Passa ai contenuti principali

Emozioni rubrica di Gianni Donaudi. FUOCO SENZA QUINTE Teresinka Pereira

 

Mi fai ancora sognare
e cammina con le stelle
nei sentieri di un fuoco senza spegnimento.

So che il nostro destino è fermo
alimentato da energie che iniziano
nelle nostre mani e guidano la
vita quando raggiungono i nostri cuori.

La fragranza dell'amore
diventa musica quando
apro il paradiso del mio seno
ai tuoi baci
e la mia sete di odissea
della tua pelle.
L'amore riempie la stanza dove
Sono regina e donna.

Mi spoglio nella luce
dei miei sogni
e nelle galassie remote
facciamo l'amore maestosamente
tra il miracolo e
il talismano del tempo.

Transl. by 

GIOVANNA GUZZARDI



QUENCHLESS FIRE

       Teresinka Pereira

You still make me dream

and walk with stars

in paths of a quenchless fire.


I know our destiny is still

fed by energies that start

in our hands and drive for

life when they reach our hearts.


The fragrance of love

becomes music when

I open the heaven of my breast

to your kisses

and my thirst to the odyssey

of your skin.

Love fills the room where

I am queen and woman.


I undress myself in the light

of my dreams

and in remote galaxies

we make love majestically

between the miracle and

the talisman of time.

..............


FOGO INESPERADO

      Teresinka Pereira

Você ainda me faz sonhar

e caminhar entre estrêlas

nas rotas de fogo inesperado.


Sei que nosso destino segue

alimentado por energias

que começam nas mãos

e que se fazem vida

ao chegar ao coração.


O perfume de amor

se faz música no meu seio

que se abre aos seus beijos.

Minha sêde de sua pele silenciosa

enche de desejo a sala

onde sou rainha e mulher.


Meu corpo se desnuda

na pemumbra do abraço

e nas remotas galáxias

amamos majestosamente

entre o milagre e o talismã

do tempo.

......................


EL FUEGO INESPERADO

         Teresinka Pereira

Todavía me haces soñar

y caminar entre estrellas

en rutas de fuego

inesperado.


Todavía sé que nuestro destino

sigue alimentado por energías

que empiezan en las manos

y que se hacen vida

al llegar al corazón.


El perfume de amor

se hace música cuando

el cielo de mis pechos

se abren a tus besos,

y la sed que tengo

de tu silenciosa piel

llena la sala 

donde soy reina y mujer.


Mi cuerpo se desnuda

en la penumbra del abrazo

y en las galaxias remotas

amamos majestuosamente

entre el milagro y

el talismán del tiempo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e