Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Notturno di Gianfranco Rosi agli Oscar 2021

 
In questo terribile momento di pandemia che affligge l'umanità da quasi un anno, non sembri retorico parlare di sofferenza mediante un film che della sofferenza (degli invisibili) ne ha fatto la sua cifra emotiva. Parliamo del film NOTTURNO di Gianfranco Rosi, presentato all'ultima Mostra di Venezia, che rappresenta l'Italia ai Premi Oscar 2021 (Film straniero e Documentari). Il film, premiato col premio collatetale Sorriso diverso, è prodotto da RaiCinema e Art France Cinema. Si tratta di un documentario girato sui confini fra Siria, Iraq, Kurdistan, Libano, luoghi di dolore messi a ferro e fuoco dalla guerra dell' Isis. Rosi lo ha ripreso in tre anni, fra macerie umane e sprazzi di speranze. Il merito di Notturno è proprio quello di evidenziare, mediante un linguaggio asciutto e senza orpelli, la povertà di chi devasta e di contro la ricchezza di chi resiste nonostante tutto, vivido nei luminosi occhi dei bambini. La regia cosi ben calibrata mette proprio a fuoco quel contrasto fra buio e luci della vita quotidiana, mediante una fredda fotografia che non da scampo a illusioni di sorta. Gli abitanti di quella martoriata regione mediorientale vivono da anni nel silenzio dell'attenzione che invece meriterebbero da parte della opinione pubblica, che forse segue distrattamente quegli eventi che si consumano sulla pelle di persone innocenti, a partire dai bambini. Solo per ricapitolare: una guerra per la riconquista di Mosul e Raqqa, strappate all’ISIS nell'estate-autunno 2017, l’offensiva turca contro il Rojava curdo-siriano nell'autunno 2019 e l'assassinio del generale iraniano Soleimani per mano statunitense a Baghdad nel gennaio 2020. Una guerra subdola su un territorio appetibile per questioni estrattive da parte di potenze economiche. Il film di Rosi entra (e spesso indugia) nei gesti quotidiani dei superstiti che resistono e sopravvivono nei bui gironi danteschi. Il merito del coraggioso documentario sta proprio nel dare l'idea di una sofferenza incommensurabile, che il montaggio (di Iacopo Quadri) ha voluto mostrare, prolungando oltremodo una marcia di soldati o un lamento funebre di madri che piangono i figli uccisi nelle carceri. E le ragazze curde che sono in trincea pronte a sparare, incuranti della propria bellezza. E i bambini che raccontano coi disegni violenze inaudite. Rosi utilizza linguaggi semplici senza voler realizzare un reportage su quella interminabile tragedia. Non condanna né assolve: come nei suoi precedenti film, documenta con lampi di emotività, i luoghi non comuni della pietas, come a Lampedusa, o la vita ai margini del Grande raccordo anulare della Capitale: sono sempre vite nascoste agli occhi dell'opulenza. Sono quegli Altri a fornirci uno specchio con cui scrutare noi stessi. Ha coraggio il Cinema italiano a candidare un film coraggioso come Notturno. E che conferisce ulteriore dignità al genere documentario. Un grazie speciale va a Gianfranco Rosi, anche per aver dedicato la candidatura del suo.film alla recente scomparsa della giovane regista Valentina Pedicini.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Servizi Fotografici: Pro-Loco Ruvo del Monte. Presentazione del libro "L'Angolo di Armando" (13 Novembre 2021)

 

📷 Servizi Fotografici: Rionero. Inaugurazione Centro Fitness RF TRAINING (2 Ottobre 2021)

 

📰 Appuntamenti in primo Piano: 4^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore - Città di Eboli. Presentazione del libro “Il Monolite” di Paolo Itri

Eboli . Il 13 novembre, alle ore 18:00, presso Bistrot Patù, ci sarà la presentazione del libro “Il Monolite – Storie di camorra di un giudice Antimafia”, edito dalla casa editrice Piemme, nell'ambito della Rassegna Letteraria DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore. L'autore Poalo Itri, di origine Cilentane, nel suo libro ci racconta, attraverso le sue esperienze lavorative da magistrato, di quanto la Camorra può essere pericolosa. Il Palazzo di Giustizia napoletano è il più grande d'Italia, e probabilmente del mondo. Dopo anni trascorsi tra le sue mura, per il giudice Paolo Itri l'impressione è ancora quella di trovarsi di fronte al «monolite» di 2001. Odissea nello spazio. Un caos labirintico in cui ogni giorno si scrivono nuove pagine della tragedia e della commedia umana, un avamposto da cui Itri, con gli altri magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha condotto per lungo tempo la tormentata battaglia dello Stato contro la camorra