Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio. Quel maledetto 2 agosto 1980 negli occhi di Vito


Non ne parla mai, evita da sempre quell’atroce ricordo: 40 anni sono trascorsi ma le tragedie non si dimenticano mai. Restano nitide quelle immagini nella memoria di Vito Borriello perché era lì, alla stazione di Bologna, vissute da testimone visivo. Si sente un sopravvissuto. Vito si trovava lì per fare il biglietto e rientrare nella sua Lecce: un tempo si facevano le code agli sportelli. Quelle immagini che la televisione ci rimanda con i colori un po’ sbiaditi: i crolli nella stazione sventrata, il sangue e le barelle, le sirene e le urla di dolore: Vito le ricorda insieme a quell’odore nauseabondo di fumo e di lacrime. Ce ne parla non senza fatica, quasi a voler rimuovere il terribile momento, che si trascina da tanti decenni. Oggi Vito è in servizio alle poste in Basilicata; di origine leccese e rionerese acquisito. “Nel 1980 vivevo a Bologna già da un paio di anni.” Inizia così il suo breve racconto. “Ero arrivato dal Salento per studiare e poi ci sono rimasto molti anni per lavorare, ho svolto diversi lavori e poi in Poste. Quel 2 agosto avevo deciso di partire per le vacanze in Puglia, far ritorno dai miei genitori che vedevo poche volte all’anno. Avevo già fatto il biglietto ed intorno alle 10 ero in sala d'attesa per aspettare il treno. Pensai di spostarmi un attimo in un'altra sala per avere informazioni più dettagliate. Mi interessava sapere quanto avrei dovuto aspettare, dopo l'arrivo a Lecce, per trovare la coincidenza col treno per Casarano e Gagliano. Ero in fila e stava per arrivare il mio turno. Alle 10,25 sentii un botto di una potenza terrificante, seguito da un altro dopo pochi secondi. Ho visto la gente scappare senza capire in quale direzione per paura di altri scoppi. Provenivano proprio dalla sala d'aspetto dove io ero solo qualche minuto prima. E lì sono morte quasi tutte le persone in quella tragedia.” C’è dolore da superstite nelle sue parole, non intende dire altro; siamo usciti insieme dalla messa domenicale come ogni tanto accade. Non si ​ può aggiungere altro. Non si deve. Occorre riflettere, e pregare. Un anno orribile quel 1980, conclusosi con il terribile sisma in Irpinia e Basilicata. Quella del 2 agosto a Bologna rimane una tragedia assurda che ancora chiede giustizia. Ottantacinque i morti ufficiali. E solo un mese prima, il 27 giugno, un aereo passeggeri, il DC9 Itavia, partito da Bologna e diretto a Palermo, venne abbattuto (secondo altre versioni, esplose) nei cieli di Ustica, causando 81 vittime. In poco più di un mese, 166 tra uomini, donne e bambini innocenti sono stati uccisi senza un perché ancora chiaro, senza i mandanti definitivamente scoperti. Nel libro “ Ustica e Bologna. Attacco all’Italia ”, il giornalista d’inchiesta Paolo Cucchiarelli mette insieme a mosaico la relazione tra le due stragi, dopo anni di lavoro ed una mole di documenti, dichiarazioni e sentenze, inchieste giudiziarie e giornalistiche, fotografie e tracciati radar. Per fortuna c’è chi la memoria la tiene viva nella opinione pubblica, con libri ed inchieste necessarie. Fu strage fascista premeditata ben più in alto. Alcuni nomi (che per disgusto evitiamo di menzionare) sono stati da tempo assicurati alla giustizia, altri sono ormai cadaveri eccellenti, a partire dal capo della loggia massonica P2. Questa è cronaca passata alla storia, come tante altre devianze cruente. Ma la memoria di Vito rimane ancora dolente. Quella folle esplosione esala ancora tanta sofferenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int