Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Premiazione concorso letterario nazionale a Venosa (PZ)


Domenica 23 agosto a partire dalle ore 17 nel rispetto delle normative covid (con ingressi regolamentati e solo su invito) a Venosa, nella magnifica cornice storica del castello ducale 'Pirro del Balzo', si svolgerà la cerimonia di premiazione del concorso letterario nazionale 'Engel Von Bergeiche', a cura dell'omonima Associazione artistico-letteraria. Una 9° edizione dal tema “Una goccia, per alleviar le pene di Mater Terra!”, con il patrocinio dell'amministrazione comunale e dedicata al poeta e scrittore Angelo Calderone, originario della ridente comunità del Vulture di Ruvo del Monte e autore apprezzato in Italia e all'estero con numerose coppe e targhe vinte in concorsi prestigiosi. Un modo significativo e di alto valore sociale per ricordare il conterraneo prematuramente scomparso nel 2011 che ha sempre con onore e piacevoli ricordi rispettato il valore e l'attaccamento per le sue origini in terra lucana. Il tema quest’anno ha come leitmotiv l’attuale scenario che stiamo vivendo, in un’epoca dove l’uomo ha distrutto e continua imperterrito nel suo processo, per il vile Dio denaro, innocenti soffrono e periscono, mentre Madre Terra sempre più è depredata attende una goccia di speranza. Speranza che tutti le possiamo donare.


A questo
 grido, quindi uniamoci tutti: grandi e piccini con la forza dell’amore, che vi è in ogni gesto dalla letteratura e dell’arte, per poter portar pace, fratellanza e amore verso tutti gli esseri viventi. Il messaggio del poeta-scrittore Engel von Bergeiche, lanciato attraverso la forza icastica della sua scrittura e della sua poesia, rappresenta ora come non mai una chiara denuncia dei mali del mondo: le aberrazioni dell’uomo, ovvero la violenza sui propri simili più deboli. Infatti, grazie alla sua vena poetica e alla sua verve, improntate ad un verismo genuino e pregnante, egli faceva sentire la sua voce per invocare un maggiore rispetto delle regole, delle leggi e del vivere civile. Inoltre, si appellava al senso di umanità e di giustizia verso i poveri e gli svantaggiati, per la protezione della nostra terra e dei suoi abitanti. In ultima analisi, lo scopo dell’Associazione, con questo Concorso, è quello di portare avanti, divulgare e tramandare il pensiero critico ed il messaggio poetico di Angelo Calderone, in arte Engel von Bergeiche, per cercare di illuminare la mente ottenebrata della nostra società, affinché possa trionfare all’odio l’amore. Vogliamo ricordare, che quest’anno l’Associazione ha voluto promuovere il Concorso con l’accesso gratuito all’iscrizione delle varie sezioni, per essere vicini a tutti coloro che in questo momento stanno affrontando un periodo critico. Essendo pensiero dell’Associazione Artistico Letteraria Engel von Bergeiche, che la letteratura e l’arte devono essere patrimonio di tutti e tutti devono avere la possibilità di esprimere i loro sentimenti, uniti sempre! In apertura dei lavori il saluto del Presidente dell'associazione che ha istituito il concorso, Rossella Calderone, che illustrerà il tema e le peculiarità dell'iniziativa e darà il benvenuto ai giurati, agli artisti e scrittori selezionati e giunti da varie parti d'Italia e le autorità presenti. Nel corso dell'interessante cerimonia, interverranno il socio onorario Antonio Petrino (tra l'altro conduttore della manifestazione), inoltre ospiti della letteratura e della cultura e il management Salvo De Vita.

Commenti

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…