Passa ai contenuti principali

Segnalazioni in Primo Pino: Un romanzo di fantascienza italiana nato tra Lombardia e Basilicata


Un ragazzo del Sud mette a frutto le sue qualità informatiche per creare un mondo migliore dopo la morte di suo fratello, l’ennesima morte bianca. Un libro di fantascienza italiana, nato tra Lombardia e Basilicata.

Il quadro è Milano ed il suo hinterland, ma anche Gallarate che gravita come la Luna intorno al suo aeroporto internazionale di Malpensa, con i suoi mille voli giornalieri.

Tutto parte al Sud, in terra lucana.

Rocco “rappresenta” un po’ tutti i ragazzi buoni d’Italia: volenterosi, intelligenti e umili.

Dopo la morte del fratello, a causa di un incidente sul lavoro, l’ennesima morte bianca, decide, ormai trent’enne, di riscriversi all’Università e dedicarsi allo studio dell’Intelligenza Artificiale.

Finalmente potrà usare le sue innate qualità.
Il progetto per lui è chiaro sin dall’inizio, ma quello che gli succederà andrà oltre quanto preventivato, portandolo ai bordi dell’Universo e prendendo contatto con una specie aliena, i SyborgX.

Rocco non compie il suo cammino da solo, ma sarà con Rachele, una piccola bambina tetraplegica, e suo padre Alberto. Il loro compito sarà quello di salvare il mondo.

Questa storia non vuole solo raccontare con un salto di fantasia un ipotetico mondo fanta-spirituale, ma vuole essere un racconto contemporaneo che evidenzia i problemi legati al lavoro, la criminalità, lo sfruttamento ambientale, ma anche la Provvidenza e la possibilità di una redenzione ultima da parte di ognuno, quasi fosse un classico dostoevskiano.

L’IMPORTANZA DI LEGGERLO

È importante leggerlo perché anche la fantascienza italiana contemporanea merita uno spazio.
È importante leggerlo perché testimonia l’unione tra Nord e Sud Italia.
È importante leggerlo perché mette l’uomo al centro di tutto (lo scoprirete parlando con l’alieno Sirox).
È importante leggerlo perché rivaluta l’invalidità come elemento nascosto capace di salvare umanità.
È importante leggerlo perché diamo molte cose per scontato (lo scoprirete salendo sulla metro).
È importante leggerlo perché noi siamo ospiti di un pianeta vivente di nome Gaia, e non padroni.
È importante leggerlo perché ognuno può cambiare, anche un criminale.
È importante leggerlo perché esiste sempre una mano che ci aiuta.
È importante leggerlo perché non tutto è come ci appare, i sensi ci ingannano.

Dunque, perché non leggerlo?

https://www.mirkobresciani.it/fantascienza-italiana/

NOTE SULL’AUTORE: MIRKO BRESCIANI

Mirko Bresciani si è laureato in Sociologia con indirizzo comunicazione e mass-media presso l’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, con una tesi su Dostoevskij.

Ha pubblicato il Saggio La prospettiva etica in Dostoevskij e un libro di narrativa biografica dal titolo, Nient’altro che le stelle silenziose.

L’ultimo lavoro editoriale è 160 L’alba di una nuova esistenza, disponibile in esclusiva Amazon ed in concorso al premio letterario Amazon Storyteller 2020. Un romanzo di fantascienza italiana nato in terra lombarda e lucana.

Ha lavorato per diversi anni a Milano nell’area formazione, è impegnato nel sociale, continua a scrivere e si occupa di Marketing per realtà dall’alto contenuto innovativo.

Vive tra Gallarate, Milano e Verbania.

#fantascienzaItaliana #fantascienzaLombarda #fantascienzaBasilicata #InteligenzaArtificiale #Alieni

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Il ferro battuto di Pietro Lettieri

Arte e cultura: da Rapone a Londra e Dubai    Rapone. L’idea nasce da Marianna Pinto, una giovane manager di Rapone, da alcuni anni attiva con una grande azienda a Londra. Gira molto per l’Europa e non soltanto, dopo gli studi svolti a Bologna. E’ dunque intenzionata ad esportare il made in Italy, in particolare “una antica arte m a allo stesso tempo nuova che in Italia sta scomparendo: sculture e quadri ed elementi di interior design in ferro battuto.” Il fulcro della galleria e un artigiano/artista di Rapone, Pietro Lettieri in arte Pie.

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE

La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Intervista al musicista rionerese EDOARDO CARDONE

Edoardo Cardone, musicista 29enne di Rionero in Vulture, ha un vasto excursus artistico-musicale: A 12 anni inizia a studiare chitarra classica con il maestro Dino Rigillo; successivamente abbandona gli studi classici e si dedica allo studio della chitarra elettrica da autodidatta; nel 2010 studia armonia, ear-training e solfeggio con la maestra Lisa Preziuso; nel 2012 inizia il percorso di studi presso il Modern Music Insitute dove studia chitarra moderna ad indirizzo Rock/Fusion con il maestro Mirco Di Mitrio ed il presidente Alex Stornello approfondendo lo studio della chitarra elettrica, armonia avanzata a 360° e contemporaneamente studia HD recording con Andrea Pellegrini e Davide Rossi; nel 2018 si diploma al Modern Music Institute con il massimo dei voti; diventa insegnante abilitato MMI INTERNATIONAL e i suoi corsi di chitarra si svolgono presso la scuola di musica Rockin’Rio a Rionero in Vulture che è l’unico centro abilitato MMI in Basilicata e  la formazione è aperta a tutt