Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi.


Molti italiani, purtroppo, hanno vissuto in prima persona il dramma di un furto in casa. Trovare la porta di ingresso aperta e dietro di essa il raggelante spettacolo di stanze messe a soqquadro, armadi e cassetti aperti, tutto gettato nel mezzo, biancheria, ricordi cari, tutto. Una sensazione di smarrimento e vulnerabilità che si fa ancora più forte quando, nella maggioranza dei casi, le forze dell'ordine non possono che allargare le braccia, un po' per mancanza di uomini e risorse con cui fare le ricerche, un po' per la difficoltà oggettiva delle stesse. Per questo fa un po' rabbia vedere l'impegno immediato e senza risparmio con cui le autorità hanno preso in carico l'analogo reato capitato all'asso straniero della Fiorentina calcio, Frank Ribery. Dopo le comprensibili parole di sconcerto dello stesso e la minaccia di lasciare l'Italia e Firenze verso paesi più sicuri, si è mobilitato un esercito di persone, compresi il nucleo RIS alla ricerca di eventuali tracce di DNA. Insomma, tutti i migliori auspici per il miliardario calciatore francese, convinti che l'intimità violata non la si ripari neppure con tanti denari da spendere, però la dipsarità di trattamento non può che saltare agli occhi, per ricordarci ancora una volta che non tutti siamo uguali di fronte alle leggi dell'umana giustizia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai  Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)