Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: LIBRI & AUTORI NASCOSTI

 TUTTI GLI EVENTI SI TENGONO SUL GRUPPO FB EDIZIONI IL FOGLIO - ore 18 e 30

 
Buongiorno a tutti! Dopo aver sentito molti nostri autori presentare i loro libri, è la volta del confronto con i grandi, con la lettura poetica di opere importanti, da non dimenticare. Dicembre lo cominceremo così, dedicandoci a BaudelaireBorgesPrevertMeriniVierapoesia italiana del 1200. E andremo avanti con proposte di autori e simpatizzanti interessati a far conoscere opere imprescindibili del panorama letterario internazionale. Gruppo Facebook EDIZIONI IL FOGLIO. Iscrivetevi!
 
RICORDATE DI REGALARE UN NOSTRO LIBRO PER NATALE!
(Alleghiamo il catalogo)
IN TEMPI DI COVID CI AIUTATE A SOPRAVVIVERE
 
PROGRAMMA
Lunedì 30 novembre Alessio Lucignoli legge Charles Baudelaire "I fiori del male"
Martedì 1 dicembre Giulia Campinoti legge Alda Merini
Mercoledì 2 dicembre Patrizio Avella legge Jacques Prevert
Giovedì 3 dicembre Stefano Giannotti legge Jorge Luis Borges
Venerdì 3 dicembre Gordiano Lupi legge Felix Luis Viera
Sabato 4 dicembre Melisanda Massei Autunnali legge Poeti italiani del 1200
 
Eventi già tenuti
5 novembre –  
Rocco Rosignoli 
 - Musica e poesia
6 novembre – Gordiano Lupi presenta Franco Micheletti e i suoi Personaggi piombinesi
10 novembre –  
Andrea Fanetti 
 - La piazza in mezzo al mare/ Dalla neve al fango/ L'assassino e il pettirosso
11 novembre –  
Giulia Campinoti 
 - René Dubois e Piombino in musica
12 novembre –  
Stefano Giannotti 
 - E' un giorno a Piombino
13 novembre - Gordiano Lupi presenta l'opera di  
Aldo Zelli
16 novembre –  
Roberto Mosi 
 - Piombino in poesia (Navicello Etrusco, Gigli di mare ...) e la Principessa Elisa Bonaparte
17 novembre –  
Francesca Lenzi 
 - Indiana libera tutti e progetti futuri
18 novembre – Gordiano Lupi parla di Federico Fellini e il libro Fellini The Cinema Greatmaster, da poco ristampato
19 novembre Vincenzo Trama parla de Il Foglio Letterario, una rivista che facciamo dal 1999  
Se fossi postumo sarei Baricco
20 novembre - guest star! –  
Sacha Naspini 
 parla del suo ultimo libro Nives ( 
Edizioni E/O 
) e dei due libri editi con noi: L'ingrato e I Sassi.
21 novembre –  
Patrizio Avella 
 - Modigliani e la gastronomia francese
23 nov. –  
Antonella Giannarelli 
 – La sera per il fresco (usanze contadine in Val di Cornia)
25 nov. –  
Guido Tracanna 
 – Epimeleia (Letture poetiche) - introduzione di  
DANTE MAFFIA 
  
Per la letteratura a Dante Maffia
26 nov. - 
Maura Fioroni 
 (scrittrice di viaggio) – Confini/Yuma e il Nord Argentina
27  nov. - 
Gordiano Lupi 
 legge l’opera poetica di  
Maribruna Toni
28  nov. - 
Federica Marchetti 
 e il suo Sherlockiana
 
GRADITA LA SEGNALAZIONE A MEZZO STAMPA
 
IN ALLEGATO CATALOGHI E VIGNETTE
 
Gordiano Lupi

Il Foglio Letterario
0565.45098
Casa Editrice: www.edizioniilfoglio.com
Rivista: www.ilfoglioletterario.it
Gruppo FB: https://www.facebook.com/groups/65808867039/

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018