Passa ai contenuti principali

L'Opinione di Marco Lombardi: Diego che sfidò Maradona e perse.


E' logico che quando muore un personaggio come Diego Armando Maradona, il caldo coro degli elogi sciolga tante perplessità. In queste ore però ci sono state anche, poche, voci fuori dal coro, una quella di Luciano Moggi, che ha ricordato con affetto l'ingenuità di un uomo rimasto per certi versi fermo all'età infantile, con tutti i vizi e le virtù che ciò comportava. D'altronde, come non rivedere nel guizzo bambino le immagini della famosa partita di beneficienza nel fango di Acerra. Chi dispone di Netflix si guardì il docufilm "Diego Maradona" che, tramite filmati d'epoca e testimonianze rare, descrive il campione e l'uomo. Usando le parole del suo preparatore atletico di fiducia, Fernando Signorini, c'era Diego, il ninho dedito al sacrificio per sè e per gli altri e poi c'era il suo peggior nemico, Maradona, spaccone e fuori dalle righe. A questo appunto il calciatore argentivo rispondeva che sì, era vero, ma che senza Maradona, Diego sarebbe rimasto per sempre nella baracca dove era nato, assieme ai genitori e ai cinque fratelli. Diego fu amico sincero nella vita privata. Maradona fu leader sul campo e negli spogliatoi, come pochissimi altri nello sport, ma anche protagonista di eccessi fondati su una non vaga consapevolezza di divinità. Diego Maradona fu un personaggio controverso che si legò alla malavita a causa della sua dipendenza dalla cocaina, che sfrecciava in ferrari certo che nessuno lo avrebbe multato, che vedeva complotti ovunque, ma fu anche colui che strinse rapporti sinceri con giornalisti, compagni e colleghi, scegliendo spesso le cause dei più deboli. Ah! fu anche un formidale fuoriclasse col pallone tra i piedi. Forse il fuoriclasse del calcio. Diego Maradona non è stato il classico atleta e condottiero sul campo insensibile a ciò che gli accadeva attorno, come lo fu un altro grandissimo come Michael Jordan - celebre la risposta del cestista statunitense: "Anche gli elettori repubblicani comprano le mie scarpe", a chi gli chiese perché non sposasse la campagna pro black dei candidati democratici. Non è stato però neppure un personaggio carismatico come Cassius Clay, pur disponendo di un palcoscenico anche più vasto. Il suo slancio sociale è stato fine a se stesso, non ha cambiato equilibri né smosso coscienze. Rimangono una marea di buone azioni e tanta ribalta mediatica, sfruttata da chi lo usò come specchio per le allodole. Una parabola disegnata nell'aria, che finisce da dove era partita, a terra e chi vuole applaudirla lo faccia.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: "Il Ritratto dell'Anima" di Carmen Piccirillo edito da Photo Travel Edition di Rionero

Il libro ‘’Il Ritratto dell’Anima’’, pubblicazione d’esordio dalla giovane e valente scrittrice rionerese Carmen Piccirillo, sta ottenendo negli ultimi tempi grande successo e ampia visibilità anche su scala nazionale. L’interessante libro redatto con grande competenza e professionalità dalla 29enne scrittrice di Rionero che alterna la passione per la scrittura a quella per il giornalismo, come ricordiamo, fu presentato con successo nel febbraio dello scorso anno 2020 presso la sala convegni della Biblioteca Comunale di Rionero sita nel suggestivo Palazzo Fortunato alla presenza di una folta ed attenta platea e con tante personalità di spicco dell’ambito della cultura locale. Un libro molto interessante che racchiude al suo interno 24 racconti monoepisodici che sottolineano svariati aspetti immaginativi e realistici come la fantasia, l’importanza di sognare e di perseguire un obiettivo oltre a mettere in risalto alcuni aspetti importanti della personalità dell’autrice come sensibilità,

📰 Riflessioni di Carmen Piccirillo: IL TEMPO LIBERO DEI RAGAZZI: USARLO NEL MIGLIOR MODO E’ POSSIBILE...

Uno dei problemi principali delle nuove generazioni è la gestione del tempo libero: spesso, il tempo in cui i giovani non sono impiegati nelle svariate attività scolastiche o di studio individuale, è utilizzato in maniera disfunzionale. Un esempio è la modalità relativa al costante attaccamento ai dispositivi elettronici: lo smartphone, il computer, con i quali si cade ciclicamente in uno spasmodico uso dei social network, che, senza dubbio, sono un buon mezzo di interattività, di incontro, di crescita tra persone -soprattutto in un momento così delicato per il mondo intero a causa delle pandemia da covid-19 e delle restrizioni conseguenti, che hanno provocato una mancata possibilità di aggregazioni sociali partecipate- ma se utilizzati in maniera scorretta ed eccessiva, divengono una vera e propria dipendenza patologica che crea non pochi disagi psicofisici, per non parlare delle alterazioni anatomiche come i problemi alla vista che sono in costante aumento. Diminuiscono prog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Iran, somiglianza delle festività e dei costumi italiani

Il regista e scrittore Mohammad Ghane Fard, componente della Associazione produttori documentali dell’Iran, ci ha scritto il messaggio che segue, per augurare Buona Pasqua in segno di fratellanza fra popoli di cultura diversa.    La somiglianza delle festività e dei costumi italiani con le ricorrenze religiose e antiche degli iraniani è molto interessante. Oggi era l'ultimo giorno delle vacanze di Capodanno in Iran, noto come Giornata della Natura. La gente va in montagna, pianura e foresta e prega Dio. Si chiede di liberare dai mali e du soddisfare i loro desideri. Il cibo che mangiano in questo giorno è la zuppa di verdure. Pochi giorni fa, 5 giorni fa, era il compleanno di Mahdi, che gli Sciiti credono sia il compleanno del Salvatore per il suo ritorno con Cristo... Questi giorni fortunati sono di buon auspicio per la salvezza dell'umanità.