Passa ai contenuti principali

Segnalazione in Primo Piano: Raccontare i bambini e i ragazzi stranieri accolti in Italia

Il Servizio Civile del Comitato Provinciale Unicef di Potenza con gli SPRAR di Rionero e Tito per far conoscere i minori stranieri. 
 
Francesco Ritrovato 
 
Giornata intensa quella di mercoledì 21 ottobre 2020 per Mario Coviello, presidente del Comitato provinciale Unicef di Potenza e per Claudia Robilotta e Veronica Lavecchia che portano avanti con Unicef un progetto di servizio civile per la difesa dei diritti dei bambini e dei ragazzi. Al mattino hanno incontrato Caterina Traficante, responsabile del progetto SPRAR gestito dall’ARCI a Rionero, e nel pomeriggio Francesco Ritrovato, presidente della cooperativa “ La mimosa”, che gestisce lo SPRAR di Tito. Con queste due cooperative l’Unicef della provincia di Potenza ha realizzato il docufilm di Giuseppe Russo “ Sottopelle” che ha raccontato a migliaia di alunni nelle scuole di Basilicata, a tante persone in Italia, le storie di bambini, ragazzi, papà e mamme che fuggono dalla guerra, dalle persecuzioni e dalla fame per costruire un futuro migliore per sè e i loro figli. Con queste due realtà associative il servizio civile dell’Unicef della provincia di Potenza vuole realizzare due laboratori per raccontare chi sono, come vivono, cosa sperano i giovani ospiti delle due strutture. E’ necessario, nonostante la pandemia che ci condiziona, conoscere e frequentare queste persone. Conquistare la loro fiducia, ascoltare le loro storie e poi convincerli a raccontarsi davanti ad una videocamera.
 
Claudia Robilotta, Caterina Traficante, Mario Coviello e Veronica Lavecchia 
 
Unicef Potenza è convinta che solo l’ascolto empatico, la condivisione, la narrazione partecipata può darci la possibilità di conoscere per capire e favorire l’integrazione vera. Nella lettera scritta da papa Francesco in occasione della recente Giornata mondiale dei migranti, il papa ci raccomanda di ascoltare, per conoscere, comprendere e condividere. Questo è l’intento di Unicef Potenza. Solo così è possibile difendere fino in fondo i diritti di tutti i bambini e i ragazzi del mondo. 
 
Mario Coviello

Commenti

Post popolari in questo blog

Segnalazioni in Primo Pino: Un romanzo di fantascienza italiana nato tra Lombardia e Basilicata

Un ragazzo del Sud mette a frutto le sue qualità informatiche per creare un mondo migliore dopo la morte di suo fratello, l’ennesima morte bianca. Un libro di fantascienza italiana, nato tra Lombardia e Basilicata. Il quadro è Milano ed il suo hinterland, ma anche Gallarate che gravita come la Luna intorno al suo aeroporto internazionale di Malpensa, con i suoi mille voli giornalieri. Tutto parte al Sud, in terra lucana. Rocco “rappresenta” un po’ tutti i ragazzi buoni d’Italia: volenterosi, intelligenti e umili. Dopo la morte del fratello, a causa di un incidente sul lavoro, l’ennesima morte bianca , decide, ormai trent’enne, di riscriversi all’Università e dedicarsi allo studio dell’Intelligenza Artificiale . Finalmente potrà usare le sue innate qualità. Il progetto per lui è chiaro sin dall’inizio, ma quello che gli succederà andrà oltre quanto preventivato, portandolo ai bordi dell’Universo e prendendo contatto con una specie aliena, i SyborgX. Rocco non compi

Reportage. In questo momento nel mondo: Norvegia, Fiji, Scozia, Thailandia

Le migliori vignette sulla vittoria di Donald Trump alle elezioni Usa