Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: “ Tra santi e mandarini ci sta pure uno zebù ” presentato a Ferrandina


Il 18 agosto 2020, nella piazzetta Rita Levi Montalcino di Ferrandina (MT), è stato presentato il libro “ Tra santi e mandarini ci sta pure uno zebù ” di Angelomauro Calza pubblicato dalla Edizioni Magister di Matera. Si tratta del secondo appuntamento della rassegna letteraria “La panchina dei libri: letture in villa” voluta dall’Amministrazione comunale e condotta dalla giornalista Margherita Agata che ha dialogato con l’autore. Una conversazione seguita con molta attenzione dai cittadini che numerosi stanno frequentando il cartellone “ EstArte ferrandinese 2020” e che durante la serata sono intervenuti nelle intriganti, divertenti e importanti storie lucane che lo scrittore Angelomauro Calza ha narrato.

Storie lucane che si intrecciano con storie internazionali, quali la rivolta dei boxer cinesi e quella di un podestà chiaromontese (a tal proposito l’autore ha annunciato che a Chiaromonte è imminente l’apertura al pubblico di una mostra contenete preziosi cimeli, opere d’arte, libri e vari oggetti che il Di Giura ha portato con sè dalla Cina) , oppure la storia del lucano Cavaliere della Corona d’Italia Vincenzo D’Ursi che era un ottimo decoratore tanto da essere impegnato anche nella Casa Rosada (dimora del Presidente della Repubblica Argentina); internazionale anche il successo del Premio Oscar Mike Maltese che mentre in America scriveva le sceneggiature di Bugs Bunny, Porky Pig, Speedy Gonzales, Tom e Jerry (per citarne solo alcuni) suo padre Mastro Paolo, detto u’tickt , a Chiaromonte, nella sua piccola bottega di barbiere, oltre a tagliare i capelli si cimentava a estrarre denti, tagliava un’unghia incarnita come pure incideva i grossi brufoli dei suoi concittadini. 

Ma anche storie di ordinaria vita nei comuni della Basilicata, ad esempio sotto un monumento, in una villetta o davanti ai tavolini di un bar si giovava a ‘ Padrone e sotto’ oppure a nascondino o si prestavano le proprie orecchie e il proprio cuore all’ascolto degli arpeggi della chitarra del giovanissimo Giovanni Viola , oggi affermato maestro musicista di fama mondiale e docente al Conservatorio di Perugia, che in questa serata ferrandinese ha fatto dono della sua presenza all’amico e concittadino Angelomauro Calza che si è commosso per questa inaspettata sorpresa.

La platea è stata fortemente coinvolta nel racconto di Domenico Cataldi, morto assassinato a New York per mano della ferrandinese Maria Barbella che si vendicò per essere stata soggiogata dal suo amante che, dopo averla, avuta si rifiutò di sposarla. Barbella è stata la prima donna italiana ad essere condannata alla sedia elettrica, ma poi venne assolta per incapacità di intendere e di volere in virtù della sua patologia epilettica. Tale successo si ottenne grazie all’intervento della contessa Cora Slocomb di Brazzà che ingaggiò a sue spese ben tre avvocati e chiese la revisione del processo. Per fortuna la condanna a morte sulla sedia elettrica non venne eseguita tempestivamente perché vi era un fortissimo scontro tra gli americani che si divisero tra i sostenitori della corrente continua e quelli per la corrente alternata.

Questa forte rivalità tra i sostenitori di Edison e quelli di Westinghouse-Tesla portò a una paralisi del sistema giuridico che tentennava a prendere posizione facendo scorrere del tempo che risultò preziosissimo ai fini della revisione del processo e portò al ribaltamento della condanna. «La sua assoluzione – ha dichiarato nell’intervento conclusivo il sindaco di Ferrandina Gennaro Martoccia– è stata importantissima per tutte le donne perché da quel momento hanno capito l’importanza di essere donne e vedere il mondo in maniera uguale all’altro sesso. 

Auspico di poter portare a Chiaromonte la commedia “Barbella-Cataldi” che la compagnia teatrale di Ferrandina ha già portato in giro per l’Italia e all’estero. Nutro viva speranza di poter fare un gemellaggio». L’editore Timoteo Papapietro , ha dichiarato che la Edizioni Magister proporrà all’Amministrazione comunale di Chiaromonte una serata di presentazione di questo libro e la rappresentazione teatrale della commedia con la compagnia di Ferrandina. Per chiudere la serata in allegria, la giornalista Margherita Agata ha invitato un membro della Compagnia di teatro ferrandinese a leggere la disavventura vissuta dall’autore con lo zebù che ha lasciato a tutti il sorriso stampato sui volti.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int