Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: 2 ^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore Estate – Città di Eboli. Presentazione libro di Aurelio Pace “Eppure qualcuno mi doveva ascoltare


Con la presentazione del libro di Aurelio Pace dal titolo “Eppure qualcuno mi doveva ascoltare”, casa editrice Osanna Edizioni, del 23 agosto, si conclude la seconda edizione Divini-Libri- Chiacchierata con l'Autore Estate – Città di Eboli, una edizione breve, dovuta alle restrizioni causate dal Covid19, come ci tengono a precisare i due organizzatori Raffaele Agresti e Vincenzo Pietropinto, “abbiamo voluto dare un senso di continuità all'evento, perchè la cultura non si deve, e non si può fermare, nonstante le limitazioni che questo virus ha imposto”. Anche questa presentazione si svolgerà nel Giardino Vacca de Dominicis, start alle ore 20:00, ingresso aperto fino a esaurimento posti, viste le nuove disposizioni governative, è fatto obbligo di indossare le mascherine. L'utima opere letteraria di Aurelio Pace, racconta di un fatto realmente accaduto 75 anni fa, la travagliata vicenda di Agostino Lacerenza. “ Eppure qualcuno mi doveva ascoltare”. Agostino Lacerenza è uomo e racconto. Di quante croci si può caricare un innocente prima che egli soccomba sotto l’insostenibile peso della vergogna che ne ha stravolto l’identità? dell’ostracismo che la sua stessa comunità, per imperscrutabili ragioni resasi ingiusta, gli ha decretato rendendolo estraneo alla moglie, ai figli; straniero alla terra alla quale da sempre si è piegato – così suo padre e il padre di suo padre? Eppure, quest’uomo innocente – ma le carte del casellario giudiziale, le inappellabili, di lui dicono: «parricida» prima e «assassino di un ragazzo», poi –; quest’uomo, che ha nome Agostino, è, banalmente, vittima di un colpevole ostinato strabismo di paladini della giustizia. «Eppure qualcuno mi doveva ascoltare»: incipit del romanzo e titolo dello stesso. Sintesi di una pena senza fine. La placherà, Agostino, esiliandosi nella selva dei suicidi. Settanta e più anni: tanti ne sono trascorsi prima che qualcuno – Aurelio Pace (fortemente motivato da ammirevole pietas filiale degli eredi di Agostino) – immaginasse le parole di quella storia che nessuno volle ascoltare. Per trarne un racconto struggente e accorato: di segrete ferite, di sogni e di ricordi, di domande senza risposte, di impietoso scavo nei bui impenetrabili recessi di sé e degli altri. Un racconto da cui emana una «forza patetica di grande spessore, la ragione stessa dello scrivere». a.v. Fonte: Osanna Edizioni. All'evento prenderanno parte, oltre all'autore Aurelio Pace, il Sindaco di Eboli Massimo Cariello, l'Assessore alla Cultura del Comune di Eboli Angela Lamonica, la giornalista Rossella Pisaturo, che introdurrà l'incontro e Vincenzo Pietropinto che chiacchiererà con l'autore. Saranno presenti I Cantori di San Lorenzo, l'Associazione teatrale Educarteatrando, il maestro Tonino del Canto, che non faranno mancare il loro supporto all'evento. I Media Partner dell'evento sono, il Magazine del Turismo Letterario Luoghi d'Autore, Radio Castelluccio 75 e Eboli Channel. Al termine della presentazione è previsto un assaggio delle mozzarelle del Caseificio Fattorie di Guida di Eboli, e la degustazione del vino dell'Azienda Brenca di Eboli.

 Raffaele Agresti

Commenti

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…