Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: “ Tra santi e mandarini ci sta pure uno zebù ” presentato a Ferrandina


Il 18 agosto 2020, nella piazzetta Rita Levi Montalcino di Ferrandina (MT), è stato presentato il libro “ Tra santi e mandarini ci sta pure uno zebù ” di Angelomauro Calza pubblicato dalla Edizioni Magister di Matera. Si tratta del secondo appuntamento della rassegna letteraria “La panchina dei libri: letture in villa” voluta dall’Amministrazione comunale e condotta dalla giornalista Margherita Agata che ha dialogato con l’autore. Una conversazione seguita con molta attenzione dai cittadini che numerosi stanno frequentando il cartellone “ EstArte ferrandinese 2020” e che durante la serata sono intervenuti nelle intriganti, divertenti e importanti storie lucane che lo scrittore Angelomauro Calza ha narrato.

Storie lucane che si intrecciano con storie internazionali, quali la rivolta dei boxer cinesi e quella di un podestà chiaromontese (a tal proposito l’autore ha annunciato che a Chiaromonte è imminente l’apertura al pubblico di una mostra contenete preziosi cimeli, opere d’arte, libri e vari oggetti che il Di Giura ha portato con sè dalla Cina) , oppure la storia del lucano Cavaliere della Corona d’Italia Vincenzo D’Ursi che era un ottimo decoratore tanto da essere impegnato anche nella Casa Rosada (dimora del Presidente della Repubblica Argentina); internazionale anche il successo del Premio Oscar Mike Maltese che mentre in America scriveva le sceneggiature di Bugs Bunny, Porky Pig, Speedy Gonzales, Tom e Jerry (per citarne solo alcuni) suo padre Mastro Paolo, detto u’tickt , a Chiaromonte, nella sua piccola bottega di barbiere, oltre a tagliare i capelli si cimentava a estrarre denti, tagliava un’unghia incarnita come pure incideva i grossi brufoli dei suoi concittadini. 

Ma anche storie di ordinaria vita nei comuni della Basilicata, ad esempio sotto un monumento, in una villetta o davanti ai tavolini di un bar si giovava a ‘ Padrone e sotto’ oppure a nascondino o si prestavano le proprie orecchie e il proprio cuore all’ascolto degli arpeggi della chitarra del giovanissimo Giovanni Viola , oggi affermato maestro musicista di fama mondiale e docente al Conservatorio di Perugia, che in questa serata ferrandinese ha fatto dono della sua presenza all’amico e concittadino Angelomauro Calza che si è commosso per questa inaspettata sorpresa.

La platea è stata fortemente coinvolta nel racconto di Domenico Cataldi, morto assassinato a New York per mano della ferrandinese Maria Barbella che si vendicò per essere stata soggiogata dal suo amante che, dopo averla, avuta si rifiutò di sposarla. Barbella è stata la prima donna italiana ad essere condannata alla sedia elettrica, ma poi venne assolta per incapacità di intendere e di volere in virtù della sua patologia epilettica. Tale successo si ottenne grazie all’intervento della contessa Cora Slocomb di Brazzà che ingaggiò a sue spese ben tre avvocati e chiese la revisione del processo. Per fortuna la condanna a morte sulla sedia elettrica non venne eseguita tempestivamente perché vi era un fortissimo scontro tra gli americani che si divisero tra i sostenitori della corrente continua e quelli per la corrente alternata.

Questa forte rivalità tra i sostenitori di Edison e quelli di Westinghouse-Tesla portò a una paralisi del sistema giuridico che tentennava a prendere posizione facendo scorrere del tempo che risultò preziosissimo ai fini della revisione del processo e portò al ribaltamento della condanna. «La sua assoluzione – ha dichiarato nell’intervento conclusivo il sindaco di Ferrandina Gennaro Martoccia– è stata importantissima per tutte le donne perché da quel momento hanno capito l’importanza di essere donne e vedere il mondo in maniera uguale all’altro sesso. 

Auspico di poter portare a Chiaromonte la commedia “Barbella-Cataldi” che la compagnia teatrale di Ferrandina ha già portato in giro per l’Italia e all’estero. Nutro viva speranza di poter fare un gemellaggio». L’editore Timoteo Papapietro , ha dichiarato che la Edizioni Magister proporrà all’Amministrazione comunale di Chiaromonte una serata di presentazione di questo libro e la rappresentazione teatrale della commedia con la compagnia di Ferrandina. Per chiudere la serata in allegria, la giornalista Margherita Agata ha invitato un membro della Compagnia di teatro ferrandinese a leggere la disavventura vissuta dall’autore con lo zebù che ha lasciato a tutti il sorriso stampato sui volti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Appuntamenti in Primo Piano: Premiazione concorso letterario nazionale a Venosa (PZ)

Domenica 23 agosto a partire dalle ore 17 nel rispetto delle normative covid (con ingressi regolamentati e solo su invito) a Venosa, nella magnifica cornice storica del castello ducale 'Pirro del Balzo', si svolgerà la cerimonia di premiazione del concorso letterario nazionale 'Engel Von Bergeiche', a cura dell'omonima Associazione artistico-letteraria. Una 9° edizione dal tema “Una goccia, per alleviar le pene di Mater Terra!”, con il patrocinio dell'amministrazione comunale e dedicata al poeta e scrittore Angelo Calderone, originario della ridente comunità del Vulture di Ruvo del Monte e autore apprezzato in Italia e all'estero con numerose coppe e targhe vinte in concorsi prestigiosi. Un modo significativo e di alto valore sociale per ricordare il conterraneo prematuramente scomparso nel 2011 che ha sempre con onore e piacevoli ricordi rispettato il valore e l'attaccamento per le sue origini in terra lucana. Il tema quest’anno ha come leitmotiv l’at…

Schermi Riflessi: Intervento del Vescovo Diocesi di Melfi mons. Ciro Fanelli sull’importanza del Cinema

“Eccellenza, Le saremmo grati se potesse scrivere pochi righi sulla importanza del Cinema nella conoscenza di tematiche importanti come quelle trattate nella Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati” Un caro saluto. Armando Lostaglio” E’ quanto abbiamo chiesto a mons. CIRO FANELLI, Vescovo della Diocesi di Melfi Rapolla Venosa, intervenuto con un suo elevato dialogo alla proiezione del film dei Fratelli Dardenne “L’età giovane”, uno dei 4 film della Mostra “Effetto Notte. Il cinema dei diritti negati, promossa da ARCI, CineClub V. DE SICA – Cinit e Parrocchia SS. Sacramento, nell’ambito della Estate Rionerese sostenuta dal Comune con la ProLoco. Ecco il suo intervento: Il Cinema: uno strumento per una chiarificazione dell’esistenza La persona cresce nella sua umanità nella misura in cui si approccia alla realtà con la sua intelligenza (la ragione) e con la sua sensibilità (il cuore): ragione ed emozioni sono le grandi luci con le quali e…