Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Beniamino Placido nei ricordi della Televisione culturale


Rionero in Vulture. Non poteva mancare un ricordo particolarissimo di Beniamino Placido da parte di un programma televisivo (Rai Educational). Capita spesso che venga citato: Beniamino Placido ( Rionero in Vulture , 1º febbraio 1929 – Cambridge , 6 gennaio 2010 ), “ maestro” della opinione colta e profondo analista anche della letteratura e del cinema, definito “il più grande critico che abbia saputo leggere la televisione e il costume fra intelligenza e saggezza”. Nel segmento dedicato dalla puntata, è stato puntualizzato anche il contributo che Placido ha offerto ad una visione del costume mediante il fenomeno televisivo, con i suoi saggi sul “perché della televisione” negli scritti sul testo di Nanni Delbecchi “ La coscienza di Mike ”; e quindi le polemiche di Vittorio Sgarbi (ben prima che diventasse ciò che appare oggi in tv) che gli aveva rivolto “E’ stato bello litigare con un critico come te”. Certo Placido, nonostante la sua discrezione, lontano se possibile dai riflettori, non si sottraeva dal dibattito culturale, anche a costo di polemiche, come una volta con Giuliano Ferrara. Oppure lanciare provocazioni come su Garibaldi, asserendo che se avessero avuto la meglio i Borboni, oggi brigante sarebbe stato definito Garibaldi, mentre eroe nazionale Carmine Crocco, il brigante originario proprio della sua cittadina, Rionero in Vulture, in Basilicata. Bellissimo il duetto televisivo con il poeta potentino Vito Riviello, mandato in onda dal TG3 di Basilicata. I ricordi di Mimino, come lo chiamavano i parenti ed amici rioneresi sono davvero tanti. Bruno Vorrasi (gestore storico del cinema di Rionero) ricorda che a scuola era il più brillante. Al liceo potentino si distingueva pure perché impartiva lezioni di greco e latino agli studenti più giovani, ma non era di quelli che oggi si definirebbero secchioni, tutt’altro. Sempre da studente, marinava la scuola perché amava seguire i processi importanti presso il Tribunale nei pressi del suo liceo. ​ Si ricordano le battaglie giovanili (alla maniera dei ragazzi della Via Pàl di Molnar) sul Ponte di ferro, suo antico quartiere rionerese che Placido narrò anche in un suo scritto sul domenicale “Nautilus” (del quotidiano la Repubblica). Amava molto leggere i classici, la letteratura francese e russa (confermano i cugini Federico e Donato), e da adulto parlava e traduceva correntemente dall’inglese, dal francese e dal tedesco. Pare che riuscisse a leggere anche più libri contemporaneamente, mediante una tecnica tutta sua. Ma la lingua madre, il rionerese, cercava di custodirla gelosamente, parlandola abitualmente nella sua casa romana e fra i parenti. Rimane infatti proverbiale la sua cadenza lucana nelle brillanti dissertazioni televisive, ove appariva come un Woody Allen ante litteram. Ecco perché converrebbe far rivedere anche alle nuove generazioni quell'esemplare "Sedicitrentacinque" di qualche lustro fa, in cui Placido sapeva raccontare con equilibrio il nostro tempo, attraverso sequenze filmiche mirate. Beniamino Placido è di quei personaggi cui si avverte la mancanza in questo “tempo sbandato”, assenza come quelle di Pasolini, di Flaiano, di Camus, di Bufalino, di Nicola Chiaromonte (lucano di Rapolla), di Pratolini, per una rilettura dell’epoca e magari l’indicazione della rotta. In una lettera ad un quotidiano, un lettore scrive che conserva l’abitudine, suggeritagli proprio da un articolo di Beniamino Placido, di portare con se un libro tascabile, come faceva lui stesso fin da ragazzo. Conclude che “spesso il significato degli eventi si manifesta nei particolari. Placido mi ha insegnato ad osservarli con gli occhi della mente, perciò non posso dimenticarlo”. Invece nella sua cittadina di origine, nonostante gli appelli di questi anni (intitolare una stradina verso il suo “Ponte di ferro”) vada a scomparire nell’oblio, come mille altre cose meritevoli di lode.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo