Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: LAZZARO_Art doesn’t sleep


giovedì 23 luglio, ore 22.30

Con il patrocinio dell’Assessorato alla Crescita Culturale del Comune di Roma
PARNTER - ACCADEMIA DUCALE CENTRO STUDI MUSICALI

Il 23 luglio 2020 l’Accademia Ducale centro studi musicali di Pietragalla (Pz) sarà partner di un evento unico: LAZZARO_Art doesn’t sleep . Una mostra collettiva di oltre 60 artisti internazionali, che hanno realizzato le loro opere durante il lockdown, proiettata sui palazzi delle città del mondo. Tra queste città ci sarà anche Pietragalla, unica in Basilicata, con una proiezione sulla facciata dello storico Palazzo Ducale. Alle 22.30 locali scatterà l’ora X: la proiezione partirà da est, a Bangkok, e, come a Capodanno, seguirà una città dopo l’altra secondo l’ordine dei fusi orari fino a Città del Messico. L’Accademia Ducale dedicherà all’evento delle puntte speciali della sua Web TV, nata anch’essa durante il lockdown, trasmettendo in diretta in tre momenti: alle 16.30, ora italiana, la proiezione della prima città, Bangkok, con un’anteprima dedicata agli artisti, i proiezionisti e le organizzatrici, Laura Mega e Claudia Pecoraro; alle 21. 30, ora italiana, la proiezione sulla facciata del Palazzo Ducale di Pietragalla e alle 06.00 del 24 luglio (ore 22.30 di Città del Messico) la proiezione dell’ultima città, Mexico City. Durante le dirette, condotte da Angela Vietri e Amalia Palermo, i docenti dell’Accademia Ducale suoneranno dal vivo musiche di un autore anonimo del Quattrocento, Bach, Schubert, Chopin e Schumann: Matteo De Bonis (pianoforte), Amalia Palermo (voce), Samantha Pace (pianoforte), Carmine Lavinia (pianoforte), Filomena Solimando (soprano) ed il Trio Marsia composto da Erminia Nigro (clarinetto), Giuseppe D’Amico (contrabbasso), direttore artistico dell’Accademia Ducale, Lucrezia Merolla (pianoforte), anch’essi docenti dell’Accademia. I loro interventi musicali saranno eseguiti in due momenti: come apertura delle dirette della Web TV e durante le proiezioni delle opere d’arte, in un connubio tra arte, musica e nuove tecnologie che renderà ancor più unico questo evento. La regia delle trasmissioni è curata da Matteo De Bonis.
Le dirette della Web TV dell’Accademia Ducale saranno disponibili sulla pagina Facebook

https://www.facebook.com/AccademiaDucalePietragalla/

e sul canale YouTube dell’Accademia

https://www.youtube.com/channel/UCfE7FW2rlTp3iFGJg-xgfQQ .

La prima edizione di LAZZARO_Art doesn’t sleep, è stata realizzata il 17 maggio 2020. In questa seconda edizione del 23 luglio, patrocinata dall’Assessorato alla Crescita Culturale del Comune di Roma, numerosi sono gli artisti coinvolti, alcuni di fama internazionale come Baphoboy, Molly Crabapple, İsmet Doğan, El Gato Chimney, Franko B, Simone Fugazzotto, Louis Masai, Pietro Ruffo, Stefan Sagmeister, Nick Walker, provenienti da varie città del mondo: Bangkok, Istanbul, Riga, Roma, Milano, London, New York, Lima, Mexico City. L’elenco completo di tutti gli artisti è disponibile sui canali Facebook e Instagram dell’evento @LAZZAROartdoentsleep.

INFO E CONTATTI ACCADEMIA DUCALE Angela Vietri (+39) 347 185 6713 Web:

http://ducaleacademy.it/

Facebook:
https://www.facebook.com/AccademiaDucalePietragalla/

Youtube:
https://www.youtube.com/channel/UCfE7FW2rlTp3iFGJg-xgfQQ

Instagram:
https://www.instagram.com/accademiaducale/

Partner LAZZARO_Art doesn’t sleep Alice nella città #cinemadacasa BIANCA AC Lost&FoundStudio Contemporary Cluster White Carrara Downtown 2020 Internazionale Marmi e Macchine CarraraFiere spa Accademia Ducale centro studi musicali - PIETRAGALLA Kaņepes Kultūras centrs - RIGA​ Joyman Gallery, BANGKOK - Virakun (Nhong) Punyaratabandhu, Managing Director Con la collaborazione di: Sara Passamonti (BANGKOK) Sirma Zaimoğlu (ISTANBUL) Beatrice Amting e Intars Kirhners (RIGA) Aurora Destro (MILANO) Malaki e Nicolas Gjivanovic (LIMA) Yupica (CITTÀ DEL MESSICO) Grafica LAZZARO_Art doesn’t sleep : Michela Rossi Grafica Accademia Ducale: Angela Vietri

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazioni in Primo Pino: Un romanzo di fantascienza italiana nato tra Lombardia e Basilicata

Un ragazzo del Sud mette a frutto le sue qualità informatiche per creare un mondo migliore dopo la morte di suo fratello, l’ennesima morte bianca. Un libro di fantascienza italiana, nato tra Lombardia e Basilicata. Il quadro è Milano ed il suo hinterland, ma anche Gallarate che gravita come la Luna intorno al suo aeroporto internazionale di Malpensa, con i suoi mille voli giornalieri. Tutto parte al Sud, in terra lucana. Rocco “rappresenta” un po’ tutti i ragazzi buoni d’Italia: volenterosi, intelligenti e umili. Dopo la morte del fratello, a causa di un incidente sul lavoro, l’ennesima morte bianca , decide, ormai trent’enne, di riscriversi all’Università e dedicarsi allo studio dell’Intelligenza Artificiale . Finalmente potrà usare le sue innate qualità. Il progetto per lui è chiaro sin dall’inizio, ma quello che gli succederà andrà oltre quanto preventivato, portandolo ai bordi dell’Universo e prendendo contatto con una specie aliena, i SyborgX. Rocco non compi

Reportage. In questo momento nel mondo: Norvegia, Fiji, Scozia, Thailandia

Le migliori vignette sulla vittoria di Donald Trump alle elezioni Usa