Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: va in ristampa l’evento letterario “Mondo è stato e Mondo sarà

 
Spira ancora il vento di scirocco nelle librerie: va in ristampa l’evento letterario “Mondo è stato e Mondo sarà”. Un esordio notevole per l’opera prima dell’autore lucano Giuseppe Melillo. Un romanzo, edito dalla Hermaion, casa editrice lucana, che ha emozionato lettori e critici di settore. Sarà stato proprio il caldo vento di mezzogiorno con il suo carico di storie di uomini e donne dei Sud del Mondo ad appassionare i lettori di ogni latitudine. “Tra i rami del lago di Garda spuntano parole che sanno di Sud, che sia America o Europa poca importa” scrive un lettore. Il romanzo è ambientato nei diversi Sud del Mondo. I Sud come stato d’animo, come condizione universale dell’uomo in perenne lotta con sfruttamento, miseria, arroganza e soprusi. Linee territoriali e lembi di terra senza confini in cui i tempi si ricorrono in una progressione sia ciclica che a spirale. Movimenti geografici e temporali che coinvolgono stati d'animo differenti: la memoria e la speranza. Copie del libro sono state acquistate attraverso i diversi canali di distribuzione da lettori residenti in quasi tutte le regioni d’Italia. Le recensioni positive e spontanee apparse sulla rete hanno generato un passa parola che hanno fatto sì che ad appena dopo pochi mesi dalla presentazione ufficiale, febbraio 2020, sia stata necessaria la ristampa per far fronte alle richieste arrivate alla casa editrice Hermaion e per le diverse presentazioni previste in regione e fuori. L’emergenza Covid non ha fermato l’interesse, gli incontri con diverse realtà culturali si sono sviluppati sulle piattaforme online. Tra gli altri, l’incontro nazionale con la Fondazione del Circolo dei lettori di Torino ha prodotto l’attenzione dei partecipanti raccogliendo un numero alto di visualizzazioni e buoni feedback. La comunanza delle forze locali e il perseguimento dei medesimi obiettivi ha permesso a realtà apparentemente circoscritte alle dinamiche locali di fare breccia, posizionandosi in ambiti extraregionali. Roma, Eboli, Urbino, Bologna, Cosenza, Torino, Gallipoli, Bari, sono alcune dei luoghi in cui è stata richiesta la presenza dell’autore ai vari eventi. L’opera ha raccolto recensioni positive che hanno evidenziato apprezzamenti per lo stile e la costruzione narrativa e per i contenuti. Alcuni recensioni sono presenti sulla pagina Facebook : “mondo è stato e mondo sarà” www.hermaion.it 
 
Mondo è stato e mondo sarà” (ultimo titolo scelto) nel 2020 è compiuto ed è da leggere con un’avvertenza: siamo di fronte ad un viaggio che si può scegliere di fare da consumatori o da costruttori. Il libro, per chi vuole semplicemente consumarlo e fermarsi alla lettura, è piacevole, ben scritto, curato, con precise, dettagliate e verificate ricostruzioni storiche. La storia è fluida e avvincente e la scelta di condurre su binari paralleli le vicende permette al lettore di essere sempre vigile e curioso. Ma se si decide di conoscere i personaggi e di farli risuonare dentro di sé allora diventa uno splendido viaggio di condivisione di paesaggi interiori ed esteriori in cui difficilmente è chiara la linea di confine tra l’uno e l’altro. Diventa un libro in cui sperimenti il tempo consumato in attese identitarie e feconde, il tempo usato per il ricordo e la memoria, la dimensione di tempo sociale e ciclico con l’eco di Eraclito e Vico. ( Decanter online ) 
 
“ Mondo è stato e mondo sarà” non è solo un racconto di miseria, sfruttamento, arroganza e violenza ma anche una visione cosmopolita delle vicende umane in cui la dimensione globale e quella locale 
 
 

s’intrecciano e si contaminano in diversi spaccati del vissuto quotidiano che hanno caratterizzato e, per certi versi, continuano ancora a caratterizzare la realtà dei nostri piccoli paesi dell’entroterra lucana (Alternativa Riformista) . “un romanzo breve nel quale l’autore dà voce ad alcuni personaggi che descrivono la complessa dialettica tra rassegnazione e voglia di cambiamento che caratterizza il conflitto tra i ceti egemoni e il popolo dei braccianti, piccoli agricoltori, mezzadri e piccoli artigiani (Tiscali) . “è un breve tuffo nell’arido, ma inebriante liquore del Sud del Mondo, tratteggiato da una vena lirica che si affaccia assai possente nella descrizione di cose, luoghi e persone « L’aria sapeva di stoppie e di polvere di terra. Portava con sé il colore rosso del caldo dei peperoni e dei pomodori messi ad essiccare. Lo conosceva quel retrogusto zuccherino dei fichi ormai maturi e ci conviveva»” (Controsenso) “In questo racconto l’autore assieme ai personaggi di finzione ben costruiti ne ha messi anche di realmente esistiti: Francesco Netri, emigrato lucano che ebbe un importante ruolo come avvocato difensore dei contadini nello scontro con i latifondisti argentini negli anni Dieci, il sindacalista e predicatore conosciuto come Il Monaco Bianco, il partigiano Onofrio da Bernalda che partecipò all’assalto ai forni per distribuire pane agli indigenti, Padre Jonne leader degli evangelici Fratelli di Playmouth, Remi Fraisse ambientalista francese ucciso da una granata della polizia mentre nel 2014 protestava contro la costruzione di una diga e Il cantautore cileno Victor Jara vittima del golpe di Pinochet”. (Zoom sud) – 

Contatti Bartolomeo Telesca 

Cell. 3357415357 

Mail edizionihermaion@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Intervento del Vescovo Diocesi di Melfi mons. Ciro Fanelli sull’importanza del Cinema

“Eccellenza, Le saremmo grati se potesse scrivere pochi righi sulla importanza del Cinema nella conoscenza di tematiche importanti come quelle trattate nella Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati” Un caro saluto. Armando Lostaglio” E’ quanto abbiamo chiesto a mons. CIRO FANELLI, Vescovo della Diocesi di Melfi Rapolla Venosa, intervenuto con un suo elevato dialogo alla proiezione del film dei Fratelli Dardenne “L’età giovane”, uno dei 4 film della Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati, promossa da ARCI, CineClub V. DE SICA – Cinit e Parrocchia SS. Sacramento, nell’ambito della Estate Rionerese sostenuta dal Comune con la ProLoco. Ecco il suo intervento: Il Cinema: uno strumento per una chiarificazione dell’esistenza La persona cresce nella sua umanità nella misura in cui si approccia alla realtà con la sua intelligenza (la ragione) e con la sua sensibilità (il cuore): ragione ed emozioni sono le grandi luci con le quali e…

Reportage Fotografici. Venosa. Premiazione Concorso Lettearrio "Engel Von Bergeiche (23 Agosto 2020)