Passa ai contenuti principali

Nota di Vito Iacoviello su articolo Corsera, eolico e fotovoltaico Legambiente


In un periodo di obbligo di mascherine, Legambiente getta definitivamente la sua, di maschera, facendo montare lo sdegno delle Associazioni e dei cittadini che da sempre difendono il Paesaggio italiano, Bene tutelato dall’art.9 della nostra Costituzione. In una intervista di martedì scorso,rilasciata a Elena Comelli (Corriere della Sera), Stefano Cefani, presidente di quell’associazione dice che “ Il paesaggio italiano cambierà. La transizione verde si farà,con molte opere che saranno realizzate sul territorio. Sorgeranno nuove pale eoliche, nuovi campi fotovoltaici…”. Alla domanda della Comelli “ Non avete paura che il paesaggio italiano venga sconciato?”,così risponde Cefani, “Nessuna paura,perché il territorio italiano è sempre cambiato,fin da quando i romani costruivano i loro acquedotti o i geni del Rinascimento edificavano le loro magnifiche cattedrali. Le pale eoliche e le ferrovie ad alta velocità sono le nostre cattedrali…”. In chiusura poi Legambiente attacca l’Associazione Amici della Terra che, insieme con tante altre,difendono invece il paesaggio. A loro la nostra massima solidarietà. Per il resto, come si fa a commentare? Ma come si possono paragonare le monumentali splendide cattedrali rinascimentali e i giganteschi acquedotti romani ,giunti fino a noi dopo decine di secoli a testimonianza della grandezza dell’ingegno umano, con le migliaia di pale e gli sterminati campi fotovoltaici? Questi ultimi testimoniano solo l’insensibilità e l’ingordigia di pochi,a danno della collettività,della dignità delle persone,della perdita del prezioso Bene Paesaggio. Che vadano a spiegarlo alle centinaia di persone, ad una per una, che in tutta Italia, ma soprattutto al Sud,si trovano a combattere contro questi mostri che senza pudore alcuno vengono paragonati a cattedrali e acquedotti! Ah…,se, oltre a quelle dei cittadini, si svegliassero finalmente le intelligenze e le coscienze di chi, avendone il potere, potrebbe impedire gli scempi. 

Vitantonio Iacoviello,
presidente sezione Vulture Alto Bradano e consigliere nazionale di Italia Nostra

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018