Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Notturno di Gianfranco Rosi agli Oscar 2021

 
In questo terribile momento di pandemia che affligge l'umanità da quasi un anno, non sembri retorico parlare di sofferenza mediante un film che della sofferenza (degli invisibili) ne ha fatto la sua cifra emotiva. Parliamo del film NOTTURNO di Gianfranco Rosi, presentato all'ultima Mostra di Venezia, che rappresenta l'Italia ai Premi Oscar 2021 (Film straniero e Documentari). Il film, premiato col premio collatetale Sorriso diverso, è prodotto da RaiCinema e Art France Cinema. Si tratta di un documentario girato sui confini fra Siria, Iraq, Kurdistan, Libano, luoghi di dolore messi a ferro e fuoco dalla guerra dell' Isis. Rosi lo ha ripreso in tre anni, fra macerie umane e sprazzi di speranze. Il merito di Notturno è proprio quello di evidenziare, mediante un linguaggio asciutto e senza orpelli, la povertà di chi devasta e di contro la ricchezza di chi resiste nonostante tutto, vivido nei luminosi occhi dei bambini. La regia cosi ben calibrata mette proprio a fuoco quel contrasto fra buio e luci della vita quotidiana, mediante una fredda fotografia che non da scampo a illusioni di sorta. Gli abitanti di quella martoriata regione mediorientale vivono da anni nel silenzio dell'attenzione che invece meriterebbero da parte della opinione pubblica, che forse segue distrattamente quegli eventi che si consumano sulla pelle di persone innocenti, a partire dai bambini. Solo per ricapitolare: una guerra per la riconquista di Mosul e Raqqa, strappate all’ISIS nell'estate-autunno 2017, l’offensiva turca contro il Rojava curdo-siriano nell'autunno 2019 e l'assassinio del generale iraniano Soleimani per mano statunitense a Baghdad nel gennaio 2020. Una guerra subdola su un territorio appetibile per questioni estrattive da parte di potenze economiche. Il film di Rosi entra (e spesso indugia) nei gesti quotidiani dei superstiti che resistono e sopravvivono nei bui gironi danteschi. Il merito del coraggioso documentario sta proprio nel dare l'idea di una sofferenza incommensurabile, che il montaggio (di Iacopo Quadri) ha voluto mostrare, prolungando oltremodo una marcia di soldati o un lamento funebre di madri che piangono i figli uccisi nelle carceri. E le ragazze curde che sono in trincea pronte a sparare, incuranti della propria bellezza. E i bambini che raccontano coi disegni violenze inaudite. Rosi utilizza linguaggi semplici senza voler realizzare un reportage su quella interminabile tragedia. Non condanna né assolve: come nei suoi precedenti film, documenta con lampi di emotività, i luoghi non comuni della pietas, come a Lampedusa, o la vita ai margini del Grande raccordo anulare della Capitale: sono sempre vite nascoste agli occhi dell'opulenza. Sono quegli Altri a fornirci uno specchio con cui scrutare noi stessi. Ha coraggio il Cinema italiano a candidare un film coraggioso come Notturno. E che conferisce ulteriore dignità al genere documentario. Un grazie speciale va a Gianfranco Rosi, anche per aver dedicato la candidatura del suo.film alla recente scomparsa della giovane regista Valentina Pedicini.

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018