Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano. SPORT, IMPEGNO POLITICO E DRAMMA UMANO NELLA STORIA DI VITTORIO STACCIONE

 
Presentato a Melfi il libro “Il mediano di Mauthausen” di Francesco Veltri, secondo evento del cartellone “Costituzione, Democrazia e Libertà”. 
 
“Siamo lieti di aver portato alla ribalta, anche a Melfi, la vicenda umana e sportiva di Vittorio Staccione , calciatore (anche del Torino) degli anni ‘20-’30 e attivista politico morto drammaticamente nel campo di sterminio di Mauthausen, che per la sua forte connotazione valoriale – hanno affermato con soddisfazione gli organizzatori- ben s’inserisce nel cartellone di eventi proposto e che sta riscuotendo l’apprezzamento di un pubblico sempre attento e numeroso”. Dopo l’incontro informativo su “ Referendum e Costituzione ”, è stata la volta della presentazione del libro “ Il mediano di Mauthausen ” di Francesco Veltri (Diarkos edizioni), secondo appuntamento del calendario di eventi, patrocinato dal comune di Melfi, messi a punto dall’Unione degli Studenti di Basilicata, Associazione e Fondazione “ Francesco Saverio Nit ”, Anpi Melfi e locale Toro club denominato “ Costituzione, Democrazia e Liberta ” -Dialoghi d’estate.
L’evento è stato introdotto da Giuseppe Laganaro dell’Unione degli Studenti di Basilicata. Animato dalle domande di Gianluca Tartaglia, presidente del locale Toro club e direttore dell’Associazione Nitti, e dagli interventi puntuali di Francesco Veltri, giornalista e autore del libro, e di Michele Petraroia , presidente regionale dell’Anpi, l’incontro, arricchito dall'intervento della studentessa Ornella Senese , si è caratterizzato per la diversità dei temi trattati e per la forma colloquiale che lo ha reso piacevole e particolarmente interessante. “Ringrazio la città di Melfi e tutti gli organizzatori per aver voluto dedicare questo bellissimo incontro a Vittorio Staccione e al libro che racconta la sua incredibile storia – ha detto Francesco Veltri -. Il protagonista era un calciatore di serie A a cui il male oscuro del suo tempo non ha concesso di esprimere fino in fondo il suo talento. Era un ragazzo povero, semplice, caparbio e al tempo stesso ingenuo, a tal punto da credere di poter opporsi al regime fascista e alla sua ideologia senza pagarne le conseguenze. Ha combattuto per questo fino all’ultima partita della sua vita, una partita surreale, giocata nel campo di concentramento di Mauthausen, accanto a coloro che poi sarebbero diventati i suoi assassini”. Nel corso dell’incontro Michele Petraroia ha sottolineato come “ la vicenda umana e sportiva di Vittorio Staccione, grazie al lavoro meticoloso di Francesco Veltri, avvicina ciascuno di noi e, in particolare, i giovani che praticano sport a comprendere meglio il valore della libertà e gli orrori di chi la nega. Ripercorrendo l’avvincente, ma dolorosa storia di questo calciatore, l’autore del libro restituisce alla memoria collettiva una storia nascosta , ma allo stesso tempo ci fa capire la violenza​ quotidiana del fascismo che annienta, discrimina e perseguita chi dissente. A nome dell’Anpi Basilicata un apprezzamento, particolare, all’Associazione e alla Fondazione Nitti e al Toro club Melfi per averci proposto un evento di simile spessore in cui è stato possibile incrociare il mondo del calcio al massimo livello con la necessità di non negoziare mai la libertà e la democrazia”. Le conclusioni dell’incontro sono state, invece, affidate a Wanda Savella dell’Unione degli studenti di Basilicata. Il calendario di eventi “ Democrazia, Costituzione e Libertà ” – dialoghi d’estate si concluderà venerdì 25 settembre con l’incontro su “ Università e Mezzogiorno ”, sempre alle 17, presso l’aula consiliare “ Nit-Bovet ” del comune di Melfi.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Iran, somiglianza delle festività e dei costumi italiani

Il regista e scrittore Mohammad Ghane Fard, componente della Associazione produttori documentali dell’Iran, ci ha scritto il messaggio che segue, per augurare Buona Pasqua in segno di fratellanza fra popoli di cultura diversa.    La somiglianza delle festività e dei costumi italiani con le ricorrenze religiose e antiche degli iraniani è molto interessante. Oggi era l'ultimo giorno delle vacanze di Capodanno in Iran, noto come Giornata della Natura. La gente va in montagna, pianura e foresta e prega Dio. Si chiede di liberare dai mali e du soddisfare i loro desideri. Il cibo che mangiano in questo giorno è la zuppa di verdure. Pochi giorni fa, 5 giorni fa, era il compleanno di Mahdi, che gli Sciiti credono sia il compleanno del Salvatore per il suo ritorno con Cristo... Questi giorni fortunati sono di buon auspicio per la salvezza dell'umanità.