Passa ai contenuti principali

Emozioni Rubrica di Gianni Donaudi. TERESINKA PEREIRA "BOMBA DI POPOLAZIONE"

A PAOLO EHRLICH

che ha guidato la fondazione della
Organizzazione "Zero Population Grow".

La morte non è la soluzione,
perché è meglio non nascere.
La guerra non è la soluzione,
perché è meglio costruire
la comunità globale.
Consumare e sprecare
non è la soluzione
perché non abbiamo bisogno
di tutto ciò che abbiamo.
Invece, abbiamo bisogno dell'amore
non stiamo dando
ai nostri simili.
Non è difficile da imparare
da ciò che la vita ci insegna:
la procreazione non è solo per istinto,
è anche la nostra vanità.
I nostri figli lo stanno già
inquinando il pianeta,
e dobbiamo farglielo
capire
il povero non ha chiesto
di nascere e loro
continuano a procreare
per mancanza di risorse
per conoscere meglio.

Transl. by 

Giovanna Guzzardi
....................

.............................

POPULATION BOMB
         TERESINKA PEREIRA

          TO PAUL EHRLICH

              who led the foundation of the

              "Zero Population Grow" org.


Death is not the solution,

because it is better not to be born.

War is not the solution,

because it is better to build

the Global Community.

To consume and waste

is not the solution

because we don't need

everything we have.

Instead, we need the love

we are not giving

to our fellow creature.

It is not difficult to learn

from what life teaches us:

procreation is not just by instinct,

it is also our vanity.

Our children are already

polluting the planet,

and we need to make them

to understand that

the poor did not ask

to be born, and they

go on procreating

for lack of resources

to know better.

....................


Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai  Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

Segnalazione in primo Piano: l Quarry Resort di Matera vincitore al Premio “La Fabbrica nel Paesaggio – edizione 2020”

Si è tenuta a Foligno la premiazione dei vincitori del bando nazionale indetto dal club per l’UNESCO di Foligno e Valle del Clitunno e dalla FICLU, Federazione Nazionale dei Centri e Club per L’Unesco, “La fabbrica nel paesaggio - premio 2020”. Il primo premio se lo è meritato il Quarry Resort- Palazzo Zicari di Matera candidata dal Club per l’UNESCO del Vulture con la seguente motivazione: “Per la perfetta e piena rispondenza ai criteri del 1 e 2 del bando cioè della conservazione, anzi del miglioramento, di un paesaggio naturale e culturale di grande delicatezza, quale quello dei sassi di Matera, nel rispetto delle vocazioni territoriali. Il tutto avendo garantito un’alta qualità estetica dell’intervento e dimostrato la capacità di sapere restaurare e reintegrare una grave lacuna urbana in modo colto e, al tempo stesso, produttivo, tale da generare una nuova realtà capace di produrre lavoro oltre che interazione sociale e culturale. Molto interessante il recupero delle vecc…

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: “Oltre la felicità” di Michele Libutti

Può capitare che uno scrittore senta il bisogno di ri-raccontarsi con maggiore veemenza, ovvero di fare ulteriore chiarezza rispetto a quanto ha già pubblicato. Oltre la Felicità di Michele Libutti Accade allo scrittore lucano Michele Libutti che ha alle spalle diciannove pubblicazioni, un quarantennio da medico, una laurea in lettere classiche e premi letterari di livello nazionale. Con il suo ultimo lavoro dal titolo impegnativo “Oltre la felicità” (Nuova Prhomos Edizioni) lo scrittore si misura con la probabilità di carpire il segreto che sta dietro a tale ambizione umana e necessaria che chiamiamo felicità, in fondo ad un viale ipotetico o reale che sia. Operazione non sempre riuscita a scrittori e intellettuali anche del grande schermo come Woody Allen, ipocondriaco che sente sempre il bisogno di ambire a quel livello superiore che chiamiamo felicità. Michele Libutti sente, dicevamo, un bisogno ulteriore, di fare chiarezza nella maniera di interpretare questo suo testo, che ap…