Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il Metodo Psycofilm per pazienti oncologici

Dialogo con Paola Dei, psicologa e critica di cinema 
 
Lo studio è stato pubblicato di recente anche dalla Università di Vienna, di Berlino e di Friburgo che hanno suffragato la pubblicazione sul Phenomena Journal. Si tratta di un lavoro analizzato attraverso il Cinema, e validato con test e strumenti scientifici. L’esperienza, realizzata presso l’Ospedale Campostaggia in Toscana, è risultata molto arricchente, ed ha evidenziato l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico, con la contestuale diminuzione dello stress, oltre ad un miglioramento delle relazioni familiari. Pioniere per la metodologia innovativa è il Metodo Psycofilm : il lavoro si pone di fondamentale rilievo, attraverso il cinema unito alla ricerca scientifica. Il progetto potrebbe essere realizzato anche nelle strutture della nostra regione. Ne parliamo con la dottoressa Paola Dei, psicologa senese, autrice di recensioni su cinema ed arte, con cui collaboriamo nelle Giurie di Festival nazionali come Sorriso Diverso e Montecatini Film Festival . 
 
Come nasce e come si muove tale impostazione scientifica con il Cinema che fa da supporto alle cure? 
 
Il Cinema è il compendio delle arti e quindi espressione di vissuti che si esprimono attraverso la bellezza delle arti, capace di condurci all’interno della nostra psiche. Pertanto, contestualizzando una meravigliosa teoria di personalità, lo studio è riuscito a dimostrare come un percorso puntuale e coraggioso nel quale abbiamo creduto fin dall’inizio e monitorato in ogni momento, sia riuscito, a diminuire nel paziente affetto da patologie oncologiche, sintomi correlati allo stress del 50 / 60 percento, e migliorare le relazioni inter e intra-familiari. Questo si è verificato anche nei parenti stretti.
 
Una esperienza che è vista di buon occhio negli ambienti scientifici? 
 
Ogni innovazione è come un film o una opera artistica. Ad alcuni piace ad altri meno. Questo è uno studio innovativo che per noi rimane molto importante. I semi piantati hanno poi dato i loro frutti in tutto il mondo, come dimostrano le molte università ​ che, dopo averla valutata, hanno deciso di pubblicarla su Riviste Scientifiche Internazionali. 
 
Un certo tipo di cinema aiuta dunque a migliorare lo stato interiore del paziente. Quali film averte preso in considerazione? 
 
Il cinema, un certo tipo di cinema scelto con cura, procura sempre uno stato di benessere, ma ai fini del lavoro psicologico va supportato da uno specifico metodo. Nel Metodo Psycofilm i film vanno scelti con molta attenzione di caso in caso e di situazione in situazione, in quanto si vanno a toccare interiorità fragili. Il percorso che ci siamo prefissati ha colto tutti gli stati d’animo che una persona si trova ad affrontare quando vive situazioni come descritte. Il compito dei registi e delle loro opere è stato quello di rendere il viaggio nell’interiorità più leggero. Questa esperienza ha prodotto frutti inaspettati anche da un punto di vista relazionale, rafforzando legami e permettendo di costruirne di nuovi; fornendo quindi chiavi di lettura diverse della propria vita. Abbiamo attraversato momenti molto commoventi ma anche deliziosi sorrisi e tenerezze. Una delle partecipanti (che purtroppo non è più con noi) testimoniava di come sia riuscita a trasformare i vissuti ansiosi in stupore e meraviglia. 
 
Un film che ha particolarmente colpito gli spettatori del progetto? 
 
“ Love is all you need ” con Pierce Brosnan e Trine Dirholm, diretto da Susanne Bier, ossia “ L’amore è tutto ciò di cui hai bisogno ”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazioni in Primo Pino: Un romanzo di fantascienza italiana nato tra Lombardia e Basilicata

Un ragazzo del Sud mette a frutto le sue qualità informatiche per creare un mondo migliore dopo la morte di suo fratello, l’ennesima morte bianca. Un libro di fantascienza italiana, nato tra Lombardia e Basilicata. Il quadro è Milano ed il suo hinterland, ma anche Gallarate che gravita come la Luna intorno al suo aeroporto internazionale di Malpensa, con i suoi mille voli giornalieri. Tutto parte al Sud, in terra lucana. Rocco “rappresenta” un po’ tutti i ragazzi buoni d’Italia: volenterosi, intelligenti e umili. Dopo la morte del fratello, a causa di un incidente sul lavoro, l’ennesima morte bianca , decide, ormai trent’enne, di riscriversi all’Università e dedicarsi allo studio dell’Intelligenza Artificiale . Finalmente potrà usare le sue innate qualità. Il progetto per lui è chiaro sin dall’inizio, ma quello che gli succederà andrà oltre quanto preventivato, portandolo ai bordi dell’Universo e prendendo contatto con una specie aliena, i SyborgX. Rocco non compi

Reportage. In questo momento nel mondo: Norvegia, Fiji, Scozia, Thailandia

Le migliori vignette sulla vittoria di Donald Trump alle elezioni Usa