Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: LUCANIA BELVEDERE SUL MEDITERRANEO


Quale la via per farla crescere dal suo interno Comunicato stampa 
 
Si è svolto a Pietragalla lo scorso 5 ottobre, nella splendida cornice del Salone del Palazzo Ducale, il convegno dal titolo “Lucania belvedere sul Mediterraneo. Quale la via per farla crescere dal suo interno”. Organizzato dal Centro Studi Lucano, nella persona del Notaio Domenico Antonio Zotta, in collaborazione con il MEIC (Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale) e l’Accademia Ducale centro studi musicali, l’incontro ha visto la partecipazione di eminenti personalità, accademici di fama, esperti in sviluppo locale, amministratori locali tra cui il Sindaco di Pietragalla, Paolo Cillis e il primo cittadino di Irsina, Massimo Nicola Morea che insieme hanno dibattuto sul tema proponendo possibili soluzioni per un rilancio della Basilicata. Le conclusioni sono state affidate al Prof. Cesare Mirabelli, presidente emerito della Corte Costituzionale il quale ha affermato che “l'unità e indivisibilità della Repubblica, che la Costituzione colloca tra i principi fondamentali, unitamente al riconoscimento delle autonomie locali, non riguarda solamente l'integrità territoriale dello Stato, ma anche l'unità delle condizioni sociali e di cittadinanza nel Paese. Non ci possono essere condizioni di vita, economiche e sociali, di servizi ai cittadini – ha continuato - che mantengano radicati squilibri storici tra nord e sud del Paese. La valorizzazione delle autonomie regionali, e la stessa impostazione del cosiddetto federalismo fiscale, prevede che lo Strato istituisca un fondo perequativo per i territori con minore capacità fiscale per abitante e che le risorse aggiuntive siano destinate agli interventi necessari per promuovere lo sviluppo e rimuovere gli squilibri economici e sociali. In coerenza con questa impostazione costituzionale la Lucania può e deve elaborare un progetto per il proprio sviluppo, fondato su una visione che ha origine nella comunità – ha concluso Mirabelli - e si sviluppa nelle formazioni sociali e nelle istituzioni”. Gli atti di questo primo incontro, a cui ne seguirà un altro ad Irsina, saranno raccolti in un volume, a cura del Centro Studi Lucano.

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazioni in Primo Pino: Un romanzo di fantascienza italiana nato tra Lombardia e Basilicata

Un ragazzo del Sud mette a frutto le sue qualità informatiche per creare un mondo migliore dopo la morte di suo fratello, l’ennesima morte bianca. Un libro di fantascienza italiana, nato tra Lombardia e Basilicata. Il quadro è Milano ed il suo hinterland, ma anche Gallarate che gravita come la Luna intorno al suo aeroporto internazionale di Malpensa, con i suoi mille voli giornalieri. Tutto parte al Sud, in terra lucana. Rocco “rappresenta” un po’ tutti i ragazzi buoni d’Italia: volenterosi, intelligenti e umili. Dopo la morte del fratello, a causa di un incidente sul lavoro, l’ennesima morte bianca , decide, ormai trent’enne, di riscriversi all’Università e dedicarsi allo studio dell’Intelligenza Artificiale . Finalmente potrà usare le sue innate qualità. Il progetto per lui è chiaro sin dall’inizio, ma quello che gli succederà andrà oltre quanto preventivato, portandolo ai bordi dell’Universo e prendendo contatto con una specie aliena, i SyborgX. Rocco non compi

Reportage. In questo momento nel mondo: Norvegia, Fiji, Scozia, Thailandia

Le migliori vignette sulla vittoria di Donald Trump alle elezioni Usa