Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: X edizione del Premio collaterale “Sorriso diverso Venezia Award”

1 settembre Hotel Excelsior Sala Spazio incontri Venezia Production Bridge
 
Per il decimo anno consecutivo, si rinnova la collaborazione tra la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e la Dream On che eredita il premio di Critica Sociale “ Sorriso diverso Venezia Award ” dall’organizzazione del Festival internazionale del film corto Tulipani di seta nera , l’Università cerca lavoro e la TSN srls. Presidente del Premio è Diego Righini mentre Direttore artistico è Paola Tassone. Il premio collaterale “Sorriso Diverso Venezia Award” si è svolto presso l’Hotel Excelsior, nello Spazio Incontri Venice Production Bridge. Madrina dell’evento è stata Valeria Marini. La Giuria di esperti del mondo del cinema, composta da Catello Masullo (Presidente di Giuria), Paola Dei (vice Presidente di Giuria), Armando Lostaglio, Rossella Pozza , Marcello Zeppi, hanno decretato il “ Miglior Film Italiano ” e il “ Miglior Film Straniero ”, confrontandosi su diversi film che hanno fatto parte di quelli in Concorso per il Leone d’Oro e nella sezione Orizzonti. Miglior Film Italiano sono stati premiati “ Non odiare ” di Mauro Mancini e “ Notturno ” di Gianfranco Rosi, presenti i produttori Donatella Palermo e Paolo Del Brocco.​ Miglior Film stranieri sono “ Selva tragica ” della messicana Yulene Olaizola e “ Listen ” della portoghese Ana Rocha de Sousa.

Il viaggio turismo ENIT va al film “ Padrenostro ” di Claudio Noce, presente il produttore Andrea Colbucci. Grande soddisfazione viene espressa dal presidente Diego Righini e Paola Tassone per l’assegnazione di questi premi a film davvero importanti sotto l’aspetto della critica sociale. Catello Masullo, presidente della Giuria, ha sottolineato l’eccellenza della produzione cinematografica di questa 77 Mostra, con la sfida finora vinta dalla Biennale di Venezia e dal direttore Alberto Barbera di portare a termine la più antica Mostra di Cinema al mondo, nonostante il difficile momento. Il critico lucano Armando Lostaglio (CineClub De Sica – Cinit, componente della Giuria) sostiene che il considerevole Premio Sorriso Diverso diventi portavoce di un diffuso bisogno di Cinema e di dibattito, proponendo alla Biennale di Venezia di convincere i distributori di far circolare tali opere con maggiore incisività in tutte le sale italiane. 
 
 
In tale operazione potrebbe intervenire anche il Mibact e rappresenterebbe una grande operazione culturale oltre che di strategie di mercato, specie in questa particolare situazione. Sarebbe una grande battaglia a vantaggio del cinema colto e di una necessaria evoluzione collettiva. E sarebbe un peccato che i capolavori visti alla 77. Mostra non circolino e restino nel chiuso delle sale semivuote del Lido.

Commenti

Post popolari in questo blog

Galleria Fotografica: Lavello. Miss Miss In4missima (19 Settembre 2020)

Segnalazione in primo Piano: Tornare ad incontrarsi. L’Associazione “Donne 99” di Tito si ritrova per ricominciare

In maggio ho raccontato la capacità dell’Associazione “Donne 99” di Tito di stare insieme e sostenersi con un gruppo su WhatsApp. Finalmente il 3 settembre, dalle 17,20 alle 18,30, con Luisa Salvia, presidente dell’Associazione, 12 “ragazze” dell’Associazione si sono ritrovate per riprendere le attività nella biblioteca comunale “Lorenzo Ostuni”. Con loro sono tornato io Mario Coviello, presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza, per riprendere gli incontri del percorso #Unicef sulle emozioni “Non perdiamoci di vista” che avevamo interrotto nel mese di febbraio. Angela 1 e 2, le due Carmela, Serafina, Donata, Giovanna, Teresa, Lina, Maria, Luisa, in cerchio, con la mascherina e rispettando le distanze, hanno cominciato a raccontare, guardandosi finalmente negli occhi, i mesi del Covid. Certo si erano sentite a lungo per telefono e in videochiamate, si erano ritrovate in chiesa, al supermercato, ma avere tempo per raccontarsi guardandosi negli occhi, trovando le parole in un…

Schermi Riflessi: Addio a Walter Golia

Nella primavera del 2006 dopo un certosino lavoro di raccolta fondi (23 tra istituzioni pubbliche, 11 Comuni lucani, Regioni, Proloco, Comunità montane, Associazioni culturali, il CineClub De Sica-Cinit di Rionero, la famiglia Doino; qui e nel Limburg in Belgio, aziende, la Fiat Sata di Melfi...) il film si concretizza: siamo a Bella nella sala consiliare del Comune e stiamo provinando bambini in quantità per formare la classe di quinta elementare che vedremo spesso nel film nella parte lucana, sotto l'abile e amorosa cura del maestro, interpretato magistralmente da Ulderico Pesce. Abbiamo soprattutto da trovare piccoli interpreti per quattro ruoli sfaccettati, Armando, Egidio, Vito e Mario. Armando ed Egidio ci saranno in tutto il film, in Lucania e nel Limburg. Quello che mi fa tremare i polsi è trovare l'interprete di Armando, il figlio più giovane di Michele Acucella (Franco Nero) e di Vitina (Valeria Vaiano), che lo dovrà raggiungere in Belgio, a ricongiungers…