Passa ai contenuti principali

In Primo Piano con Eleonora Catalani

 
 
IN PRIMO PIANO 21. 
 
Puntata. ELEONORA CATALANI, artista lucana, nasce a Potenza. Dalla voce black ma molto versatile si confronta sin da piccolissima con il piccolo pubblico locale sia nei concorsi che intrattenendo feste private, riscontrando presto un grande consenso che la porterà ad intraprendere studi specifici della disciplina e a costruire il suo lavoro, oggi fatto solo di musica. Studia canto moderno privatamente a Urbino dove ha studiato Scienze Psicologiche, poi alla A.C. 'Singing School' di Angela Covucci nella città di Potenza e successivamente all'Accademia di Roma 'Cuore in Musica' con l'integrazione del canto gospel diretto dalla coach Johanna Pezone. Dalla Basilicata al Lazio e Poi in Umbria al C.E.T. di Mogol. Nel 2016 viene selezionata per partecipare sul palco di “Sing city” a Milano con RDS accompagnata dai ragazzi del Cpm (Music Institute diretto da Franco Mussida) condotto da Claudio Guerrini. Nel 2017 a Treviso partecipa ad un Master of Music e Media produzione discografica e stile vocale tenuto da Fausto Donato della Universal, Massimiliano Longo di 'All Music Italia' e con i ​ fratelli Conte (Produttori di Thomas, 'Amici '16') una full immersion di "Song ability e scrittura di testi”. Dal 2016 circa inizia a portare sui palchi e a sperimentare musica inedita scrivendo testi e melodie dal suono pop-soul principalmente. Nel 2017 partecipa a 'Basilicata's got talent' aggiudicandosi il premio "Miglior Talento Lucano". Nello stesso anno diventa concorrente di un programma in onda su Canale Italia "the best il talent" che la farà arrivare tra i finalisti e successivamente atterrare a Sanremo, all'evento collaterale "la vetrina dei talenti- una voce per Claudio Villa" vincendo il premio speciale e della critica. Ad agosto dello stesso anno partecipa a Pisa ad un concorso vero e proprio per cantautori "incantastorie" anche qui, classificandosi prima con un brano inedito interamente scritto da lei "Ma la neve non c'è". A dicembre viene chiamata per interpretare un brano in spagnolo dal titolo 'Desde el alma', per la presentazione del libro "orgoglio e pregiudizi" al Teatro 'Francesco Stabile' di Potenza, della giornalista Rai Tiziana Ferrario, grazie all'invito della dott.ssa ​Maria Albano autrice del libro dedicato a Rosita Melo. Nel frattempo continuano i concerti in regione e aree limitrofe con i vari gruppi locali con i quali collabora e in particolare con uno "i 3mendi", il cui tratto distintivo è la musica live protagonista di tante iniziative culturali organizzate in Basilicata e a Potenza. Tra questi ultimi: "la favola di cappuccetto Rocco" nel 2018 raccontata dal trio comico Lucano 'La Ricotta', inaugurazione della casa Ail dell'Azienda Ospedaliera S.Carlo con intermezzi musicali sempre a cura della band potentina. Nel 2018 con l'accademia romana in associazione con la 'Dream Ballet' di Enzo Paolo Turchi e Carmen Russo partecipa a un evento di musica e spettacolo tenutosi a Napoli. A fine 2018 arriva tra i 40 finalisti in un contest organizzato da Radio Lattemiele. Oggi Eleonora si dedica soprattutto alla musica inedita, in piena fase di promozione da un mese a questa parte di "Musica Vera", un brano pop dance presente su Youtube e su tutte le piattaforme digitali, per il singolo che darà il nome ad un intero disco che conta di terminare entro l'anno in corso.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo