Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: Unibas: eletto nuovo Rettore, prof. Mancini

Università della Basilicata, eletto nuovo Rettore 2020-2026:
è il prof. Ignazio Marcello Mancini
Oggi le votazioni nel polo del Francioso, a Potenza

Ignazio Marcello Mancini, preside uscente della Scuola di Ingegneria, è il nuovo Rettore dell’Università degli studi della Basilicata: Mancini è stato eletto oggi, nel corso della seconda votazione che si è svolta nel polo del Francioso a Potenza.
I votanti sono stati complessivamente 430, con 23 schede bianche e 13 nulle: Mancini ha ottenuto 266 voti.
Nella prima votazione, martedì 8 settembre, nessuno dei tre candidati (oltre a Mancini correvano per la carica di Rettore Faustino Bisaccia e Ferdinando Mirizzi) aveva ottenuto il quorum per l’elezione (di 196 voti), pari alla maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto. Mancini, sfiorando il quorum richiesto, nella prima votazione aveva ottenuto 171 voti, Mirizzi 84 e Bisaccia 43. In un documento, i candidati avevano quindi deciso di convergere sul prof. M. Mancini, in quanto “la prima tornata per l’elezione del Rettore – si legge in un documento a firma dei tre candidati - ha fatto emergere in maniera evidente l’orientamento di larga parte dell'elettorato. A seguito di un'attenta e serena riflessione e alla luce di una campagna elettorale aperta, leale, di confronto costruttivo sui problemi della nostra Università e sulle possibili prospettive di soluzione, una campagna elettorale caratterizzata dal profondo rispetto reciproco sul piano personale e delle idee da ciascuno esposte e discusse, noi tre candidati abbiamo insieme valutato che nei tre programmi elettorali rispettivamente proposti all’Ateneo, pur nella constatazione di ovvie differenze, vi siano delle fondamentali convergenze e, quindi, che sussistano le condizioni per procedere in direzione unitaria attraverso la riproposizione di alcuni principi programmatici che, tenendo conto dei punti comuni e nel rispetto quindi della volontà espressa dagli elettori, non potranno non guidare l'operato del prossimo Rettore, disegnando uno spazio comune in cui a ciascuna componente sia possibile offrire il proprio contributo in una corretta dialettica democratica”. 
“In coerenza con lo spirito del Patto per l’Ateneo – ha spiegato Mancini - che è il fulcro centrale delle mie linee di programma, ho ritenuto di accogliere senza esitazioni l’iniziativa dei colleghi candidati per verificare che sussistessero le condizioni per convergere unitariamente sulla mia candidatura. Tale verifica, come reso noto dal documento condiviso da noi candidati, è stata positiva alla luce di vari principi programmatici comuni alle candidature, pur nella costatazione di naturali differenze nella loro declinazione attuativa. Ringrazio sinceramente i colleghi prof. Ferdinando F. Mirizzi e Faustino Bisaccia sia per la loro volontà unitaria sia per la qualità del confronto: è stata una campagna elettorale intensa, condotta con grande rispetto e lealtà reciproci, che ha visto dispiegarsi un confronto di idee articolato e approfondito sulla situazione attuale e, soprattutto, sulle future prospettive di sviluppo dell’Unibas. Nell’attuale momento, cruciale per l’intero Paese e per l’Università in particolare, il nostro Ateneo ha bisogno della collaborazione di tutta la comunità accademica per affrontare al meglio e con la massima unità le sfide che ci attendono”.

Ignazio M. Mancini - Laureato con lode in Ingegneria Meccanica, ha iniziato l’attività scientifica nel 1987 presso il Reparto Sperimentale di Bari dell'IRSA-CNR. Dal 1989 al 1998 è stato ricercatore universitario di ruolo e successivamente professore associato presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi della Basilicata. Dal 2000 è professore ordinario di Ingegneria Sanitaria-Ambientale, dapprima presso la stessa Facoltà e, dal 2012, presso la Scuola di Ingegneria, ove, dallo stesso anno, ricopre la carica di Direttore. È componente del Collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca in Ingegneria per l’Innovazione e lo Sviluppo Sostenibile. È stato Preside della Facoltà di Ingegneria, pro-rettore alla Didattica, componente della Giunta della Conferenza per l’Ingegneria, componente del Senato Accademico, Coordinatore del Dottorato di Ricerca in Metodi e Tecnologie per il Monitoraggio Ambientale, attivato in consorzio dagli Atenei di Basilicata, Firenze, Genova e Roma "la Sapienza", Direttore vicario del Dipartimento di Ingegneria e Fisica per l’Ambiente, Responsabile del Laboratorio di Ingegneria Sanitaria-Ambientale. I principali temi di ricerca riguardano: lo studio e l'applicazione di processi per il trattamento dei reflui e dei rifiuti solidi prodotti in comprensori urbani, la definizione di azioni per la tutela delle risorse idriche, la gestione dei rifiuti solidi urbani, la bonifica di siti contaminati e la valutazione del rischio ambientale. Ha fatto parte, anche con funzioni di coordinamento, dei gruppi di lavoro che hanno curato l’elaborazione del Piano di tutela delle acque della Regione Basilicata, del Piano regionale di risanamento delle acque della Basilicata, la Delimitazione degli ambiti territoriali ottimali per l'organizzazione del servizio idrico integrato della Regione Basilicata, del Piano regionale di gestione dei rifiuti industriali della Basilicata, del Piano regionale di gestione dei rifiuti solidi urbani della Basilicata.  È stato componente del Comitato tecnico-scientifico della Regione Basilicata ex L.R. 3/94 "Piano di Risanamento delle Acque - Tutela, Uso e Risanamento delle Risorse Idriche". Partecipa, sia come responsabile sia come componente di unità operative, a programmi di ricerca finanziati dalla UE, dal MIUR, dal CNR, dal Ministero dell'Ambiente, da Enti pubblici, da imprese. È membro del Gruppo Nazionale di Ingegneria Sanitaria-Ambientale. È autore, con il suo gruppo di ricerca, di oltre centosettanta pubblicazioni edite su riviste scientifiche internazionali, volumi ed atti di convegni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e