorandone ogni profumo, respirando quell’atmosfera fiabesca, che talvolta nasconde insidie. La letteratura ne ha fatto un genere. E proprio partendo dal connubio fra cinema e letteratura, va richiamato alla memoria il bellissimo documentario (presentato nel 1999 alla Mostra di Venezia) Ritratti: Mario Rigoni Stern , che il regista veneto Carlo Mazzacurati gira con Marco Paolini . Un film-dialogo nel quale lo scrittore di Asiago racconta la esperienza che lo hanno segnato: la guerra, il lager e il difficile ritorno a casa. La sua esperienza letteraria è un atto d’amore verso la montagna e la natura. Il film, di una sensibilità rara, racconta delle tre giornate d’inverno che Mario Rigoni Stern trascorre insieme a Paolini. Dapprima in un vecchio ricovero di boscaioli sulla Piana di Marcesina, un’occasione per lo scrittore per raccontare la sua vita. La seconda giornata è dedicata al tempo del ritorno e all’altopiano di Asiago. Nella terza giornata lo scrittore riflette sul presente, parlando di natura, memoria e di responsabilità. La letteratura che incontra il cinema, ovvero il cinema che si fa fonte di scoperta, esplorazione, ricerca di linguaggio. Una analisi in tal senso la propone l’ispirato libro dell’autore lucano Gaetano Fierro “ Il futuro si chiama montagna” (EditricErmes, Potenza) nel quale l’autore, appassionato e critico, propone le opportunità (in chiave di progresso civile) che la montagna potrebbe consolidare, a partire da una rinnovata idealità di turismo, e risalendo alle esperienze dei viaggiatori europei del Sette-Ottocento che toccarono il Sud, alla ricerca delle radici classiche e di una natura inviolata. Montagna come viaggio, ma anche espiazione e confronto. Nel controverso e parossistico film di Alejandro Jodorowsky “La Montagna Sacra” (del 1973) un ladro, dopo essere passato attraverso esperienze mistiche, si reca da un alchimista che lo introduce alla vita ascetica. Insieme andranno in cerca della Montagna Sacra dove si trovano dei saggi: il fine è eliminare i vecchi sapienti e conquistare l’immortalità. Visionarietà, ma anche sublimazione della montagna, in una proiezione surreale ed onirica. Charlie Chaplin nel 1925 con “ La febbre dell’oro ” rivisita l’epica dei cercatori d’oro, fra i ghiacci dell’Alaska. Un classico degli inizi del più grande fra i registi-poeti della celluloide. Sempre sulle imprese montane ad alta quota, sulle sfide che la montagna sa lanciare, è uno dei film fondamentali di Clint Eastwood “ Assassinio sull’Eiger ” datato 1975. Il maestro ha appena compiuto 90 anni. “Senza contatto, scambio di valori e accoglienza, non può esserci sviluppo umano e qualità dell’esistere”: è questa l’essenza di un buon film italiano di qualche anno fa “ Il vento fa il suo giro ” (“ E l’aura fai son vir ” in lingua occitana), diretto da Giorgio Diritti ; è basato su una storia realmente accaduta ad Ostana, un borgo a 1300 metri nella valle del Po Cuneese, ed osservata dallo sceneggiatore Fredo Valla. Il titolo riprende un proverbio occitano: “tutto ritorna”. Si tratta di integrazione e condivisione in quelle popolazioni apparentemente chiuse. Infine, occorre citare due opere dell’imponente cineasta tedesco Werner Herzog : “ Grido di pietra ” (del1991) nel quale racconta di una sfida tra alpinisti alla scalata del Cerro Torre, un picco situato in Patagonia, nelle Ande tra Argentina e Cile. Indimenticato protagonista è Vittorio Mezzogiorno insieme a Donald Sutherland. “Si ha l’impressione di planare sopra ogni cosa, di aver perso ogni contatto con la terra, di essere staccati dal mondo e dall’umanità. Mi sembra di trovarmi su una minuscola isola in mezzo ad un oceano sconfinato”. E’ l’epigrafe del film di Herzog, nel quale l’alpinismo vuol dire “riattingere al seno della terra, confluire nel respiro del mondo, salire tra la gravità e il cielo. L’esame smisurato con le creste e i precipizi del destino”. In “ Fitzcarraldo ”, premiato a Cannes nel 1985 per la migliore regia, Herzog accompagna – tra ‘800 e ‘900 – ad un personaggio esaltato ed passionale al tempo stesso, Fitzcarraldo. Coinvolto totalmente dalla musica operistica, sogna di costruire il più grande teatro lirico del mondo in mezzo alla giungla amazzonica. E’ li che vuole far cantare addirittura Enrico Caruso, la folle idea che persegue con ostinazione e tormento. Protagonista è un immenso Klaus Kinski, per anni l’attore-icona di Herzog, affiancato da una straordinaria Claudia Cardinale. Il delirio di Fitzcarraldo si materializza in una nave di più di 300 tonnellate che verrà ​ trascinata attraverso una montagna, mossa solo dalla forza degli indigeni, e dalla voce veemente di Caruso. Herzog non ha usato effetti speciali per girare queste scene, “sembrava essere spinta da una testardaggine proprio come quella del protagonista del suo film”. In fondo, come ha scritto lo storico-economista elvetico Jean Francois Bergier: “le montagne, i laghi, le foreste...sono sempre stati abbastanza permeabili: non hanno impedito la circolazione di beni e di uomini”. E di questo il cinema ne ha dato ampiamente conto.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,