Passa ai contenuti principali

Intervista a Larry Adeyanju - Docente Universitario

 
Larry Adeyanju è dal 1984 lettore di lingua inglese presso il Centro Linguistico di Ateneo – Università degli Studi della Basilicata a Potenza, Italia. Nato da genitori nigeriani nel 1957, ha studiato in Europa principalmente nel Regno Unito ma anche a Parigi, in Francia. È uno dei primi studenti testimonial dello Scambio Studentesco Internazionale che ha terminato la sua formazione accademica linguistica presso Università per Stranieri di Perugia. Il suo amore per l’Italia lo ha portato a scegliere di vivere e insegnare in questo Paese. Ha viaggiato molto in paesi dell’Europa e in posti lontani come Malesia, India, Cina, Indonesia, Nuova Zelanda, Australia, Argentina, Galapagos ed Ecuador, Kenia e Sud Africa per menzionarne alcuni. Questo e’ anche un motivo per cui possiede una piccola agenzia a conduzione familiare – Magic Trips – nella sua città di residenza, Potenza, nel sud Italia. L’agenzia di viaggi è conseguente alla sua prima impresa privata inziata nel 1985 – l’Angloschool. Magic Trips è diventata dunque il settore specializzato nei viaggi studio all’estero e che è stato nominato vacanzestudi.com. Attraverso questa specializzazione, è stato in grado di mandare studenti all’estero a studiare non solo nel periodo estivo ma per un anno intero. Gli studenti italiani hanno velocemente fatto tesoro del suo contatto affidandosi a lui per andare a concludere i propri studi superiori ed universitari presso importanti scuole ed università di tutto il mondo. 
 
 #turismo #istruzione #università

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018