Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: MILANO-TARANTO 2020 La sorprendente edizione virtuale della maratona per moto d’epoca ha unito anche quest’anno il nord e il sud d’Italia

 
Fissate le date della prossima, attesissima edizione: 4-10 luglio 2021 
 
Tutto è iniziato quasi per gioco , per la voglia dell’organizzazione, di tutto lo staff e dei Tarantini più affezionati di sentirsi comunque vicini, coinvolti in un progetto comune, di sentirsi in viaggio , di riaccendere i loro amati e rombanti motori d’epoca, anche solo per qualche minuto o per qualche ora. Tutto è iniziato per la nostalgia di quell’atmosfera avventurosa, allegra e conviviale e per il desiderio di sentire, anche in questo strano 2020, un po’ di quell’ entusiasmo e di quell’ adrenalina che caratterizza ogni Milano-Taranto, ormai da ben 34 anni . La prima maratona per moto d’epoca virtuale della storia si è rivelata particolarmente bella e appassionante e anche estremamente partecipata. Il luogo di incontro è stato quello - accessibile a tutti, anche in tempo di pandemia - della pagina Facebook della Mita , da anni ormai importante punto di riferimento per iscritti e affezionati della manifestazione. Dalla mezzanotte del 4 luglio fino al 12 luglio 2020, in tantissimi hanno preso parte alla Milano-Taranto. L’evento prevedeva di raggiungere una o più delle località previste: ben 202 sparse in un lunghissimo tragitto disegnato tra Milano e Taranto e impossibile da percorrere tutto, se non in settimane di cammino. L’itinerario toccava infatti quasi tutti i luoghi che hanno ospitato la manifestazione in passato: un “serpentone” lungo complessivamente più di 7.000 chilometri che ha legato simbolicamente Nord e Sud, Est e Ovest e ovviamente il Centro Italia. Una volta raggiunto il luogo prescelto, il regolamento prevedeva di far avere all’organizzazione o di postare direttamente sull’evento Facebook una foto , un video o un selfie, meglio se in sella a una moto d’epoca e magari anche con indosso una t-shirt delle precedenti edizioni della manifestazione. Un’iniziativa inedita e originale che è piaciuta molto, andando ben oltre le aspettative sia in termini di numeri che di coinvolgimento: tanti sono stati i messaggi e i post ricevuti, centinaia i media inviati, tra foto e video, e centinaia sono state anche le persone che in totale hanno preso parte all’evento. In diversi casi infatti i partecipanti si sono organizzati in piccole comitive inviando immagini di gruppo: intere famiglie, amici storici, ma anche compagnie nate per l’occasione grazie, a volte, proprio ai contatti social. Il tracciato è stato coperto quasi nella sua totalità e non solo: numerosi sono stati anche i “fuori percorso” arrivati non solo dall’Italia, ma addirittura dall’estero , a confermare la vocazione internazionale della manifestazione. ​ Il successo della Mita virtuale è dipeso anche dal coinvolgimento di Amministrazioni comunali, Associazioni, Proloco e Motoclub che anche quest’anno, seppure inevitabilmente in modo solo virtuale, non hanno fatto mancare calore ed entusiasmo. Tra i contributi arrivati anche quelli, immancabili, del sindaco di Segrate Paolo Micheli, di Giacomo Casartelli, executive director di EICMA, e del campione Gianfranco Bonera. Questa 34esima edizione della Mita è stata insomma davvero straordinaria e - celebrata anche attraverso una clip realizzata utilizzando alcuni dei contributi più belli e significativi tra quelli ricevuti - entrerà di diritto nella storia della Milano-Taranto, rappresentandone una pagina di particolare valore. La Mita virtuale testimonia infatti al meglio lo spirito e l’identità di questo evento che non si ferma nonostante tutto , un po’ come quei motori degli anni ‘20, ‘30, ‘40 e ‘50 che tanto piacciono ai protagonisti della maratona e anche come quei Tarantini che mettono corpo e anima per arrivare a fine tappa, in ogni situazione, con 40 gradi o sotto la pioggia battente, con la grandine o col sole in faccia. Grazie alla tenacia e alla passione dello staff e dei partecipanti, neanche una pandemia è riuscita a fermare la Milano-Taranto. E nel corso dei saluti, sempre virtuali, di fine evento, ci si è dati appuntamento al 2021 . Le date, per tornare ad abbracciarsi, all’Idroscalo di Milano e poi ancora e di nuovo, fino all’arrivo sul Lungomare Virgilio di Taranto, sono già fissate: 4-10 luglio . Vietato mancare, vietato fermarsi. ​
 

















 

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica