Passa ai contenuti principali

IN PRIMO PIANO con Nunzia Ieva


IN PRIMO PIANO 13. Puntata.

NUNZIA IEVA, detta Titti, è una ragazza pugliese di Andria di 24 anni, affetta da una rara forma di leucodistrofia (a cui consegue un progressivo deficit motorio), da quando aveva 5 anni e mezzo. Ha studiato danza classica con passione. Nell’ottobre del 2001 è stata indirizzata all’istituto neurologico Besta di Milano, dove le è stata diagnosticata questa rara patologia genetica (6 mesi di sopravvivenza stimata) e da lì inviata al Centro di ematologia pediatrica di Monza, dove è stata sottoposta a trapianto di cellule staminali a marzo del 2002. Ora la malattia non è debellata, ma è sotto controllo costante. Tornati a casa il maestro Gianpaolo Brescia si è reso disponibile a seguirla, insegnandole i balli da sala. E così, la grande passione di Nunzia l’ha portata a tentare l’audizione per il programma televisivo “Ballando con le stelle” condotto da Milly Carlucci. Non è stata ammessa, ma grazie alla sua tenacia ha voluto riprovare e finalmente accedere a 'Ballando on the road' con un'esibizione in coppia con Gianpaolo. Voleva tornare a ballare, anche su una sedia a rotelle. Un sogno che si è avverato, con il suo video mentre volteggia elegante su un pezzo di bachata ha emozionato e conquistato il pubblico della rete che l’ha premiata con oltre 8 mila like sulla pagina Facebook della trasmissione. L'anno prima si è esibita in Spagna a Siviglia sul prestigioso palco del 'Bachetero' nel contest 'D&D Be Unlike' confrontandosi con i migliori ballerini da ogni parte del mondo. Al suo fianco nella vita, il compagno affettuoso che ogni donna vorrebbe avere, premuroso e pieno di amore e sentimento, Aldo Mari, suo primo grande sostenitore alla pari della calorosa famiglia. Una storia toccante ed esemplare, nonostante un destino beffardo, dove emerge una straordinaria forza di volontà, carattere, positività, determinazione, con Titti protagonista oltre le avversità, ostinata e caparbia. Una donna che ama la vita e una combattiva che non si è mai arresa. Onore e complimenti!

#Ballo #Spettacolo #Approfondimento

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018