Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: X edizione del Premio collaterale “Sorriso diverso Venezia Award”

1 settembre Hotel Excelsior Sala Spazio incontri Venezia Production Bridge
 
Per il decimo anno consecutivo, si rinnova la collaborazione tra la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e la Dream On che eredita il premio di Critica Sociale “ Sorriso diverso Venezia Award ” dall’organizzazione del Festival internazionale del film corto Tulipani di seta nera , l’Università cerca lavoro e la TSN srls. Presidente del Premio è Diego Righini mentre Direttore artistico è Paola Tassone. Il premio collaterale “Sorriso Diverso Venezia Award” si è svolto presso l’Hotel Excelsior, nello Spazio Incontri Venice Production Bridge. Madrina dell’evento è stata Valeria Marini. La Giuria di esperti del mondo del cinema, composta da Catello Masullo (Presidente di Giuria), Paola Dei (vice Presidente di Giuria), Armando Lostaglio, Rossella Pozza , Marcello Zeppi, hanno decretato il “ Miglior Film Italiano ” e il “ Miglior Film Straniero ”, confrontandosi su diversi film che hanno fatto parte di quelli in Concorso per il Leone d’Oro e nella sezione Orizzonti. Miglior Film Italiano sono stati premiati “ Non odiare ” di Mauro Mancini e “ Notturno ” di Gianfranco Rosi, presenti i produttori Donatella Palermo e Paolo Del Brocco.​ Miglior Film stranieri sono “ Selva tragica ” della messicana Yulene Olaizola e “ Listen ” della portoghese Ana Rocha de Sousa.

Il viaggio turismo ENIT va al film “ Padrenostro ” di Claudio Noce, presente il produttore Andrea Colbucci. Grande soddisfazione viene espressa dal presidente Diego Righini e Paola Tassone per l’assegnazione di questi premi a film davvero importanti sotto l’aspetto della critica sociale. Catello Masullo, presidente della Giuria, ha sottolineato l’eccellenza della produzione cinematografica di questa 77 Mostra, con la sfida finora vinta dalla Biennale di Venezia e dal direttore Alberto Barbera di portare a termine la più antica Mostra di Cinema al mondo, nonostante il difficile momento. Il critico lucano Armando Lostaglio (CineClub De Sica – Cinit, componente della Giuria) sostiene che il considerevole Premio Sorriso Diverso diventi portavoce di un diffuso bisogno di Cinema e di dibattito, proponendo alla Biennale di Venezia di convincere i distributori di far circolare tali opere con maggiore incisività in tutte le sale italiane. 
 
 
In tale operazione potrebbe intervenire anche il Mibact e rappresenterebbe una grande operazione culturale oltre che di strategie di mercato, specie in questa particolare situazione. Sarebbe una grande battaglia a vantaggio del cinema colto e di una necessaria evoluzione collettiva. E sarebbe un peccato che i capolavori visti alla 77. Mostra non circolino e restino nel chiuso delle sale semivuote del Lido.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica