Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Giornate europee del patrimonio: “Venosa: patrimonio culturale tra opportunità e sviluppo. – 26 settembre 2020


Il giorno 26 settembre 2020 dalle ore 17:30, presso la splendida Abbazia della Santissima Trinità, si svolgerà un convegno dal tema “Venosa: patrimonio culturale tra opportunità e futuro” . Organizzato del Rotary Club Venosa e dal Club UNESCO del Vulture, in collaborazione con il MiIBACT, Museo Archeologico Nazionale e Parco Archeologico di Venosa, ed il patrocinio della Regione Basilicata, APT Basilicata e della Città di Venosa, che promuovono nell’ambito delle giornate europee del patrimonio (GEP) attività che quest’anno saranno sviluppate attraverso il tema comune “ Imparare per la vita” per richiamare i benefici che derivano dalla esperienza culturale e dalla trasmissione delle conoscenze nella moderna società. “L’obiettivo è rafforzare il legame tra beni culturali e turismo affinché si consolidi e si qualifichi sempre di più l’offerta culturale attraverso la trasmissione delle conoscenze”, ci spiega Teresa Asciutto Presidente del Rotary Club Venosa, “in questa prospettiva i luoghi della cultura sono chiamati a giocare un ruolo di primo piano, essendo il patrimonio storico-artistico veicolo di conoscenza del passato, di riflessione sull’attualità, di ispirazione per il futuro”. “Venosa possiede beni culturali che rappresentano storie e valori, memoria e identità della città” dice Francesco Perillo, Presidente del Club Unesco del Vulture “dove i monumenti, il paesaggio, gli eventi sono fonte di un piacere estetico e di arricchimento culturale, ma costituiscono, nel contempo, un’efficace risorsa produttiva per lo sviluppo sociale ed economico del borgo stesso.” 
 Sono previsti i seguenti interventi: 
Gli affreschi della Chiesa antica della Santissima Trinità di Venosa” Vita Giulia Manes, Storica dell’arte. 
“Roma e l’Italia antica. La topografia, l’isolato sotto la Santissima Trinità, uno scrigno da scoprire” Maria Luisa Marchi, Docente Università di Foggia Dipartimento di Studi Umanistici. “ 
City branding, generatore di attrattività e motore di sviluppo, valorizzazione delle peculiarità dei siti” Teresa Gualtieri, Presidente Nazionale della FICLU. 
“L’identità dei territori come motore di sviluppo di un turismo sostenibile”. Ermanno Bonomi, Sociologo del Turismo

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e