Passa ai contenuti principali

IN PUGLIA, A CORATO, LA FINALE NAZIONALE DEL CONCORSO DI BELLEZZA ‘MISS IN4MISSIMA 2020’ CON PROTAGONISTE 5 LUCANE


Dopo la finale regionale di Lavello presso il 'Millionaire' lounge bar, dove si sono qualificate cinque miss lucane, si è svolta in Puglia la kermesse di moda e spettacolo ‘Miss In4missima’, format etico che 'combatte' l'anoressia e sensibilizza nella campagna contro la violenza sulle donne (alle partecipanti viene chiesto di indossare scarpe di colore rosso per solidarizzare contro le vittime di questo triste fenomeno) per una iniziativa dal valore sociale importante e considerevole, frutto di consensi e plauso. Il tutto inizialmente programmato a Rimini in Emilia Romagna dal 2 al 6 settembre scorsi e poi annullato causa rischio covid e 'recuperato' a Corato, nel barese, nel suggestivo scenario della sala ricevimenti 'Villa Bianca'. Con la conduzione anche quest'anno affidata ad Antonio Petrino, ottimi riscontri nell'atto finale per le concorrenti della Basilicata, soprattutto per l'ucraina Ilona Pavliuk (residente a Melfi) che è riuscita a conquistare la fascia 'Teenager' come seconda classificata, oltre ai buoni piazzamenti di Desirèe Vitale, Aurora Dragonetti, Antonietta Cirone e Rocchina Crecca, con vincitrice la pugliese Claudia Cristofalo. Tutte le vincitrici, gli ospiti e i giurati (tra cui attori, addetti ai lavori, personaggi dello spettacolo) sono stati omaggiati da due aziende lucane della provincia di Potenza, partner dell'evento, l'olio Gialloro (Ripacandida) e i prodotti di Leader Cosmesi (Filiano), che hanno supportato in grande stile il progetto anche per la fase nazionale.

Un format che è molto impegnato a livello sociale a sostenere le campagne di sensibilizzazione contro l'anoressia, bulimia e violenza sulle donne. L’evento, nato nel 2012, nasce da un progetto della promotrice Associazione Culturale ‘International Social Report' e sostenuta dal patron Vito Lorenzo Nanna, ricercando su tutto il territorio nuovi volti e talenti. Concorso giovane e potente, punta a trovare un vero impiego professionale a tutte le aspiranti che vogliono tentare di sfondare la porta del successo nel mondo della moda. Per vincere non serve solo la bellezza ma anche tanto impegno, volendosi fin dall’inizio differenziare da altri concorsi già esistenti, lottando attivamente contro il grave problema dell’anoressia e della bulimia. I promotori a tal proposito ritengono che sebbene i disordini alimentari siano il sintomo di problemi di natura più profonda, vadano affrontati attraverso un percorso di tipo psicologico. Il tutto credendo che sia doveroso di chi opera in questo settore di assumere una posizione forte e decisa rispetto ai canoni estetici imperanti a cui tante giovani ragazze fanno riferimento per la ricerca di un modello da imitare. Infatti il motivo conduttore è promuovere modelli estetici per lo meno con quanto stabilito nel dicembre del 2006 attraverso il Manifesto Nazionale di autoregolamentazione della Moda Italiana contro l’Anoressia, firmato dal Ministero per le Politiche Giovanili, Alta Moda Roma e Camera Nazionale della Moda Italiana. 

Non meno importanta la nuova testimonianza nella campagna sociale ‘no alla violenza sulle donne’, considerando che il fenomeno ha registrato una spaventosa crescita soprattutto nell’ambito familiare e, cosa peggiore, solo una percentuale bassissima di questi delitti viene denunciata. Il messaggio è rivolto alla donna, al suo valore all’interno della famiglia e della società, con l’intento che la donna sia libera di esprimere il suo talento e creatività, che esca dai pregiudizi della società, facendone parte attiva, cercando di aiutarle a trovare il coraggio di denunciare le violenze morali e fisiche che subiscono.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cristìnia di Cristina di Lagopesole – Edizioni dell’Eremo

“L’arte dello scrivere è l’arte dello scoprire ciò in cui credi”. Lo scriveva Gustave Flaubert due secoli fa, e alquanto si addice alla maniera (tormentata e gioiosa) di scrivere di Cristina di Lagopesole, poetessa sacra ed innografa lucana, che ha appena dato alle stampe la sua ultima fatica letteraria dal titolo “Cristìnia”. Un’opera poetica dall’elegante veste grafica (come del resto lo sono anche le precedenti pubblicazioni), edita dalle Edizioni dell’Eremo – La Grafica Di Lucchio, Rionero in Vulture – 120 pagine ben illustrate e corredate di immagini sacre, che guidano il lettore nella storia e nella preghiera di Santi, Beati, Venerabili che portano il nome Cristina, declinato anche in altre lingue ed epoche storiche.    Incontriamo la poetessa – originaria di Rionero in Vulture – in procinto di recarsi nell’Eremo carmelitano da lei edificato, fra il castello federiciano di Lagopesole e il santuario del Carmine di Avigliano. È un testo molto importante su Santi e