Passa ai contenuti principali

IN PUGLIA, A CORATO, LA FINALE NAZIONALE DEL CONCORSO DI BELLEZZA ‘MISS IN4MISSIMA 2020’ CON PROTAGONISTE 5 LUCANE


Dopo la finale regionale di Lavello presso il 'Millionaire' lounge bar, dove si sono qualificate cinque miss lucane, si è svolta in Puglia la kermesse di moda e spettacolo ‘Miss In4missima’, format etico che 'combatte' l'anoressia e sensibilizza nella campagna contro la violenza sulle donne (alle partecipanti viene chiesto di indossare scarpe di colore rosso per solidarizzare contro le vittime di questo triste fenomeno) per una iniziativa dal valore sociale importante e considerevole, frutto di consensi e plauso. Il tutto inizialmente programmato a Rimini in Emilia Romagna dal 2 al 6 settembre scorsi e poi annullato causa rischio covid e 'recuperato' a Corato, nel barese, nel suggestivo scenario della sala ricevimenti 'Villa Bianca'. Con la conduzione anche quest'anno affidata ad Antonio Petrino, ottimi riscontri nell'atto finale per le concorrenti della Basilicata, soprattutto per l'ucraina Ilona Pavliuk (residente a Melfi) che è riuscita a conquistare la fascia 'Teenager' come seconda classificata, oltre ai buoni piazzamenti di Desirèe Vitale, Aurora Dragonetti, Antonietta Cirone e Rocchina Crecca, con vincitrice la pugliese Claudia Cristofalo. Tutte le vincitrici, gli ospiti e i giurati (tra cui attori, addetti ai lavori, personaggi dello spettacolo) sono stati omaggiati da due aziende lucane della provincia di Potenza, partner dell'evento, l'olio Gialloro (Ripacandida) e i prodotti di Leader Cosmesi (Filiano), che hanno supportato in grande stile il progetto anche per la fase nazionale.

Un format che è molto impegnato a livello sociale a sostenere le campagne di sensibilizzazione contro l'anoressia, bulimia e violenza sulle donne. L’evento, nato nel 2012, nasce da un progetto della promotrice Associazione Culturale ‘International Social Report' e sostenuta dal patron Vito Lorenzo Nanna, ricercando su tutto il territorio nuovi volti e talenti. Concorso giovane e potente, punta a trovare un vero impiego professionale a tutte le aspiranti che vogliono tentare di sfondare la porta del successo nel mondo della moda. Per vincere non serve solo la bellezza ma anche tanto impegno, volendosi fin dall’inizio differenziare da altri concorsi già esistenti, lottando attivamente contro il grave problema dell’anoressia e della bulimia. I promotori a tal proposito ritengono che sebbene i disordini alimentari siano il sintomo di problemi di natura più profonda, vadano affrontati attraverso un percorso di tipo psicologico. Il tutto credendo che sia doveroso di chi opera in questo settore di assumere una posizione forte e decisa rispetto ai canoni estetici imperanti a cui tante giovani ragazze fanno riferimento per la ricerca di un modello da imitare. Infatti il motivo conduttore è promuovere modelli estetici per lo meno con quanto stabilito nel dicembre del 2006 attraverso il Manifesto Nazionale di autoregolamentazione della Moda Italiana contro l’Anoressia, firmato dal Ministero per le Politiche Giovanili, Alta Moda Roma e Camera Nazionale della Moda Italiana. 

Non meno importanta la nuova testimonianza nella campagna sociale ‘no alla violenza sulle donne’, considerando che il fenomeno ha registrato una spaventosa crescita soprattutto nell’ambito familiare e, cosa peggiore, solo una percentuale bassissima di questi delitti viene denunciata. Il messaggio è rivolto alla donna, al suo valore all’interno della famiglia e della società, con l’intento che la donna sia libera di esprimere il suo talento e creatività, che esca dai pregiudizi della società, facendone parte attiva, cercando di aiutarle a trovare il coraggio di denunciare le violenze morali e fisiche che subiscono.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai  Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

Segnalazione in primo Piano: l Quarry Resort di Matera vincitore al Premio “La Fabbrica nel Paesaggio – edizione 2020”

Si è tenuta a Foligno la premiazione dei vincitori del bando nazionale indetto dal club per l’UNESCO di Foligno e Valle del Clitunno e dalla FICLU, Federazione Nazionale dei Centri e Club per L’Unesco, “La fabbrica nel paesaggio - premio 2020”. Il primo premio se lo è meritato il Quarry Resort- Palazzo Zicari di Matera candidata dal Club per l’UNESCO del Vulture con la seguente motivazione: “Per la perfetta e piena rispondenza ai criteri del 1 e 2 del bando cioè della conservazione, anzi del miglioramento, di un paesaggio naturale e culturale di grande delicatezza, quale quello dei sassi di Matera, nel rispetto delle vocazioni territoriali. Il tutto avendo garantito un’alta qualità estetica dell’intervento e dimostrato la capacità di sapere restaurare e reintegrare una grave lacuna urbana in modo colto e, al tempo stesso, produttivo, tale da generare una nuova realtà capace di produrre lavoro oltre che interazione sociale e culturale. Molto interessante il recupero delle vecc…

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: “Oltre la felicità” di Michele Libutti

Può capitare che uno scrittore senta il bisogno di ri-raccontarsi con maggiore veemenza, ovvero di fare ulteriore chiarezza rispetto a quanto ha già pubblicato. Oltre la Felicità di Michele Libutti Accade allo scrittore lucano Michele Libutti che ha alle spalle diciannove pubblicazioni, un quarantennio da medico, una laurea in lettere classiche e premi letterari di livello nazionale. Con il suo ultimo lavoro dal titolo impegnativo “Oltre la felicità” (Nuova Prhomos Edizioni) lo scrittore si misura con la probabilità di carpire il segreto che sta dietro a tale ambizione umana e necessaria che chiamiamo felicità, in fondo ad un viale ipotetico o reale che sia. Operazione non sempre riuscita a scrittori e intellettuali anche del grande schermo come Woody Allen, ipocondriaco che sente sempre il bisogno di ambire a quel livello superiore che chiamiamo felicità. Michele Libutti sente, dicevamo, un bisogno ulteriore, di fare chiarezza nella maniera di interpretare questo suo testo, che ap…