Passa ai contenuti principali

Appuntamenti in Primo Piano: Basilicata, Arte, Natura & Cultura dal paesaggio all'arte contemporanea


In Basilicata, in una fase di pandemia come quella che stiamo vivendo, ci sono realtà che hanno deciso di non stare ferme ad aspettare ma di mettersi insieme, per consolidare quanto fatto in tanti anni di lavoro e di investimenti nel settore culturale, dell’eco-turismo e del viaggio di scoperta, oggi, purtroppo, in grande difficoltà. Parliamo dell’associazione culturale ArtePollino, del Castello di San Basilio e della Welcome Lucania, realtà innovative che, in una fase così delicata, con consapevolezza, hanno la capacità di re- immaginare e lavorare per la ripresa del settore turistico-culturale attraverso una visione attenta, sostenibile e innovativa. La finalità del programma “Arte, Natura & Cultura Dal paesaggio all’arte contemporanea” è portare in Basilicata un turismo diverso, culturalmente attento e amante dell’arte e del cammino, organizzando percorsi di arte contemporanea, naturalistici, culturali ed enogastronomici, alla scoperta di una regione ancora poco esplorata, ma con grande potenziale. Guardare, insomma, con occhi nuovi al mondo della cultura e del turismo culturale e proporre una nuova modalità di fruizione del territorio lucano, della sua storia, cultura, tradizioni, enogastronomia, e connettere le diverse esperienze attraverso una piattaforma unica. Quello che si vuole portare avanti è un lavoro attento, attraverso i linguaggi del contemporaneo, in luoghi in cui solo apparentemente brilla forte il contrasto tra l’antichità e la modernità. Le tre realtà sono ben radicate nel territorio ma, da sempre, con uno sguardo attento sul mondo. Ed è proprio da questi sguardi che sono nati nuovi percorsi comuni che vogliono offrire al “viandante” la possibilità di godere di nuove forme di viaggio. L’associazione ArtePollino ha come suo obiettivo principale la promozione e la diffusione dell’arte contemporanea, in particolare del binomio arte e natura. Il progetto ArtePollino Un Altro Sud, dal quale è nata, ha consentito di poter “ripensare” il territorio del Pollino, di puntare su attività educative, eventi e iniziative dedicate all’arte contemporanea, collaborazioni con artisti, studiosi, seminari e conferenze in diverse città italiane e soprattutto sulla realizzazione, per tre edizioni consecutive, del Premio ArtePollino. In quanto project leader, ha contribuito al programma culturale per Matera Capitale Europea della Cultura nel 2019. ( www.artepollino.it ) Il Progetto Arte al Castello di San Basilio nasce nel 2019 con la finalità di creare degli eventi che possano attirare, attraverso l’arte, un maggior numero di turisti in Basilicata, sia italiani che stranieri. Di recente ha dato vita a un progetto di residenze di artisti di diverse nazionalità ai quali viene messa a disposizione una parte del Castello e dei suoi annessi, dando loro la possibilità di realizzare sul posto lavori ispirati al territorio. L’intento è di creare un polo artistico basato sulla collaborazione tra i proprietari, gli artisti e le gallerie che li rappresentano, attirando collezionisti e curatori da diversi paesi del mondo. ( www.ilcastellodisanbasilio.it ) Welcome Lucania si propone come punto di riferimento per il mercato turistico culturale ed enogastronomico, opera per l’affermazione e la valorizzazione delle risorse ambientali, paesaggistiche, artistiche, enogastronomiche e turistiche del territorio lucano, e come “destination developer” di strategie di sviluppo delle attività di commercializzazione. In pratica punta alla valorizzazione delle unicità del territorio e non all’omologazione o standardizzazione del territorio – prodotto. ( www.welcomelucania.it ) La prima proposta di programma che viene presentata, scaricabile sul sito www.lucanya.com parte dalla Puglia, passa dal Castello di San Basilio a Pisticci e arriva nel Parco nazionale del Pollino. 
 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Breve dialogo intorno al Presepe di Don Rocco

Rionero in Vulture. - A primo impatto appare come un’opera avveniristica, un’attesa che da primordiale riappare futurista. “Sì, perché le lampade richiamano l'Oriente ... l'assenza di statue ed immagini richiama l'Islam ... Forse un simbolo che Gesù è venuto al mondo per tutta l'umanità anche per i musulmani. Forse un messaggio di rinascita universale...” E’ quanto asserisce Lucia. “Prestando attenzione si sente la cascata della buona novella” ribatte Giovanna. “Da dove si capisce che è un presepe e non una installazione di quelle che vediamo a Venezia nella Biennale di Arte...?” Rammenta Donato. Certo, va visto dal vivo quel presepe che ha realizzato Don Rocco Di Pierro, nella Chiesa Mater Misericordia; eppure, sapendo che è in chiesa si intuisce che si tratta di un presepe... “E se fosse stato allestito in un museo cosa significherebbe? e se fosse stato in chiesa a Pasqua?” Ribatte ancora Donato. Tuttavia, offre una sensazione di quiete, luminosa, aurea per

Il lucano Francesco Di Silvio, produttore del film in concorso a Venezia "Rabin, the last day" di Amos Gitai

Lido di Venezia. E' lucano di Palazzo San Gervasio Francesco Di Silvio, il produttore del film "Rabin, The Last Day" di Amos Gitai, fra i più acclamati e possibile vincitore di un Premio importante alla 72. Mostra del Cinema di Venezia. Lunedì 7 settembre, alla prima del film in Sala Grande, era alle spalle del regista e dell'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale ha scelto di venire alla Mostra solo per questo straordinario film; un opera necessaria per capire più a fondo le problematiche del conflitto israelo-palestinese, a partire dall'assassinio del premier Rabin avvenuto venti anni or sono.

Giovedì 30 Agosto 2018