Passa ai contenuti principali

IN PRIMO PIANO con Packy Thunder

 
IN PRIMO PIANO 26. 
 
Puntata. PACKY THUNDER, artista musicale e scrittore, di Calitri (AV). Il significato dello pseudonimo è Pasquale Tuono. Il tuono descrive appieno il suo carattere tranquillo, ma improvvisamente forte nei momenti di difficoltà, come un tuono improvviso e forte, causato da un grosso spostamento d’aria che il fulmine crea nell’atmosfera. ​Nasce nel 1992. Appassionato di musica, impara a suonare la chitarra all'età di 12 anni. Scrive il suo primo pezzo a soli 16 anni e a 18 decide di intraprendere seriamente la carriera artistica. Inizia così a partecipare a vari Festival Regionali. ​Debutta il 26 Luglio 2010 a Conza della Campania (AV) in una serata organizzata da Radio LatteMiele e TV Mille (emittente facente parte delle Televisioni locali italiane Campania) ​Il 14 Agosto 2010 vince la 18esima edizione del Festival Di Olevano sul Tusciano (SA) premiato da Sergio Forconi, Marco Gandolfi Vannini (dalla scuola di Amici di Maria De Filippi) e Francesca Francalanci (cantante, attrice e presentatrice fiorentina). Successivamente partecipa ad altri Festival con un notevole successo. ​Il 12 giugno 2011, vince il concorso 'Suona con gli Zero Assoluto' (gruppo musicale) organizzato da MSN Italia e sale sul palco con Thomas De Gasperi e Matteo Maffucci a Fonte Nuova (RM), per suonare con la sua chitarra il brano 'Questa Estate Strana'. Packy offre un'esibizione strepitosa, senza lasciar trasparire nemmeno un po' di agitazione facendosi definire: un vero animale da palcoscenico! ​Il 30 agosto 2011 vince il premio Miglior Inedito 2011 a Olevano Sul Tusciano (SA) con i brani 'Cercando L'amore' e 'Un Triste Addio'. ​Nel 2012 raggiunge la finale dell'Hit Week Festival. conquistando il pubblico di Facebook, si classifica primo ottenendo più like e si esibisce all’Arena del Molo di Terracina (LT). In quell’anno, ci furono come ospiti: Enrico Brignano, Negrita, Emma Marrone, Alessandro Mannarino, Africa Unite, Erica Mou, La Fame di Camilla, Boomdabash e Mama Marjas. ​Il 22 maggio 2013 viene pubblicata la canzone 'Vorrei Dirti' che diventa subito una hit nazionale, conquistando prima la classifica pop regionale e successivamente quella nazionale sul sito di 'ReverbNation', superando le 100.000 views dopo poche settimane su Youtube. A luglio dello stesso anno muove i primi passi nel mondo dello spettacolo recitando nel film-corto 'La vita è un provino', con Stefano Simondo, presentato successivamente al 'Giffoni Film Festival'. Nel 2018 pubblica la sua prima poesia dal titolo 'Due mani che si sfiorano', conquistando il pubblico della più famosa enciclopedia italiana di poesie, frasi e aforismi, 'PensieriParole,it' e successivamente anche del primo social dedicato ai poeti italiani 'Dantebus'. Il 12 settembre 2020 pubblica il suo primo libro intitolato 'L'Essenza dell'Amore', una raccolta di 55 poesie inedite.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018